Yuki Kawauchi, il Calcaterra del Sol Levante

Di: Daniele Menarini

Epilogo a sorpresa nella 122 maratona di Boston, un piccolo giapponese mette in fila gli africani: il suo nome è Yuki Kawauchi.

Il 18 marzo aveva vinto la New Taipei City Wan Jin Shi Marathon in 2:14’12” e a neanche un mese da quella vittoria ce lo ritroviamo a tagliare per primo, in 2:15’58″ (ma in condizioni climatiche proibitive), niente di meno che il traguardo della Boston Marathon dopo aver messo in fila i più accreditati della starting list, compreso il vincitore dello scorso anno, Geoffrey Kirui, che ancora al 40° chilometro risultava al comando con circa 20” di distacco dal giapponese.

31 anni, impiegato pubblico (il che in Giappone significa lavorare 40 ore a settimana), Yuki Kawauchi pare riesca ad allenarsi solo una volta al giorno. Si fece notare una prima volta nel 2011, quando giunse terzo alla Tokyo Marathon in 2:08’37” e diventò poi famoso per la grande quantità di maratone corse e per essere uno dei maratoneti con il maggior numero di tempi al di sotto delle 2:10’.

Per questo suo “stakanovismo” sui 42,195 km gli appassionati italiani di maratona hanno soprannominato Yuki Kawauchi “il Calcaterra del Sol Levante”.

Articoli Correlati

Laura Gotti andrà agli Europei: “Emozionata, ma rimango con i piedi per terra”
Maratona: lo scozzese Hawkins collassa al suolo a due chilometri dal traguardo
Roberta Gibb e Kathrine Switzer: partì da Boston la rivoluzione femminile della maratona
Maratona di Boston: una storia lunga 122 anni e 42,195 km
Esperienza, intuizioni e coraggio: le abilità del bravo allenatore
Milano Marathon: obiettivo dichiarato scendere sotto il muro di 2:07′