fbpx

Zurigo 2014: tre staffette azzurre in finale

17 Agosto, 2014

Tre staffette azzurre su quattro staccano il biglietto per la finale ai Campionati Europei di Zurigo. L’unico quartetto a non qualificarsi è la 4×400 maschile.
La staffetta italiana 4×100 femminile formata da Marzia Caravelli, Irene Siragusa, Martina Amidei e Audrey Alloh si è qualificata per ripescaggio dei tempi grazie al quarto posto nella prima delle due semifinali con il tempo di 43”29. La Francia si è aggiudicata la prima semifinale in 42”29 davanti all’Olanda con Dafne Schippers in seconda frazione (42”77) e alle padrone di casa della Svizzera (42”98). La Gran Bretagna ha vinto la seconda semifinale in 42”62 davanti all’Ucraina (43”37) e alla Russia (43”47).

Molto bene anche la staffetta maschile azzurra formata da Fabio Cerutti, Eseosa Desalu, Diego Marani e Delmas Obou che ha centrato poco dopo l’ingresso in finale grazie al terzo posto nella seconda semifinale con il record stagionale di 38”71 alle spalle della Germania (38”15) e della Francia (38”55). La Gran Bretagna ha vinto l’altra semifinale in 38”26 precedendo il team svizzero che trascinato dal tifo del pubblico ha stabilito il record nazionale con 38”54 precedendo l’Olanda (38”90).

La bella giornata delle staffette italiane è proseguita successivamente con la qualificazione della 4×400 femminile che, pur senza la campionessa europea dei 400 individuali Libania Grenot lasciata a riposo per la finale, ha conquistato agevolmente l’ingresso diretto alla finale grazie al terzo posto nella prima delle due semifinali in 3’31”31 alle spalle dell’Ucraina (3’28”18) e della Francia (3’28”58). Del quartetto azzurro facevano parte Maria Benedicta Chigbolu, Maria Enrica Spacca, Elena Bonfantii e Chiara Bazzoni che hanno svolto bene il loro lavoro in vista della finale di domani dove verrà schierata anche la Grenot.

L’unica staffetta italiana non ammessa alla finale è stata la 4×400 maschile (Lorenzo Valentini, Michele Tricca, Isalbet Juarez e Matteo Galvan) che non è andata oltre il sesto posto nella prima semifinale in 3’04”74.