fbpx

Pechino2015: 4×400, azzurre prime fra le escluse

29 Agosto, 2015

Ottima prestazione della staffetta 4×400 femminile italiana composta da Maria Benedicta Chigbolu, Elena Maria Bonfanti, Ayomide Folorunso e Chiara Bazzoni. Le azzurre si sono piazzate in quinta posizione in 3’27”07 ma non è stato sufficiente per andare in finale.

Al termine delle due batterie le azzurre sono state le prime escluse dalla finale. Le migliori sono state le statunitensi Phylis Francis, Jessica Beard, Sanya Richards Ross e Francena McCorory che hanno vinto la batteria delle italiane in 3’27”05, mentre le nigeriane si sono aggiudicate la prima batteria in 3’23”27 davanti alla Giamaica (3’23”62).

Grande soddisfazione per le azzurre in zona mista nonostante l’eliminazione. La squadra azzurra può guardare con fiducia vista la presenza di giovani talenti come Ayomide Folorunso, quest’anno vincitrice della medaglia di bronzo agli Europei Juniores nei 400 ostacoli

“Rispetto alla gara individuale sono partita più tranquilla. Pensavamo di perdere molto senza Libania Grenot (che ha rinunciato per una peritendinite al tendine d’Ache invece usciamo dalla pista contente” ha detto Chigbolu.

“Ho cercato di correre senza guardare in faccia a nesuno”, ha detto Ayomide Folorunso.

Nessuna presenza italiana nella 4×400 maschile ma grandi prestazioni cronometriche degli Stati Uniti (2’58”13) e della Gran Bretagna (2’59”05) nelle due semifinali.

Il quartetto azzurro della 4×100 femminile con Giulia Riva, Irene Siragusa, Anna Bongiorni e Gloria Hooper si è piazzato al settimo posto nella prima batteria in 43”22 alle spalle della fortissima Giamaica (con Sherone Simpson, Melissa Morrison, Kerron Stewart e la campionessa mondiale dei 100 Shelly Ann Fraser Pryce) che ha realizzato il miglior tempo complessivo delle due semifinali e il tempo più veloce dell’anno con 41”84. Gli Stati Uniti con English Gardner, Allyson Felix, Jenna Prandini e Jasmine Todd hanno vinto la seconda semifinale in 42”00.

Nella 4×100 maschile la Giamaica senza Usain Bolt ma con Nesta Carter, Asafa Powell, Rasheed Dwyer e Tyquendo Tracey ha fermato il cronometro in un eccellente 37”41 battendo una grande staffetta francese (Biron, Lemaitre, Anuman e Vicaut) che è scesa sotto il muro dei 38 secondi con 37”88 e la Cina che ha migliorato il record asiatico con 37”92. Nella prima semifinale un quartetto stellare formato da Trayvon Bromell, Justin Gatlin, Tyson Gay e Michael Rodgers si è imposto in 37”91 davanti alla Gran Bretagna (38”20).