fbpx

Diamond League Birmingham: vittorie britanniche di Muir e Hodgkinson negli 800

Diamond League Birmingham: vittorie britanniche di Muir e Hodgkinson negli 800

22 Maggio, 2022

La vice campionessa olimpica Keely Hodgkinson ha vinto gli 800 metri femminili in 1’58”63 dominando dall’inizio alla fine. La francese Renelle Lamote si è piazzata al secondo posto in 1’59”63 nella sua prima gara dalle Olimpiadi di Tokyo. Il terzo posto è andato alla giamaicana Natoya Goule (2’00”13”).

Gaia Sabbatini ha esordito nella stagione all’aperto con un nono posto in 2’01”38.

La vice campionessa olimpica Laura Muir ha vinto i 1500 metri femminili in 4’02”81 davanti all’australiana Jessica Hull (4’03’42”) e alla keniana Winny Chebet (4’05”56).

Abel Kipsang ha conquistato la seconda vittoria consecutiva in Diamond League in questa stagione sui 1500 metri in 3’35”15 battendo il primatista spagnolo Mohamed Katir (3’35”62) e l’australiano Oliver Hoare (3’35”76) in un arrivo allo sprint.

L’etiope Dawit Seyaum si è imposta sui 5000 metri femminili con il miglior crono mondiale dell’anno di 14’47”55 battendo le connazionali Hawi Feysa (14’48”94) e Fantu Worku (14’49”84). La norvegese Karoline Bjerkeli Grovdal è stata la migliore delle europee in quarta posizione con 14’51”38. La tedesca Hanna Klein ha realizzato il personale con 14’51”71. Nadia Battocletti ha corso i primi 3000 metri insieme alle migliori prima di ritirarsi ai 3600 metri.

Il canadese di origini sudanesi Marco Arop ha vinto gli 800 metri maschili in 1’45”41 precedendo il francese Benjamin Robert (1’46”22) e lo statunitense Bryce Hoppel (1’46”33).

Gianmarco Tamberi si è classificato secondo con 2.25m nel salto in alto maschile nella gara vinta dal canadese Django Lovett con 2.28m.

Il meeting di Birmingham è stato illuminato dagli straordinari risultati dello sloveno Krjstian Ceh, vincitore nel lancio del disco con 71.27m (record della Diamond League, migliore prestazione mondiale dell’anno, record nazionale e record del meeting) e della tedesca Malaika Mihambo, vincitice nel salto in lungo femminile con due salti oltre i 7 metri (7.09m e 7.06m). Valarie Allman ha vinto il lancio del disco femminile con 67.85m davanti a Sandra Perkovic (67.26m).

Dina Asher Smith ha conquistato il successo sui 100 metri femminili in 11”11 davanti a Shericka Jackson (11”12) e a Darryl Neita (11”14).

La due volte campionessa mondiale indoor Sandi Morris ha realizzato la migliore prestazione mondiale dell’anno con 4.73m al terzo tentativo prima di tentare senza successo tre prove a 4.81m.

Il campione olimpico dei 110 ostacoli Hansle Parchment si è imposto in 13”’09 davanti all’altro giamaicano Omar McLeod (13”17).

La campionessa mondiale Dalilah Muhammad ha vinto i 400 metri ostacoli femminili in 54”54 battendo le ucraine Viktoriy Tkachuk (55”25) e Anna Rhyzhykova (55”37).

Dopo le due partenze false commesse da Trayvon Bromell e da Zharnell Hughes, il canadese Aaron Brown ha conquistato il successo sui 100 metri in 10”13 con vento contrario di -0.2 m/s davanti il giamaicano Yohan Blake (10”18) e i canadesi Jerome Blake (10”20) e André De Grasse (10”24).

Il campione europeo dei 400 metri Matthew Hudson Smith si è imposto in 45”32 davanti al pubblico di casa davanti al campione olimpico della staffetta 4×400 Bryce Deadmon (45”51) e all’altro statunitense Khamari Montgomery (45”52).

News Allenamento Equipment Salute Correre