fbpx

Vip e campioni all’Appia Run per il debutto del Galaxy S5, telefono con funzioni da runner

Il futuro e il passato in un’unica dimensione. Per il lancio del nuovo telefono Galaxy S5 la Samsung ha individuato la Appia Run, corsa di 13 km (domenica 13 aprile) famosa per riproporre ai runner l’attraversamento del parco archeologico dell’Appia antica, ricco di alcune delle più preziose testimonianze architettoniche della civiltà romana.

Il “link” tra il Galaxy S5 e l’Appia Run è offerto dalle caratteristiche tecnologiche di questa quinta generazione di telefonia mobile Samsung. Questo modello, infatti, dispone anche di una serie di funzioni legate al fitness: contapassi, programma S Health 3.0 (per consigliare una dieta mirata) e un innovativo sensore “Frequenza cardiaca” utile al monitoraggio dei battiti cardiaci durante la corsa o qualsiasi altra attività motoria.

Ecco perché lo stadio delle Terme di Caracalla, tradizionale punto di ritrovo, partenza e arrivo dell’Appia Run, ospita, per questa 15ª edizione, il Villaggio Samsung Galaxy S5, che tra sabato e domenica sarà teatro di una serie di eventi collaterali tutti incentrati sulle connessioni tra il Galaxy S5 e la corsa.

Tanti i campioni dello sport che parteciperanno alla due giorni. Sabato 12 aprile alle 14.30 si inaugura la manifestazione con il taglio del nastro del villaggio, alla presenza di Samsung, di rappresentanti delle istituzioni, tra cui l’assessore allo Sport Luca Pancalli, e del Presidente del CONI Giovanni Malagò. A seguire sono previsti diversi appuntamenti sportivi per tutti con ospiti d’eccezione quali Aldo MontanoClemente Russo, Valentina Vezzali e Fiona May. Raffaele Paganini e Annarosa Petri invece presenteranno la Well Dance, un nuovo e originale modo di rimanere in forma con la danza. Inoltre, interverranno alla manifestazione durante i due giorni Ciro FerraraAndrea Lo Cicero e Fabio Pertile.

La serata di sabato 12 sarà invece animata da un esclusivo concerto dedicato a tutti gli appassionati di musica, presentato dal noto conduttore Alessandro Cattelan e che vedrà esibirsi come special guest la vincitrice dell’ultimo festival di Sanremo, Arisa.

Domenica, infine, alla corsa non agonistica di 5 km parteciperanno anche Vittoria Belvedere, Primo ReggianiGiampaolo Morelli, Fabio FulcoDaniele Liotti.

Così, su Correre di aprile (attualmente in edicola) Marco Raffaelli, titolare della rubrica “La Capitale”, espressamente dedicata al podismo romano, descrive l’Appia Run: “

Ci sono luoghi che nascondono i segreti di una città che ha oltre 2.700 anni di storia.

Il 13 aprile si correrà la Roma Appia Run: 13 km perfetti, affinati in 14 edizioni. Roberto De Benedittis è il padre. La cura e se ne prende cura, da sempre.

La linea di partenza è dove tutto ha avuto inizio: Viale delle Terme di Caracalla, da qui preparatevi a un’immersione nella storia con l´ingresso nell´Appia Antica attraverso l´Arco di Druso e Porta S. Sebastiano.

Una gara che andrebbe disputata con guida turistica alla mano… di fatto vi aiuteremo noi, prendete nota (e guardate la mappa): percorrerete tutta l´Appia Antica fino a Via di Cecilia Metella correndo al fianco di alcuni monumenti più importanti e affascinanti della capitale.

Piegherete poi leggermente a sinistra e sulla vostra destra costeggerete le Catacombe di S. Callisto e successivamente quelle di S. Sebastiano.

Sulla sinistra ecco il Circo di Massenzio. Pensate: era lungo 520 m, massima larghezza 92 m, era riservato alla famiglia imperiale e poteva ospitare “solo” 10.000 spettatori.

Prima di affrontare la salita che vi porterà al maestoso Mausoleo di Cecilia Metella, al termine della salita, troverete il tratto in Basolato Lavico, circa 200 m, che dà il senso del passaggio vero nell´antica Roma. Superato il basolato vi dirigete a sinistra, in discesa per Via di Cecilia Metella e ancora a sinistra per Via Appia Pignatelli.

Al sesto chilometro preparatevi: entrerete nel Parco della Caffarella, 3 km di sterrato all´interno del “Bosco Sacro“, nei pressi del Ninfeo di Egeriae passerete l’Almone, il fiume sacro di Roma.  Quando entrerete in questo luogo vi sentirete fuori dal mondo, a soli 2 km dal Colosseo. Non sentirete alcun rumore della città, solo il suono dei vostri piedi e dei tanti che saranno insieme a voi.

Percorrerete poi l´Appia Antica in senso inverso fino a tornare davanti a Porta S. Sebastiano. Da qui le Mura Aureliane non vi lasceranno più fino al dodicesimo chilometro.

L’arrivo della gara con l’ingresso nello Stadio delle Terme di Caracalla, con gli ultimi 200 m in pista, saranno perfetti. Potrete raccontare di aver corso nella storia.