fbpx

Zona mista – E bravo Yema Crippa!

20 Gennaio, 2015

Lo scorso week end non ha gareggiato, ma sono state sufficienti i successi di Samokov in Bulgaria a dicembre per gli Europei e il primo posto al cross di Edimburgo per fare eleggere il giovane azzurro Yemaneberhane Crippa (18 anni) come atleta del mese.
E’ un referendum che viene indetto dalla Federazione Europea di atletica e possono votare tutti. Sul sito della federazione www.european-athletics.org si possono trovare gli estremi per apporre il proprio voto.

Incensiamolo dunque, il ragazzo delle Valli Giudicarie (Trentino) che ha infilato due successi significativi e che ora sta preparando gli Assoluti al coperto di Padova programmati nella terza decade di febbraio.
Yema Crippa è un amante del cross. Anche se parla apertamente della stagione all’aperto, sa già che dovrà vestire l’azzurro sui prati in occasione dei mondiali di marzo.

In Bulgaria e in Scozia lo abbiamo visto via streaming; le sue vittorie sono state costruite staccando gli avversari nel finale, ma mentre nell’Est dell’Europa era stato “aiutato” da un errore marchiano da parte di un avversario (ha sbagliato il numero dei giri), a Edinburgo è arrivato solo facendo a fettine gli avversari.

Quel giorno ha corso con la maglia dell’Europa. Il campioncino lo stanno costruendo i tecnici della federazione, in primis Massimo Pegoretti che lo sta plasmando sin dalle prime uscite, in altre parole da quando non aveva i capelli colorati e correva con un paio di occhialoni da miope.
La stoffa del campione c’è, se ne stanno accorgendo un po’ tutti, non resta che seguirlo passo dopo passo, anche perchè Yema, che vive con i genitori adottivi e sei fratelli, è solo al primo anno junior.

Già che parliamo di cross e di mezzofondo non può passare sotto silenzio il “crono” realizzato dalla quindicenne Marta Zenoni, bergamasca, in gara al coperto. Nulla a che vedere con prati infangati, ma anche in queste occasioni occorre mostrare stimmate di classe, che la ragazza lombarda ha esibito già in altre occasioni.
Bene, leggiamo il suo tempo: 4’23”36 è la miglior prestazione italiana allieve, migliora il primato di Giovanna Tessitore che nel lontano 1991 aveva fermato i cronometri dopo 4’32”50. Se pensate che Federica Del Buono, altra grande speranza italiana nel 2013 corse la stessa distanza in 4’21”91…. Fate un po’ i conti e vi accorgerete che ci si trova di fronte a una promessa assai importante.
Tocca a Rosario (Saro) Naso tenerla a freno. Un tecnico esperto e di valore su cui contare.

Articoli correlati

Arnaudo 25ma nel Cross di Santiponce

22 Novembre, 2021

Vicino a Siviglia, nel prestigioso cross International de Italica vincono Jeruto e Kwizera Norah Jeruto ha vinto il prestigioso Cross Internacional de Italica a Santiponce vicino a Siviglia in 24’22” sulla distanza dei 7910 battendo per un solo secondo la vice campionessa mondiale dei 5000 metri di Doha 2019 Margaret Kipkemboi Chelimo al termine di […]

Battocletti prima delle europee al cross di Atapuerca

15 Novembre, 2021

Buona prestazione della ventunenne trentina nella quarta tappa del World Athletics Cross Country Tour Gold di Atapuerca vinta dall’eritrea Rahelo Ghebrenyohannes. In campo maschile,primo posto per il connazionale Aron Kifle. Il siciliano Giuseppe Gerratana e la piemontese Anna Arnaudo trionfano alla nona edizione del Cross Valmusone. Nadia Battocletti si è classificata dodicesima in 26’20” e […]

Habte e Nyomukunzi vincono il Cross di Amorebieta

25 Ottobre, 2021

L’eritreo Awet Habte e la burundese Francine Nyomukunzi hanno conquistato la vittoria al Cross Internacional Zonotza di Amorebieta in Spagna, seconda tappa del World Cross Country Tour. L’ugandese Joel Ayeko ha dominato la prima parte della gara maschile sulla distanza di 8.7 km in compagnia degli eritrei Habte e Yemane Haileselassie. I primi 2 km […]

Kiplimo e Gemechu vincono il Campaccio 2021

22 Marzo, 2021

L’ugandese Jacob Kiplimo vince la 64esima edizione del Campaccio Cross. Nella gara femminile trionfa l’etiope Tsehay Gemechu. Eyob Faniel, il migliore degli italiani, chiude in quarta posizione in 29’53”. Bene la giovane veronese Francesca Tommasi, sesta. Il ventenne ugandese Jacob Kiplimo ha confermato i favori del pronostico vincendo la gara maschile della sessantaquattresima edizione del […]