fbpx

VO2max e la formula della felicità

VO2max e la formula della felicità

Per molti anni il massimo consumo di ossigeno (VO2max) è stato l’unico parametro discriminante a livello scientifico per valutare l’efficienza di un atleta impegnato in uno sport di endurance, come la corsa di media e lunga durata, il ciclismo, lo sci di fondo o similari.

Il VO2max rappresenta la massima capacità del nostro organismo di consumare ossigeno in una data unità di tempo per rigenerare l’ATP (adenosintrifosfato), la molecola che permette ai muscoli di contrarsi producendo così il movimento. Ne deriva che più è alta è la potenza aerobica (VO2max), maggiore sarà la velocità che si può tenere in gara, sia questa una 10 km, una mezza o una maratona. Il VO2max è un parametro modificabile in misura inferiore rispetto alla soglia anaerobica ed è quindi un indice genetico importante per valutare le potenzialità dell’individuo.

Dopo diversi anni di ricerche si è però iniziato a notare che questo parametro varia tra soggetti con forti differenze fisiche. Può per esempio capitare che un soggetto che corre la maratona in 3 ore e 30’ abbia un consumo di ossigeno inferiore a un professionista che la corre in 2 ore e 10’; ma anche che atleti con valori di consumo di ossigeno similari abbiano prestazioni molto differenti.

Nel numero di Correre di marzo trovererete un’ampia ed esaustica spiegazione di tutti questi parametri fondamentali per interpretare i segreti del rapporto tra prestazione atletica e consumo di ossigeno. Ce ne parla Huber Rossi il cui consiglio finale è di allenarsi su più fronti.

Il massimo consumo di ossigeno è sicuramente un parametro importante, ma non va interpretato come l’unico fattore discriminante. Pur con valori di potenza aerobica inferiori, alcuni atleti riescono infatti a rendere meglio di colleghi più “dotati”, grazie ad altre variabili come l’economia di corsa e la frazione di utilizzo del VO2max. Il tutto senza considerare la componente psicologica, spesso altrettanto influente. Ciò che risulta decisivo è quindi la ricerca di una buona organizzazione del programma di allenamento, così da agire simultaneamente sul miglioramento di tutti e tre i parametri.

Articoli correlati

Parigi 2024: ecco il percorso della maratona delle Olimpiadi

06 Ottobre, 2022

Il Comitato organizzatore dei Giochi olimpici ha svelato il tracciato della maratona: da Parigi a Versailles e ritorno, partenza davanti all’Hotel de Ville, arrivo all’Esplanade des Invalides. Sabato 10 agosto la gara maschile, domenica 11 agosto quella femminile. 7.000 posti a sedere a pagamento sull’arrivo. Mass race parallela per 20.000 runner. Gli organizzatori dei Giochi […]

Programmazione: impariamo a gestire il calendario gare

Per chi ha appena iniziato a correre e per l’amatore evoluto: ecco come e perché programmare il calendario gare Avete iniziato a correre da poco e i vostri amici più esperti non fanno che raccontarvi le gare cui partecipano ogni santa domenica? Siete iscritti a un gruppo sportivo e avete un calendario gare che inizia […]

Berlin marathon: ritorna Eliud Kipchoge

21 Settembre, 2022

Dopo quattro anni il due volte campione olimpico torna sul percorso in cui stabilì il record del mondo (2:01’39”). Lo attende Guye Adola, qui vincitore nel 2021. Sfida tra Keira D’Amato (USA) e Nancy Jelagat (KEN). Nella starting list figurano 5 uomini con tempi di accredito migliori di 2:06’ e 8 donne sotto le 2:21’. […]

Europei, inizio amaro per l’Italia

16 Agosto, 2022

Delusione per la maratona maschile: Meucci 13° (2:14’22”), Aouani, in crisi, 19° (2:15’34”). Quinta Giovanna Epis (2:29’06”). Fuori dal podio i pesisti Nick Ponzio (quarto) e Leonardo Fabbri (settimo). Segnali di recupero di condizione di Roberta Bruni (asta) e Davide Re (400 m). Tutti e tre i triplisti in finale. Le buone notizie vengono dalle […]

Allenamento News Equipment Salute Correre