Zona mista – Speciale Europei: Filippo il Bello

Zona mista – Speciale Europei: Filippo il Bello

06 Luglio, 2016

Sguardo innocente, ben rasato, ben pettinato. E’ Filippo Tortu 18 anni lombardo delle Fiamme Gialle, scuola Riccardi Milano. Oggi (mercoledì 6 luglio) ha fatto vedere tutta la sua classe. Di lui non si sono ancora spesi fiumi d’inchiostro, come si soleva dire un tempo, viste le premesse è assai probabile che tra non molto ci si debba occupare di questo ragazzone alto ben oltre 1,85 dal sorriso accattivante.

Oggi si correvano i 100 metri, gara che in 10” e poco più si deve dare tutto. Facile a dirsi. Vero? Non è così. Filippo, che già due anni fa corse i 100 a Gavardo in 10”33, quest’anno ha iniziato alla grande correndo in 10”22, ma era in questi campionati continentali che doveva dimostrare il suo valore. Questa mattina lo ha fatto: 10”25 vincendo la batteria da campioncino: sicuro nell’esprimersi, quel tanto di sicurezza ostentata che non guasta, unita a un pizzico di guasconeria.

Che volete di più? Filippo, “Pippo” così lo ha chiamato Emanuele Ferraro, il suo compagno di nazionale nella prossima 4x 100, sarà un punto di forza anche nella staffetta, Grandi cose, si prevedono. Perchè non credere a questi giovani? Tortu ha subito affermato di non temere più di tanto la pressione, ma ad ogni buon conto di non esternarla.
Non era felicissimo della sua prova “non ho corso su di una linea retta” ha dichiarato, facendo capire che può migliorarsi ancora. Giovedì semifinali e finali. Per il lombardo la finale è l’obiettivo, compreso il nuovo limite personale.

Forse pochi se ne sono accorti, ma esiste un cervellotico nuovo regolamento per le gare di velocità dai 100 ai 400, compreso gli ostacoli, dove i primi 12 migliori tempi, sono esentati dalla qualificazione. Per loro solo semifinali e eventualmente finali. Un regolamento a dir poco improponibile. Speriamo che non abbia seguito. Il problema è che ogni volta si studia qualcosa per rilanciare l’atletica, questa naufragata con tanto di problematiche. Forse sarebbe meglio non cercare troppe vie diverse dalla più completa normalità atletica.

Vista in zona telecronisti una spumeggiante Fiona May, al fianco di Jonathan Edwards. Commentano per la BBC.

Articoli correlati

Ecco gli azzurri per Roma 2024

30 Maggio, 2024

Il DT Antonio La Torre ha diramato la lista degli atleti azzurri per Roma 2024, 116 in gara. È la squadra più numerosa di sempre per i Campionati Europei. Saranno 116 gli azzurri (63 uomini e 53 donne) presenti ai Campionati Europei di atletica leggera che si aprono venerdì 7 giugno a Roma. Un numero complessivo mai così alto per […]

Filippo Tortu, un bronzo amaro

19 Agosto, 2022

La doppietta argento-bronzo di Ahmed Abdelwahed e Osama Zoghlami nei 3.000 a siepi e l’ulteriore bronzo di Filippo Tortu nei 200 metri raddrizzano una giornata cominciata malissimo, con la staffetta 4×100 che prima subisce il forfait di Jacobs, poi conquista l’accesso alla finale e infine lo perde, a seguito di un ricorso. Una giornata bizzarra […]

Gimbo show: è medaglia d’oro

18 Agosto, 2022

Gianmarco Tamberi domina il salto in alto sia tecnicamente sia dal punto di vista della personalità. Ora le medaglio d’oro azzurre sono due, le stesse di Tokyo 2020 (Jacobs e Tamberi). Nel taccuino anche la prova straordinaria del giovane Pietro Arese nei 1.500 m (quarto), il quinto posto di Larissa Iapichino nel lungo e il […]

Roma 2024: dal 7 al 12 giugno i prossimi Europei

18 Agosto, 2022

Ufficializzate oggi a Monaco le date di Roma 2024, la prossima edizione dei Campionati europei di atletica, a ridosso dei Giochi olimpici di Parigi.  Casa Italia Collection, a Monaco, è in questi giorni il quartier generale dei diversi campionati continentali che si stanno svolgendo a Monaco di Baviera. È lì che in questo giovedì 18 […]