fbpx

Olimpiadi 2020 – Vince Tokyo

09 Settembre, 2013

Dopo Rio de Janeiro 2016, i Giochi olimpici torneranno in Giappone, nella stessa città che li ospitò nel 1964. Tokyo ha battuto Istanbul 60 a 36 nella votazione finale del congresso del CIO, tenuto a Buenos Aires sabato 7 settembre, per l’assegnazione dei Giochi del 2020. Una prima votazione era finita con un secondo posto a pari merito tra Istanbul e Madrid, distanziate da Tokyo per 42 a 26. Era stato quindi necessario un ballottaggio che aveva finito per escludere la capitale spagnola. Sulla sede nipponica sono confluiti i voti di gran parte dell’Europa, compresi quelli dei rappresentanti italiani (Pescante, Carraro, Cinquanta), nel tentativo di aprire uno spazio a una candidatura del Vecchio Continente per l’edizione del 2024 (Parigi, probabilmente, che punta a celebrare il centenario dei Giochi ospitati nel 1924, ma anche Roma, secondo fonti vicine al presidente Coni, Giovanni Malagò).

L’opinione degli osservatori è che con la precoce fuoriuscita di Madrid si sia voluto mettere al riparo Tokyo dall’avversaria più pericolosa. Era infatti difficile, a quel punto, esprimere la preferenza per Istanbul, alla luce dei casi di doping, dei disordini di piazza e della vicinanza con la Siria. Dopo essere stata scartata per le edizioni del 2008, 2012 e 2016, la Spagna, con ogni probabilità, ripiegherà sulla candidatura di Barcellona per i Giochi invernali del 2022.

La valutazione dei membri CIO è apparsa più compatta che in altre occasioni, quasi a voler sottolineare la necessità di una scelta sicura dal punto di vista economico e politico, dopo le sofferte edizioni nei Paesi in cirisi economica (Atene 2004) o in quelli dove i diritti umani non sono ancora una realtà (Pechino 2008) e avendo davanti un’edizione dei Giochi ancora piena di incognite, quella d Rio de Janeiro, tra meno di tre anni.