fbpx

Benvenuto gennaio, il mese del cross

Foto Giancarlo Colombo
Di: Walter Brambilla

Smontiamo una regola matematica, in altre parole: qualche volta invertendo l’ordine dei fattori, il prodotto cambia. Volete un esempio? Il vecchio adagio dice: “Epifania tutte le feste se le porta via”. Tutto torna alla normalità, alla solita routine, i ragazzi ritornano sui banchi di scuola, le strade tornano ad essere intasate, chi vive nei grandi centri urbani soffre per lo smog e via dicendo si potrebbe andare avanti per altre venti righe almeno. Invece per chi è amante della corsa campestre a gennaio, inizia un mese di festa, quella del cross. Misero nella durata, ma non nella qualità. Qualche stagione fa durava più a lungo. Intanto accontentiamoci.

Il 6 gennaio ci si è rivisti un po’ tutti a S. Giorgio su Legnano. Sembra ormai una sorta di rimpatriata, ci scambiamo gli auguri per il nuovo anno appena iniziato, nel frattempo si guardano i “mostri” africani che fanno la loro grande figura sui prati, questa volta tutt’altro che infangati del piccolo centro lombardo, dove si festeggiava la 62ª edizione. Le vittorie sono state africane, o meglio etiopi. Fin qui nessuna sorpresa, anzi chi scrive vorrebbe per una volta annunciare al mondo atletico la vittoria di un “nuovo” Francesco Panetta, ultimo dei mohicani del cross a imporsi nel 1993 a S. Giorgio su Legnano. Il mitico Frank vinse cinque volte (mai più invitato a una loro presentazione…) e come ha avuto modo di dichiarare a un quotidiano sportivo, “con i successi e con i podi centrati, forse un segmento del tracciato dovrebbero dedicarmelo!” Avete presente nell’autodromo di Monza, la curva dedicata ad Ascari, ecco un tratto tra i più difficili del percorso potrebbe essere intestato a Frank Panetta.

Sì, ho tergiversato, allora mi sembra giusto segnalare che al Campaccio Yeman Crippa, quarto, era soddisfatto a metà, più felice mi è parso Daniele Meucci. Tra le donne, Sara Dossena, ancora “adirata” per non avere preso il via a New York è la più bella del reame azzurro. Alle sue spalle Nadia Battocletti e Isabel Mattuzzi fanno la loro parte. In conclusione se gennaio è il mese della corsa che attraversa i campi, il prossimo appuntamento sarà il 20 a Villa Lagarina poche centinaia di metri da Rovereto (luogo cult dell’atletica nel nord dell’Italia) tra i filari delle viti, in uno scenario incontaminato, poi alla fine del mese a S. Vittore Olona.

Articoli Correlati

I migliori italiani contro la “Generazione Z” dell’Africa alla Cinque Mulini
Cesare Maestri
Cross della Vallagarina: Cesare Maestri riporta l’Italia al successo
Hellen Obiri cross di Elgoibar
Obiri vince il cross di Elgoibar per il secondo anno consecutivo
Traguardo Cross del Campaccio
Doppietta etiope al cross del Campaccio
Campaccio Crippa, Battocletti e Dossena
Crippa, Battocletti e Dossena al via del 63° Campaccio
Nadia Battocletti, europei di cross oro
Europei di cross: oro di Nadia Battocletti, Italia terza nel medagliere