ZONA MISTA – Speciale Olimpiadi: 10 mila, Mo Farah serve il bis

ZONA MISTA – Speciale Olimpiadi: 10 mila, Mo Farah serve il bis

14 Agosto, 2016

Signori non ce n’è per nessuno. Quando c’è Mo Farah in pista, potete schierare etiopi, keniani e perchè no ugandesi, ma lui se ne fa un baffo.

Anche questa notte magica per l’atletica il britannico dagli occhi spiritati, esile, nato a Mogadisscio in Somalia, 33 anni fa, ma di scuola inglese ha fatto il bis olimpico nei 10.000 mila. Forse avrà faticato un po’ più del dovuto per battere la solita concorrenza africana capitanata da Kamworor (Kenya) e Tola (Etiopia), ma nei 100 finali ha piazzato il suo “kick” degno di un ottocentista ed ha detto arrivederci a tutti.

E pensare che come accadde ai Giochi di Monaco ’72 anche il mitico finnico Lasse Viren cadde e fece però suoi i 10.000 con l‘allora primato del mondo. Anche Mo Farah è ruzzolato a terra verso la fine del terzo km, è stato fortunato, nessuno gli è finito addosso, si è rialzato a rincuorato il compagno di squadra, lo yankee Galen Rupp e si è reinserito nella pancia del gruppo.

Farah ha chiuso in 27’05”18, lui e altri otto finalisti avevano un limite personale sotto i 27’. Il problema è che Farah riesce sempre o quasi fa gestire la gara a suo piacimento. Prima sta in fondo al gruppo, ultimo poi verso la metà si porta nelle prime posizioni, ma non prende la testa. Inizia a comandare il gioco quando mancano sì e no un paio di km alla fine e poi piazza il suo notevolissimo finale.

Traduzione se fai una gara lenta di uccide nel finale con un ultimo giro da quattrocentista, se i fai una gara tirata, ti trafigge negli ultimi 200 metri. Questa volta per avere la meglio di Tanui (Ken) ha dovuto aspettare il rettilineo conclusivo.

Non è stata una grande gara come quella delle’etiope Ayana tra le donne (record del mondo), ma agonisticamente da vivere alla grande, anche in questo caso 34 partenti sono davvero troppi. Ma un tempo non esistevano anche le batterie?

L’atletica di notte ha un sapore magico. E l’altra magia doveva arrivare dalla finale dei 100 donne. Sorpresone dove la giamaicana Elaine Thompson fa sua la gara regina dei Giochi in 10”71, battendo la statunitense Tori Bowie e la campionessa uscente Shally Ann Fraser con i capelli verde-oro. Male l’unica europea Dafne Schippers, quinta.

Si sono visti i velocisti. Non me ne vogliano i vari Simbine, Brommel, Vicaut… per favore la lotta per il titolo olimpico sarà tra Usain Bolt e Justyn Gatlin. Gli altri per favore si accomodino nelle retrovie, per questi la loro vittoria sarà di bronzo.

Articoli correlati

Tamberi: “Ho pianto, ma il sogno non finisce”

10 Luglio, 2024

Il portabandiera azzurro accusa un problema al bicipite femorale e dovrà seguire una settimana di terapie e allenamenti differenziati saltando le gare di avvicinamento ai Giochi,. “Non mi vergogno a dirlo, ho pianto 3 volte nelle ultime 24 ore… probabilmente per la tensione, probabilmente per la paura e forse anche perché in parte tutto questo […]

Olimpiadi 2024: ecco cosa devono fare gli italiani per poter partecipare

31 Gennaio, 2024

Nella riunione di martedì 30 gennaio, il Consiglio Federale Fidal ha approvato i criteri di partecipazione alle Olimpiadi di Parigi 2024: per chi non si è classificato nei primi otto dei Mondiali di Budapest 2023, gli standards indicati da World Athletics saranno tenuti in considerazione solo se conseguiti nel 2024. La strada si fa più […]

Tokyo 2020, Olimpiadi a porte chiuse

08 Luglio, 2021

I giochi olimpici di Tokyo 2020 si terranno senza spettatori. Il Covid spaventa il Giappone: contagi in aumento, stato d’emergenza che durerà fino al 22 agosto Era nell’aria ma adesso arriva la conferma. I Giochi di Tokyo 2020, in programma dal 23 luglio all’8 agosto, si svolgeranno a porte chiuse, senza spettatori. In precedenza si […]

Larissa Iapichino, Tokyo addio

29 Giugno, 2021

Fatale l’infortunio in pedana a Rovereto: l’azzurrina Larissa Iapichino costretta al forfait Larissa Iapichino, una delle atlete più attese della nazionale italiana di atletica leggera, avrebbe dovuto disputare a Tokyo la sua prima Olimpiade.A poche ore dall’ufficializzazione dell’elenco dei convocati arriva però la rinuncia, a causa dell’infortunio che la 19enne si è procurata in pedana durante […]