fbpx

Il futuro dell’uomo (e della corsa) è nel DNA

28 Febbraio, 2017
(Foto: 123RF)

Studi recenti e in continua evoluzione stanno permettendo di comprendere sempre meglio le informazioni contenute all’interno del nostro DNA. Con conseguenze importanti anche per la gestione organizzativa degli atleti e degli allenamenti.

Con questo metodo potrà essere messa a nudo la nostra soggettività da un punto di vista genetico e saranno quindi più chiare l’esposizione a potenziali malattie, la responsività ai farmaci, la predisposizione ad alimentarsi in un certo modo, la risposta individuale all’allenamento e la capacità di assimilarlo, monitorando il miglioramento e il divenire del nostro corpo.

Il sequenziamento del DNA è un processo complesso, i sistemi di lettura automatici sono costosi e ancora privilegio di pochi. In Italia abbiamo competenze di eccellenza, ma manca ancora un’infrastruttura di riferimento. Il progetto Human Technopole, che dovrebbe realizzarsi nell’area Expo di Milano, potrebbe essere un passo avanti fondamentale per il nostro Paese in un settore che cambierà a breve il destino dell’uomo, con ripercussioni anche nel mondo della salute e dello sport.

Le questioni legate a possibili cambiamenti nella strategia dell’allenamento riguarderanno un migliore impiego del tempo, un’alimentazione più mirata, personalizzata e finalizzata alla resa migliore e il monitoraggio del tutto attraverso la qualità e la tempistica dei meccanismi cellulari.

Si sa che nella fase di rigenerazione dei tessuti dopo un impegno fisico importante c’è un maggiore rischio di infortunio. Se i tempi individuali di rigenerazione in base a età e soggettività non sono rispettati, aumentano le possibilità di farsi male e l’allenamento è meno efficace. Ottimizzare questi aspetti con certezze che vanno al di là delle intuizioni significa elevare la gestione dell’atleta.

Se il traino sarà dato da un atleta che si avvarrà di tali informazioni per vincere, si scatenerà una rincorsa caotica al sequenziamento. Sarebbe però più oculato procedere per gradi, con studi coordinati a livello nazionale. Il futuro non è poi così lontano, perché la curva di crescita di queste conoscenze sarà esponenziale e si potrà rispondere in fretta a molti interrogativi ancora presenti.

Nota: Questo testo rappresenta una sintesi del servizio “Il futuro dell’uomo è nel DNA”, di Luca De Ponti e Stefano Gustincich, pubblicato su Correre n. 389, marzo 2017, alle pagine 74-76.

Correre Marzo 2017

Cosa c’è su Correre di marzo? Panorama – Una vita ad alta quota. In occasione dell’uscita del suo libro, abbiamo incontrato il campione e pioniere dello skyrunning Bruno Brunod, che ci ha raccontato la sua storia di vita e di sport. (Leonardo Soresi) Allenamento – Stanchi della rigidità delle tabelle d’allenamento? Fondo medio e ripetute […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Corsa e jet lag: i segreti per vincere il fuso

28 Febbraio, 2017

Correre dall’altra parte del mondo è un traguardo ambizioso, ma molti podisti sono spaventati dagli effetti negativi del fuso orario. Ecco alcuni accorgimenti da mettere in atto prima, durante e dopo il viaggio. Tra i sintomi più comuni del jet lag troviamo: stanchezza fisica e mentale, disordini del sonno, mal di testa, irritabilità, diminuzione della […]

Sport e colite irritativa

28 Febbraio, 2017

La colite irritativa è un’infiammazione del colon, l’ultimo tratto dell’intestino. È un disturbo piuttosto diffuso e colpisce circa il 15% della popolazione. I sintomi sono generalmente difficoltà digestive, gonfiori addominali, crampi e dissenteria alternata a stipsi. Negli sportivi, durante l’attività fisica, tali sintomi possono diventare molto intensi e debilitanti, tali da incidere negativamente sulla performance. […]

Le icone della corsa in natura

28 Febbraio, 2017

  Avvicinandoci alla bella stagione, Correre di marzo riporta il trail running sotto i riflettori, con uno sguardo al passato e una panoramica sul presente. Dalla copertina dedicata a Tony “Tarzan” Krupicka (nella foto), al pioniere dello skyrunning Bruno Brunod. Lo speciale trail running, che da alcuni anni ormai caratterizza Correre di marzo, si apre […]

Parola di Giorgio: verifiche e consapevolezza

28 Febbraio, 2017

Più la distanza di gara è lunga, più le verifiche diventano indispensabili. Nel caso dell’ultra maratona per eccellenza, la 100 km, lo strumento principe per verificare la propria condizione sono i “lunghi” dai 50 ai 60 km, che mettono alla prova il nostro organismo e ci possono dare un’indicazione di come probabilmente si comporterà a […]