fbpx

Zona mista – Maledetta primavera

21 Marzo, 2016

Iniziamo subito senza preamboli di sorta: Fabio Cappello, l’amatore che è mancato ieri al termine della Stramilano era uno di noi. Uno che come tutti i nostri lettori corre abitualmente. Adesso si sono scatenati tutti. Stare a ricercare un “colpevole” o dire sino a che punto si può “osare” ci pare un tantinello azzardato.

Dai blog sulla corsa (ma quanti sono..) dove tutti si ergono come depositari della verità, fustigatori di costumi, poi ovviamente ci ammanniscono di come prepararci per una maratona che è lunga 42 km e 195, con tanto di integratori ho letto che gli organizzatori non hanno tenuto conto del caldo e hanno fatto partire la mezza amatoriale alle 11, 00, anzi  – visto che il sottoscritto era presente – alle 11,10.

Letto che ci deve essere una “linea rossa” dove ognuno avrebbe il dovere di non osare oltre. Non ho letto però che questo è un caso isolatissimo, non ricordo un’altra Stramilano con un lutto. La corsa nazionale popolare deve essere ringraziata, ha indicato a parecchi la via del benessere tramite la corsa lunga, se poi negli ultimi anni qualcosa è mutato, non dipende da loro.

Altro punto “stramilanese”, visti alla partenza della mezza alcuni deputati “Montecitorio Running Club” i quali hanno preso il via tra i top runner. Ogni commento mi pare superfluo. Così come chi ha scritto sulla rosea i nomi dei probabili candidati a Palazzo Marino nella non competitiva dei 50.000 (che adesso è diventata 60.000) in lizza per la poltrona di sindaco. Nessuno ci pare abbia evidenziato il tempo fatto registrare da James Wangari proveniente dal Kenya, via Giappone. Ventuno anni vive nei pressi di Nairobi a circa 2200 metri in quota. All’esordio sulla distanza Wangari ha chiuso in 59’12”, cancellando lo storico 59”17 di Paul Tergat del ’98, ma su di un altro tracciato.

A Milano domenica si è assistito a una gara affascinante, bellissima, con tanto pubblico con il buon Yassine Rachik al settimo posto, tra i nostri e Catherine Bertone W40 prima azzurra in un contesto tutto keniano.

Capitolo Tamberi

Adesso il campione c’è. Il marchigiano ha vinto una gara dai contenuti tecnici di grandissimo valore. Era ora per tutto il movimento atletico, ne abbiamo bisogno. Il personaggio c’è e buca il video, su questo non ci piove, sfrontato quanto basta, guascone, simpatico, con una faccia da bambino educato che salta sino in paradiso. Cerchiamo di tenercelo stretto e con i vari Fassinotti, Trost, Chesani, Donato e Greco, potrebbero essere gli uomini pronti a farci sognare a Rio. Visto come un oro può fare cambiare la prospettiva futura….

Articoli correlati

Jeptoo e Raimoi conquistano il successo alla Stramilano, Lorenzo Dini è quinto

24 Marzo, 2019

La favorita Priscah Jeptoo e il sorprendente Vincent Raimoi si sono aggiudicati la quarantaquattresima edizione della Stramilano Half Marathon correndo rispettivamente in 1h08’26” e in 1h00’10” in una giornata soleggiata e calda con una temperatura di 22°C.  La gara maschile è partita a ritmi molto forti nonostante la mattinata molto calda. Paul Tiongik, recente vincitore […]

Jairus Birech e Priscah Jeptoo stelle della Stramilano 2019

22 Marzo, 2019

Jairus Birech e Priscah Jeptoo sono i nomi di spicco della 48ma edizione della Stramilano Half Marathon agonistica, che avrà luogo dalle 10.30 di Domenica 24 Marzo con partenza e arrivo in Piazza Castello. Jairus Birech ha scelto la Stramilano per il debutto sulla mezza maratona dopo essere stato uno dei principali interpreti dei 3000 […]

I Master alla Stramilano

27 Marzo, 2018

Stramilano 2018: una città di corsa, quasi 60 mila runner al via dell’evento giunto alla 47^ edizione. Una festa per la tutti, un appuntamento ormai entrato nel cuore dei milanesi e non.