fbpx

Primi appuntameti di massa: Corsa di Miguel (Roma) e Montefortiana (Monteforte d’Alpone, VR)

17 Gennaio, 2014
Il 19 gennaio è la prima domenica di vere e proprie “mass race” del 2014, le manifestazioni che con diverse formule riescono a ottenere l’adesione di migliaia di appassionati. Mentre in Veneto va in scena la tradizionale Montefortiana, oltre 20.000 partecipanti tra non competitive, competitiva amatori e gara dei top runner, i riflettori della Capitale si accendono su La Corsa di Miguel.
 
Roma – La Corsa di Miguel è la 10 km intitolata alla memoria di Miguel Sanchez, atleta, poeta argentino desaparecido nel 1978, organizzata dal 2000. Lo scorso anno riuscì a superare per la prima volta quota 5.000 partecipanti. Per l’edizione di domenica prossima, 19 gennaio, la 15a, gli iscritti alla gara competitiva sono 5.129, un centinaio in più rispetto al 2013, quando gli arrivati risultarono 4.621.Altri 2.000 sono previsti per le prove non competitive.Fra queste c’è la novità della Strantirazzismo, camminata / corsa a passo libero dedicata alla memoria di Samia Yusuf Omar, la velocista somala, olimpica a Pechino, vittima di un barcone della morte nel Mediterraneo. L’appuntamento è alle 9.30 dal Ponte della Musica (partenza alle 10.45).All’arrivo, allo stadio dei Marmi Pietro Mennea, tutte le donne passeranno sotto un piccolo arco con la scritta “Ricordando Samia”.

 

Nella prova competitiva saranno al via: Riccardo Passeri (vincitore nel 2013 in 30’08”), Montorio, Massimi, Carrozza, De Nard, Nasti e Floriani. Tra le donne spiccano i nomi di Adelina De Soccio, e Angela Rinicella, già vincitrici della gara rispettivamente nel 2008  2007.

A Monteforte d’Alpone (Vr), sempre domenica 19 gennaio, la corsa tiene banco in tutte le sue sfaccettature: oltre 15-16.000 partecipanti al Trofeo S.Antonio del mattino, cui si aggiungono i partecipanti alla mezza maratona e quelli della ecomaratona. Nella gara in circuito, sette giri per gli uomini e quattro per le donne, il predominio africano sarà ancora più scontato del solito, vista la defezione per vari motivi di alcuni atleti italiani di un certo spessore prima dati per partenti poi defilatesi per vari motivi. Su tutti gli iscritti alla gara di 10,605 km (7 giri) si evidenziano: Geoffrey Kuruso, Thomas Lokomwa e Robert Ndiwa (quest’ultimo fresco dominatore del cross Vallagarina di domenica scorsa), Sigei, Ngeno, Rugut, l’ugandese Busienei, la novità Lukas Maguhe (Tan), i magrebini El Kasmi, Karim, Lohoussaine, gli europei Matvyichuk (Ukr), Weger e Robin (Aut). La pattuglia azzurra sarà guidata dal campione italiano dei 10.000 m, l’italo-marocchino Jamel Chatbi, il campione italiano di maratonina Gianmarco Buttazzo, poi Boudalia, Carletti, Lanziner, Gaspari, Casolin e giovani emergenti come Cominotto, Brancato, Agnello e Gerratana. Per la gara femminile favorita la giovane Junior Linah Cheruto, anche lei dominatrice del Cross Vallagarina, che si misurerà contro Chebet, Chelagat e Korir, mentre le italiane saranno guidate da Fatna Maraoui, Roffino, Soufyane, Casella, Lopes, Tessaro e Disconzi. Nella Maratonina Falconeri confermate le presenze di Bona, Battocletti, Duca, Leonardi, Colnaghi, Romano e, tra le donne, Giordano, Righetti, Ricotta, Nanu, Ricci, Cunico, Di Vito, Fiorini, Scorzato