fbpx

Quelle improrogabili urgenze

26 Gennaio, 2017
(Foto: 123rf)

Molto più spesso di quanto si pensi: colpisce circa un terzo degli sportivi, soprattutto se giovani e di sesso femminile. Parliamo della diarrea, ossia l’emissione di feci non formate, associata spesso a dolori addominali e… incontenibili urgenze!

Si tratta di un vero e proprio meccanismo di difesa messo in atto dal nostro organismo, che tuttavia può creare situazioni estremamente imbarazzanti e compromettere in pochi minuti il risultato di faticosi allenamenti. Quali sono le cause?

Durante l’esercizio fisico si assiste a una ridistribuzione del flusso sanguigno dall’apparato digerente verso i muscoli e la cute, aggravato dalle alte temperature per via della termoregolazione, per questo è importante mantenere un buono stato di idratazione. Inoltre l’uso di farmaci antiinfiammatori o cortisonici, spesso usati per prevenire o attenuare dolori già presenti, contribuiscono a danneggiare ulteriormente la mucosa intestinale.

Parlando di disturbi intestinali, è importante non sottovalutare il pasto precedente all’allenamento e ciò che, eventualmente, assumiamo durante l’esercizio. Attenzione ai ristori a base di cibi solidi, che spesso non vengono digeriti adeguatamente e possono creare problemi; alle soluzioni idrosaline troppo zuccherine (soprattutto quelle contenenti fruttosio, che ha un assorbimento intestinale più lento), che provocheranno un effetto osmotico irrimediabile; ai liquidi troppo freddi, che potranno creare spiacevoli inconvenienti.

Ricordiamoci comunque che anche il miglior cibo potrebbe creare seri problemi se non ancora completamente digerito mentre corriamo… meglio attenersi al motto “scorte piene e stomaco vuoto”!

Nota: questo contributo rappresenta una sintesi del servizio intitolato “Quelle improrogabili urgenze”, pubblicato su Correre n. 388, febbraio 2017, a firma dello stesso Autore 

Correre Febbraio 2017

Cosa c’è su Correre di febbraio Personaggi – Eyob Ghebrehiwet Fanyel, ventiquattrenne di origini eritree, è stato la sorpresa della maratona di Firenze. Terzo al traguardo, col suo 2:15’39” è stato il miglior debuttante italiano del 2016. Conosciamolo meglio nell’intervista di Saverio Fattori. Tecnica di corsa – Correre in leggera discesa per migliorare l’esecuzione del […]

SEMPRE IN QUESTO NUMERO

Tecnica di corsa: discesa per migliorare la falcata 

26 Gennaio, 2017

Un tipico problema che limita i podisti amatori nell’esprimere al meglio il proprio potenziale organico è la ridotta efficienza meccanica cui, col passare degli anni, si aggiunge la perdita di efficienza. Per limitare gli effetti dell’invecchiamento fisiologico si può agire sull’aspetto bio-meccanico, con un paio di stimoli specifici alla settimana. Oltre a dedicare tempo ed […]

Maratona azzurra, qualcosa faticosamente si muove

26 Gennaio, 2017

Inutile girarci attorno: il 2016 è stato un anno di vacche magre per la maratona azzurra, soprattutto in campo maschile. Il colpo di grazia è arrivato con la maratona dei giochi olimpici di Rio de Janeiro, col ritiro di Daniele Meucci (1985) dopo solo 13 km di gara e le prestazioni sotto tono di Ruggero […]

Correre al femminile: alimentazione e movimento, un binomio vincente

26 Gennaio, 2017

Ogni anno aumenta il numero di donne che corrono. Lievitano anche le richieste di programmi di allenamento e regimi alimentari equilibrati, essendo sempre più alle prese con cibi non sempre salutari, additivi e ingredienti la cui la provenienza non è certa, allergie e intolleranze che fanno impazzire il sistema immunitario. Con il 2017 è iniziato […]