fbpx
2019: un anno di corsa

2019, un anno di corsa da ricordare: ultima parte

Di: A cura della redazione

Cosa resterà del 2019? I fatti e le persone del mondo del running. Ecco i nostri ricordi di novembre e dicembre.

3 novembre, domenica: La maratona di New York la vincono i due keniani primatisti del mondo di mezza maratona: Geoffrey Kamworor (2:08’13”), già primo nel 2017, e la debuttante Joyciline Jepkosgei (2:22’38”). Battuta Mary Keitany, che mirava al quinto successo (seconda in 2:23’32”). Ritirato il vincitore uscente e campione del mondo di Doha, Lelisa Desisa. 2.850 gli italiani al traguardo.

9 novembre, sabato: per la terza volta nell’anno viene migliorato il limite mondiale dei 5 km su strada: il keniano Robert Keter corre a Lille (FRA) in 13’22”.

10 novembre, domenica: dopo più di tre anni, Federica Del Buono torna a gareggiare. Vince nella “10 km dei 6 Comuni”, da Thiene a Villaverla (VI): «Ho rotto il ghiaccio, ora mi alleno con continuità e sono felice». L’ultimo impegno agonistico risaliva al 25 settembre 2016, sugli 800 m nella Finale Oro dei Societari assoluti a Cinisello Balsamo. Talento straordinario, la portacolori del C.S. Carabinieri fu medaglia di bronzo nei 1.500 m degli Euroindoor 2015, a vent’anni da poco compiuti, dopo essersi classificata quinta, sulla stessa distanza, agli Europei di Zurigo 2014.

10 novembre, domenica: Ravenna ospita di nuovo i Campionati italiani di maratona. Primo tricolore assoluto sui 42,195 km per il valdostano René Cunéaz (2:20’22”) e per l’altoatesina Sarah Giomi, che si migliora con 2:40’10”.

15 e 16 novembre, venerdì e sabato: azzurri ancora protagonisti ai Mondiali di corsa in montagna, a Villa La Angostura (ARG).

• Lunghe distanze: un argento (Francesco Puppi, individuale) e un bronzo (squadra machile con Francesco Puppi, Gabriele Bacchion, Luca Cagnati, Alessandro Rambaldini, Fabio Ruga).

• Distanze classiche: 2 ori (Angela Mattevi, individuale under 20) e squadra under 20 femminile (Angela Mattevi, Giovanna Selva, Anna Arnaudo, Elisa Pastorelli); un argento (Cesare Maestri, individuale senior); 2 bronzi (squadra senior maschile con Cesare Maestri, Xavier Chevrier, Alex Baldaccini, Nadir Cavagna, e squadra under 20 maschile con Marco Zoldan, Luca Merli, Massimiliano Berti e Giacomo Bruno.

24 novembre, domenica: Allerta meteo e piena del Po cancellano all’ultimo momento la T-Fast 42k (maratona di Torino). La decisione arriva per ordinanza dell’amministrazione comunale di Torino, su richiesta del Comune di Moncalieri.

24 novembre, domenica: Maratona di Firenze. Vittorie della debuttante britannica Jess Piasecki (2:25’29”) e dell’etiope Sahlesilassie Bekele Nigussie (2h10:14). Elisa Stefani si migliora ancora: 2:31’57”. Dei 7.460 arrivati, solo i primi sessanta hanno completato regolarmente il percorso. Una fuga di gas ha costretto gli organizzatori a una modifica-taglio del tracciato di circa 600 m, tra i chilometri 40 e 41.   

27 novembre, mercoledì: l’atletica di tutto il mondo piange la scomparsa di Elio Locatelli, morto a Montecarlo all’età di 76 anni. Ha ricoperto a lungo l’incarico di direttore tecnico delle squadre nazionali azzurre, tra il 1987 e il 1994, e di nuovo nel biennio 2017-2018. È stato co-direttore del dipartimento sviluppo della federazione internazionale tra il 1995 e il 2001 e poi direttore dello sviluppo dal 2004 al 2012. 

28 novembre, giovedì: dopo Torino, tocca a Genova rinunciare alla maratona, prevista per domenica primo dicembre. A pochi giorni dal via gli organizzatori si arrendono agli smottamenti che interessano anche tratti del percorso. 

primo dicembre, domenica: nella 10 km parallela alla maratona di Valencia, l’ugandese Joshua Cheptegei (nella foto), iridato a Doha sui 10.000 m, firma la miglior prestazione mondiale con 26’38”. Nella prova di 42,195 km rientra Valeria Straneo, che ferma il cronometro a 2:30’44”, più di un minuto oltre lo standard per Tokyo 2020 (2:29’30”). Sara Brogiato chiude migliorandosi in 2:36’52”. Ritirate Anna Incerti e Catherine Bertone. La partecipazione dei maratoneti italiani sfiora le 2.000 unità.

4 dicembre, mercoledì: “Effetto Doha” sui Giochi olimpici 2020. Per evitare i problemi di caldo che hanno condizionato le gare dei Mondiali, le prove su strada (maratona e marcia) cambiano data, orario e soprattutto sede, perché verranno disputate a Sapporo, circa 800 km a nord della capitale. Lo hanno deciso CIO e Comitato organizzatore.  

8 dicembre, domenica: la “meglio gioventù” del mezzofondo italiano in campo a Lisbona. Ai Campionati europei di cross Nadia Battocletti rivince il titolo under 20. Yeman Crippa, bronzo tra i senior, conquista la propria quinta medaglia in otto partecipazioni alla rassegna continentale. L’Italia è terza nel medagliere, preceduta solo da Gran Bretagna e Francia. Queste le medaglie conquistate dagli azzurri:

• oro (1): Nadia Battocletti (under 20);
• argento (2): under 20 donne (Nadia Battocletti, Angela Mattevi, Ludovica Cavalli, Anna Arnaudo, Giada Licandro, Laura Pellicoro), under 23 uomini (Yohanes Chiappinelli, Jacopo De Marchi, Sebastiano Parolini, Riccardo Mugnosso, Pasquale Selvarolo, Sergiy Polikarpenko);
• bronzo (1): Yeman Crippa (senior);

10 dicembre, martedì: la Corte d’Appello di Bolzano assolve i medici Giuseppe Fischetto e Pierluigi Fiorella dall’accusa di favoreggiamento in relazione alla vicenda del doping di Alex Schwazer (primo “episodio”, emerso alla vigilia dei Giochi olimpici di Londra), ribaltando così il verdetto di primo grado, che li aveva invece condannati, nel gennaio 2018, a due anni di reclusione. All’epoca dei fatti, Fischetto e Fiorella erano impegnati nella struttura sanitaria Fidal rispettivamente come medico federale e come medico delle squadre nazionali. Assolta anche l’ex responsabile dell’area tecnica Fidal, Rita Bottiglieri, condannata in primo grado a nove mesi. 

12 dicembre, giovedì: all’età di 80 anni scompare a Dallas (USA) per insufficienza cardiaca Peter Snell, leggenda neozelandese del mezzofondo, tre volte campione olimpico (800 m a Roma 1960 e 800 e 1.500 m a Tokyo 1964).  Scoperto da coach Peter Lydiard, nel 1962 Snell realizzò i primati del mondo degli 800 m (1’44”3) e del miglio (3’54”4) nel corso di una sola settimana. Il suo record degli 800 m fu eguagliato negli anni successivi dall’australiano Ralph Doubell e dallo statunitense Dave Wottle, ma venne superato solo undici anni dopo quando, nel 1973, Marcello Fiasconaro corse in 1’43”7 all’Arena Civica di Milano.

17 dicembre, martedì: prima presentazione ufficiale della Acea Run Rome The Marathon, in programma per domenica 29 marzo 2020. Svelata la medaglia, raffigurante la volta del Pantheon.

18 dicembre, mercoledì: la campionessa italiana di maratona, Sarah Giomi, viene sospesa in via cautelare dopo essere stata riscontrata positiva alle sostanze Prednisone – Prednisolone durante un controllo disposto dalla NADO Italia proprio in occasione dei Campionati italiani di Maratona (Ravenna, 10 novembre). Il titolo italiano si prepara così a passare nelle mani di Martina Facciani, seconda classificata.

LEGGI ANCHE:

ANNO DI CORSA – PRIMA PARTE

ANNO DI CORSA – SECONDA PARTE

ANNO DI CORSA – TERZA PARTE

ANNO DI CORSA – QUARTA PARTE

ANNO DI CORSA – QUINTA PARTE

 

Articoli Correlati

Moonlight Half Marathon
Jesolo Moonlight Half Marathon: al via la decima edizione
RIGAMONTI RELAY MARATHON 2020
Aperte le iscrizioni alla Rigamonti Relay Marathon 2020
Torna l’appuntamento con “Allenamento di Natale”
Filosofia della corsa
Musica e corsa? Sono la stessa cosa
Sesso che allena
Il sesso che allena per la corsa