fbpx

Air Zoom Vomero 13, con le Nike ai piedi

Di: Filippo Pavesi

Abbiamo provato per voi le nuove Air Zoom Vomero 13 e ci hanno entusiasmato. Un giudizio che forse sorprenderà il cosiddetto runner tecnico che tende a snobbare le calzature del colosso Usa, ovvero il brand che più di ogni altro ha cambiato il mondo della corsa, favorendone il boom su scala mondiale.

Da molti anni Nike è il numero uno indiscusso dello sport globale, le sue scarpe sono ovunque, in ogni canale distributivo, pronte per qualsiasi tipo di
consumatore e uso in ogni paese del globo. Anche se negli ultimi due anni le azioni della casa statunitense hanno dovuto accusare una certa sofferenza alla borsa di Wall Street, Nike resta un gigante senza pari. In più occasioni ho però avuto modo di constatare che, nel mondo del running
tecnico, sia ormai sorprendentemente diffusa la tendenza a snobbare le calzature Nike.

INNOVAZIONI E RIVOLUZIONE

Mi pare evidente che molti si stiano dimenticando che Nike è un brand nato con il boom del running, quello a cui più di ogni
altro va riconosciuto il merito di aver reso accessibile a tutti l’ammortizzazione; sì, proprio quella piacevole sensazione che, da mezzo secolo, ha fatto diventare la nostra corsa, specialmente quella su strada, meno traumatica.

Nike, da quando Phil Knight (buon mezzofondista dell’Oregon), ha assunto Ned Frederick assegnandogli il ruolo di guida per la ricerca e l’innovazione, ha portato la ricerca biomeccanica nello sport, il che ha permesso di spostare sempre più in alto l’asticella del comfort e delle prestazioni.
Nella storia di Nike si contano una molteplicità di modelli, sempre più leggeri e innovativi, che hanno fatto scalpore nelle diverse epoche, come è successo ancora di recente con l’introduzione della tecnologia Flyknit, che ha rivoluzionato la costruzione della tomaia migliorandone leggerezza, traspirazione e comfort e riducendo l’impatto sull’ambiente.

Vediamo come vanno le scarpe che la Nike propone oggi ai veri runner, per correre.

IL TEST: LE AIR ZOOM VOMERO 13

Inizio subito dicendo che con la 13ª edizione delle Nike Air Zoom Vomero arriva una delle migliori scarpe neutre di sempre.
Sono calzature leggere (305 g in taglia 9 us) che si collocano al top della gamma running, fra le neutre appunto, grazie all’ottima combinazione di protezione e ritorno elastico. Come anche le Nike zoom Pegasus, Structure, Elite e Odissey, adottano l’efficiente tecnologia Zoom Air: si tratta di due sottili cuscinetti con un gas pressurizzato ad alto peso molecolare racchiuso in un involucro di poliuretano imperforabile, le cui due facce piane sono collegate da una matrice di fibre tessili perpendicolari, con funzione stabilizzante.
Le Nike Air Zoom Vomero 13 (come quelle precedenti) beneficiano di due unità Zoom Air, sotto il calcagno e le teste dei metatarsi, incastonate
in un nucleo morbido in lunar foam circondato da un anello esterno in cushlon a media portanza. La suola, abbandonando
i classici cubetti waffle squadrati, è ora quasi interamente stampata con 72 cuscinetti, dalla forma stondata, in una nuova mescola espansa ultramorbida.
Nella zona laterale del tacco c’è invece un inserto in gomma antiabrasione, a forma di doppia rotaia, per adattarsi al primo impatto.
La tomaia flymeshè a tre strati, con tessitura a maglie differenziate; su entrambi i lati si intrecciano 4 nastri flywire, ora allargati a 4 mm, che collegano saldamente la suola all’allacciatura. L’interno è interamente foderato in maglia morbida, con funzione antiabrasione. L’insieme garantisce una buona traspirazione, e mantiene il piede fermamente vincolato. Un sottopiede anatomico, in spugna traspirante, estraibile e lavabile, completa la protezione.

AIR ZOOM VOMERO 13: IMPRESSIONI SU STRADA

Il test ha dimostrato che le Air Zoom Vomero 13 sono scarpe del più alto livello, molto morbide ma al tempo stesso anche piacevolmente reattive ed efficienti. Sono delle autentiche sneaker, nel senso originario del termine, cioè sono silenziosissime; l’impatto è infatti morbidissimo, quasi non
si sentono, sono molto ammortizzate, leggere e con un piacevole ritorno elastico che agevola la spinta sull’avampiede. Le ho trovate molto centrate per le mie caratteristiche, ma ho apprezzato soprattutto l’assoluto comfort, la morbida fluidità dell’appoggio accompagnata da un ottimo rimbalzo elastico, che dà una bella sensazione di efficienza.

AIR ZOOM VOMERO 13: LA PAGELLA

SUPERFICIE DI APPOGGIO = 8,5
DIFFERENZIALE ANTEROPOSTERIORE = 8,5
PORTANZA =8,5
STABILITÀ = 8
AMMORTIZZAZIONE = 10
RISPOSTA ELASTICA = 9
FLESSIBILITÀ = 8
PESO = 9
RESISTENZA = 8,5
ADEGUATEZZA ALL’USO = 10
ADATTAMENTO MORFOLOGICO = 9,5
ADEGUATEZZA BIOMECCANICA = 9,5

AIR ZOOM VOMERO 13: IMPRESSIONI AL FEMMINILE

La versione per donna della Air Zoom Vomero 13 è stata collaudata dalla nostra collaboratrice Francesca Grana, la cui valutazione è risultata ancora migliore della mia:

superficie di appoggio = 9;
differenziale anteroposteriore = 9;
portanza = 9;
stabilità = 9,5;
ammortizzazione = 10;
risposta elastica = 10;
flessibilità = 9; peso = 8,5;
resistenza = 9;
adeguatezza all’uso = 10;
adattamento morfologico = 8;
adeguatezza biomeccanica = 9,5.

CONCLUSIONI

Con le Air Zoom Vomero 13 Nike ha fatto un ulteriore passo avanti, producendo una delle migliori scarpe neutre di sempre, perfette per l’asfalto e particolarmente valide per correre qualsiasi distanza con il minimo sforzo. Offrono il massimo comfort e una buona protezione per l’intera durata, ripagando bene dall’investimento (141 euro).

Articoli Correlati

Asics: ecco la Gel Nimbus 22
Nike React Infinity Run
Novità: ecco la Nike React Infinity Run, sul mercato a inizio 2020
Sport, innovazione, futuro: due giorni di eventi a ImpacTO
News calzature: ecco la Asics Glideride
Triumph ISO 5
Saucony Triumph ISO 5, per una corsa ancor più flessibile e ammortizzata
Nike Joyride
Arriva Nike Joyride, la nuova tecnologia di ammortizzazione