fbpx
Giancarlo Colombo

Meucci grande a New York

Grande prestazione di Daniele Meucci, che ha concluso la mezza maratona di New York in un eccellente 1:01”06 arrivando a soli quattro secondi dal vincitore Wilson Kipsang, medaglia di bronzo olimpica a Londra e vincitore alle maratone di Francoforte nel 2011 (con il secondo tempo di sempre sulla distanza 2h03’42”) e di Londra nel 2012. La gara della Grande Mela si é svolta in condizioni molto difficili con una temperatura gelida.

La prestazione di Meucci si colloca al sesto posto nelle liste italiane all-time sulla mezza maratona alle spalle di Rachid Berradi (1:00’20” alla Stramilano 2002), Marco Mazza (1h00’24” sempre nella stessa edizione della Stramilano), Giuliano Battocletti (1h00’47” nel 2002), Stefano Baldini (1h00’50” nel 2000) e Vincenzo Modica (1’01”03” nel 1993).

Meucci ha preceduto di quattro secondi un avversario di rango come lo statunitense Dathan Ritzenheim, atleta con un primato personale sotto i 13 minuti sui 5000 metri. Questi i tempi di passaggio dell’ingegnere pisano, medaglia d’argento agli Europei di Helsinki sui 10000 metri la scorsa estate: 15’04” al 5 km, 29’40” al 10 km, 43’55” al 15 km e 58’00” al 20 km con un parziale di 28’20” tra il 10 e il 20 km.

Dopo un avvio piuttosto lento a causa della temperatura molto rigida, la gara si è decisa intorno al 15 km (passaggio in 43’53”) Kipsang ha preso il largo grazie ad un parziale di 13’58” tra il 15 km e il 20 km. Kipsang difenderà il titolo conquistato l’anno scorso alla London Virgin Marathon il prossimo 21 Aprile.

“La gara avrebbe potuto essere più veloce se la temperatura fosse stata meno rigida. Non era nei miei piani aspettare il 15 km per attaccare ma a causa del freddo non era possibile spingere fin dall’inizio”, ha detto Kipsang.

L’ex campione mondiale dei 1500 e dei 5000 metri Bernard Lagat ha debuttato a 38 anni sulla distanza della mezza maratona concludendo in dodicesima posizione in 62’33”. Non male per un campione che prima di ieri non aveva mai corso su distanze più lunge di 10 km. L’obiettivo di Lagat è correre i 5000 metri in pista ai prossimi Mondiali di Mosca.

La keniota Caroline Rotich si é imposta nella gara femminile in 69’09” per tre secondi su Diane Nukuri Johnson del Burundi e per nove secondi sulla croata Lisa Stublic. La Rotich ha accumulato un vantaggio di otto secondi al 15 km ma negli ultimi 5 km si sono avvicinate pericolosamente la Nukuri Johnson e la Stublic che hanno rosicchiato lo svantaggio fino a raggiungere la leader. Nel finale la Rotich e la Nukuri Johnson hanno ingaggiato un bel testa a testa che è andato alla keniota per tre secondi. La Nukuri ha stabilito il record del Burundi con 1h09’12”. Record nazionale anche per la croata con 1h09’18”Ottimo quarto posto in 69’42” per la tedesca Sabrina Mockenhaupt nell’ultimo test in vista della maratona di Boston del 15 Aprile. Solo due volte la tedesca ha corso più velocemente nella sua carriera:68’45” nel 2009 a Berlino e 68’51” nel 2008 a Colonia.

Ventesimo posto di Valeria Straneo in 1h13’57” dopo un passaggio di 34’38” ai 10 km.