Zona mista – La Rosa, il terzo uomo

Zona mista – La Rosa, il terzo uomo

12 Gennaio, 2016

Ancora non è stato sbandierato, neppure scritto ufficialmente sul sito della Fidal, oppure ancora tramite comunicati ufficiali, ma vi assicuriamo che Stefano La Rosa sarà il terzo uomo alle Olimpiadi di Rio. La notizia l’ha data all’estensore di queste note martedì 5 gennaio nel corso di una registrazione televisiva per la rubrica Atletika per Comitato provinciale Fidal Milano. Una notizia che lo stesso atleta ha ribadito nella diretta Rai sul Campaccio il giorno successivo e che un paio di quotidiani hanno ripreso il giorno dopo.

La Rosa, in partenza per il Kenya con Ruggero Pertile e Daniele Meucci sarà al via nella maratona olimpica. Una convocazione che si merita sotto tutti i punti di vista. Toscano, 30 anni, ha attraversato tutti i mari perigliosi della nostra amata disciplina, lo abbiamo visto sgobbare sui prati, in pista, su strada. Alla maratona ci è arrivato per gradi. Prima ha lottato con il coltello tra i denti con Meucci in infiniti duelli nei 5 e 10 mila nei vari campionati italiani, ha indossato molte volte la maglia azzurra, ha centrato un bronzo come capitano dell’Italia nel cross europeo di Samokov nel 2014 è stato finalista, ottavo, a Zurigo, europei nei 10.000.

Un maratoneta si costruisce. – ha più volte ammesso Stefano -, intanto lui agli esordi è andato a segno a Treviso lo scorso marzo, poi a ottobre a Amsterdam ha centrato i minimo olimpico con 2:11’10”. Quanto mai determinato l’allievo di Panozzo ha le idee ben chiare, per inciso, le ha sempre avute, essendo stato sempre un punto fermo della nazionale nel mezzofondo. La Rosa aveva sfiorato il minimo nei 5000 per Londra, lo ha centrato per il Brasile. Nel frattempo sa già che dopo una prima parte di lavoro in quota, tornerà una seconda volta in Kenia per preparare a dovere i mondiali di mezza a Cardiffi il 27 marzo e gli Europei di mezza maratona (vera e propria novità) di Amsterdam a luglio un mese esatto prima delle Olimpiadi.

E la terza donna chi mai sarà? Chi si vestirà d’azzurro con Valeria Straneo e Anna Carmela Incerti? Le pretendenti ci sono, si parla di Silvia Weissteiner, ma anche di una certa Veronica… Staremo a vedere.

Articoli correlati

Olimpiadi Parigi 2024: la guida ai Giochi

23 Luglio, 2024

Dal 26 luglio all’11 agosto la Capitale francese ospita la 33esima edizione dei Giochi Olimpici: tutto quello che c’è da sapere sulle Olimpiadi Parigi 2024 Il 26 luglio è una data da segnare sul calendario: è il giorno in cui si svolgerà l’attesissima cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Parigi 2024. L’evento durerà 17 […]

La sfida di Roma: numero chiuso a 30.000

19 Luglio, 2024

Per la prima volta in una maratona italiana è stato fissato un numero chiuso a 30.000 iscritti. A pari periodo (luglio 2023-luglio 2024) il numero delle iscrizioni è già raddoppiato per la 30esima edizione del 16 marzo 2025, anno giubilare. Raddoppiano le giornate di sport: Fun Run 5km anticipata al sabato mattina 15 marzo L’obiettivo […]

Tamberi: “Ho pianto, ma il sogno non finisce”

10 Luglio, 2024

Il portabandiera azzurro accusa un problema al bicipite femorale e dovrà seguire una settimana di terapie e allenamenti differenziati saltando le gare di avvicinamento ai Giochi,. “Non mi vergogno a dirlo, ho pianto 3 volte nelle ultime 24 ore… probabilmente per la tensione, probabilmente per la paura e forse anche perché in parte tutto questo […]

Lucio Gigliotti compie 90 anni: auguri “Proffe”

09 Luglio, 2024

Luciano “Lucio” Gigliotti è nato ad Aurisina (TS), il 9 luglio 1934. Anche Correre festeggia i 90 anni dell’allenatore che in maratona ha costruito le carriere di Gelindo Bordin, Stefano Baldini e Maria Guida. Ecco una sintesi della lunga intervista pubblicata nel numero di luglio. Il 9 luglio sono 90 anni. Superfluo ribadire che non […]