fbpx

Boclassic: rivincita Edris-Merga e tanto azzurro

30 Dicembre, 2015

La 41ma edizione della Boclassic si preannuncia come una delle più spettacolari della storia della classica corsa bolzanina. La corsa che concluderà come da tradizione il 2015 dell’atletica italiana e internazionale avrà come tema la rivincita del duello tutto etiope della Boclassic 2014 tra Imane Merga e Muktar Edris, primo della passata edizione davanti al connazionale al termine di uno straordinario arrivo in volata.

Muktar Edris vanta un palmares straordinario che comprende l’oro ai Mondiali Juniores sui 5000 metri a Barcellona 2012 e il bronzo ai Mondiali di Cross di Guyang in Cina dello scorso marzo. Nel 2014 realizzò il miglior tempo mondiale dell’anno sui 5000 metri con 12’54”83 al meeting della Diamond League di Stoccolma. Nel corso dell’ultima estate il giovane campione etiope si è piazzato decimo ai Mondiali di Pechino sui 10000 metri ma nell’ultima gara su strada disputata ha dominato il Giro al Sas di Trento lo scorso ottobre.

Imane Merga ha vinto il titolo mondiale di cross nel 2011 a Punta Umbria e ha vinto l’argento due anni dopo sui prati di Bydgoszcz. In pista vanta un terzo posto ai Mondiali di Daegu 2011 sui 10000 metri. L’ultima estate Merga è sceso sotto i 13 minuti sui 5000 metri con 12’59”04 al Golden Gala di Roma. Ha partecipato cinque volte alla Boclassic dove vanta un secondo posto nel 2014 e un terzo nel 2011 oltre alle tre vittorie nel 2010, 2012 e 2013. “Ho corso cinque volte alla Boclassic e ho vinto tre volte. Voglio il poker. Sto bene e la mia condizione sta tornando ai livelli degli anni migliori dopo un periodo difficile. Voglio dire la mia e ci sono le premesse per un grande anno”, ha detto Merga durante la presentazione dei campioni.

Il Kenya sarà rappresentato da due fuoriclasse della pista come Birech e Longosiwa. Jairus Birech ha dominato le ultime due stagioni della Diamond League sui 3000 siepi e ha stabilito il miglior tempo mondiale nel 2014 e nel 2015. Nell’ultima estate ha corso in 7’58”83 al meeting di Parigi mancando di poco il record personale stabilito nel 2014 a Bruxelles ma non è andato oltre il quarto posto ai Mondiali di Pechino. Thomas Longosiwa ha vinto la medaglia di bronzo sui 5000 metri alle Olimpiadi di Londra 2012 e un record personale di 12’49”04 sui 5000 metri stabilito a Parigi nello stesso anno. Lo scorso anno è sceso sotto 13 minuti correndo in 12’59”72 al Golden Gala e si piazzò quarto alla Boclassic.

Il cast sarà arricchito dal forte maratoneta etiope Tamirat Tola che vanta un personale di 2h06’17” realizzato a Dubai nel 2014 e un ottimo 27’22”64 realizzato a Hengelo nel 2015. Tornerà a Bolzano anche Zane Robertson, forte neozelandese che trascorre molti mesi all’anno in Africa ad allenarsi con i corridori degli altipiani. Lo scorso anno Robertson vinse il bronzo ai Giochi del Commonwealth di Glasgow sui 5000 metri e si piazzò terzo alla Boclassic. “Un infortunio mi ha penalizzato per parecchi mesi ma adesso sto bene, La BOclassic e’ il mio primo test per saggiare la mia condizione e sono fiducioso”, ha detto Robertson.

Il pubblico bolzanino potrà applaudire i fratelli trentini Yeman e Nekagenet Crippa. Sarà la prima uscita agonistica di Yeman dopo il secondo trionfo agli Europei di Cross nella gara juniores all’Ippodromo di Hyères in Francia lo scorso 13 dicembre. Yeman e Nekagenet hanno saputo emozionare l’Italia per i successi sportivi e la loro storia umana.  La pattuglia italiana sarà completata da Lorenzo Dini, ottimo sesto agli Europei di Cross nella gara under 23, Marouan Razine, Ahmed El Mazoury, Soufiane El Kabbouri e Patrick Nasti.
Da tenere d’occhio anche il maratoneta svizzero di origini eritree Abraham Tadesse (specialista della maratona da 2:07’45”) e i britannici Tom Lancashire e Ross Millington.

Di buon livello anche il cast femminile che propone la sfida tra Janet Kisa, vincitrice della passata edizione, Viola Kibiwott e Netsanet Gudefa, medaglia di bronzo ai Mondiali di cross di Guiyang e sesta ai Mondiali di mezza maratona di Copenhagen nel 2014. Kisa vanta la medaglia di bronzo ai Campionati africani 2014 sui 5000 e un buon sesto posto nella finale dei Mondiali di Pechino sulla stessa distanza. Ha realizzato personali di grande livello in pista come 14’52”59 al Golden Gala 2014 e 8’32”66 sui 3000 metri a Bruxelles nel 2014. Kibiwott è stata quarta ai Mondiali di Pechino e ha personali stagionali di 4’01”41 sui 1500 al Golden Gala e 8’41”93 sui 3000 a Zurigo.

Il tifo del pubblico bolzanino sarà tutto per la beniamina locale Silvia Weissteiner, che a Bolzano ha sempre dato il meglio piazzandosi due volte terza nel 2006 e nel 2011 e un quarto posto nel 2012. L’allieva di Ruggero Grassi è ormai proiettata sulla maratona dopo il brillante successo dello scorso ottobre ottenuto a Torino.
Tra le protagoniste italiane ci sarà anche la cesenate Margherita Magnani, che lo scorso anno si piazzò ai piedi del podio in quarta posizione alla Boclassic. La gara altoatesina sarà un importante banco di prova in vista della stagione in pista che porterà agli Europei di Amsterdam e ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Magnani, atleta che ha saputo coniugare con successo lo sport e gli studi universitari avendo conseguito la laurea con lode in giurisprudenza presso l’Università di Bologna, è già in possesso del minimo olimpico sui 1500 metri con il 4’06”80 realizzato nel 2015. “Dopo un quinto e un quarto posto nelle ultime due edizioni della Boclassic spero che questa edizione mi regali finalmente il podio. Ce la metterò tutta per centrare questo ambizioso risultato”, ha detto Margherita Magnani alla vigilia della Boclassic.

Tra le altre italiane in gara vanno ricordate anche Barbara Bressi, Federica Dal Ri, Silvia La Barbera, Valentina Belotti, la beniamina locale Agnes Tschurtschenthaler e Sara Galimberti.

L’edizione di quest’anno proporrà un suggestivo passaggio all’interno dei famosi Mercatini di Natale. Il villaggio BOclassic si sposta al di fuori di Piazza Walther dando quindi vita ad una situazione completamente nuova rispetto alle passate edizioni ma dallo spirito assolutamente invariato cosi come la quasi totalità del percorso. L’appuntamento per gli appassionati è fissato per le 13 con la tradizionale gara amatoriale Ladurner che richiamerà circa 700 podisti che avranno l’occasione per festeggiare l’arrivo del nuovo anno con una corsa nella splendida cornice di Bolzano addobbata a festa.