fbpx

Tutte le novità della Huawei RomaOstia 2020

da sinistra Mirko Annibale, Roberto Tavani, Laura Duchi, Luciano Duchi, Andrea Trabuio, Silvia Salis e Angelo Diario

Un appuntamento nel segno della tradizione ma anche dell’innovazione per presentare, in Campidoglio, la Huawei RomaOstia, la mezza maratona organizzata dal GSBRun in partnership con RCS Sports & Events, in calendario a Roma domenica 8 marzo.

A fare gli onori di casa il presidente e inventore della RomaOstia Luciano Duchi, da 46 anni al timone dell’evento, affiancato da Angelo Diario presidente della Commissione Sport di Roma Capitale il quale ha riportato a tutti i saluti della sindaca Virgina Raggi e dell’assessore allo Sport, politiche giovanili, grandi eventi di Roma Daniele Frongia.

Laura Duchi, presidente di GSBRun ha illustrato le novità della 46° edizione, in presenza di istituzioni, enti, società sportive, atleti e numerosi altri Partner. Sono intervenuti come relatori: la ex martellista italiana Silvia Salis, vincitrice di dieci titoli italiani, ora membro del Consiglio Federale della FIDAL, Roberto Tavani in rappresentanza della regione Lazio e Andrea Trabuio responsabile mass events per RCS Sports & Events.

La Huawei RomaOstia è la manifestazione competitiva in Italia più partecipata dagli italiani e la seconda per numero di atleti al traguardo. Rimane, ancora oggi, l’unica gara a vantare la Gold Label IAAF, il massimo riconoscimento della Federazione internazionale, del quale è insignita da ben 8 anni. Ha una tradizione di 46 anni di storia che ha visto decine di migliaia di runner percorrere la strada che porta da Roma al mare.

Il nuovo percorso e i primi atleti élite

Una competizione dal percorso scorrevole e veloce, il cui tracciato prevede quest’anno l’eliminazione del tratto finale sul lungomare che appesantiva, non poco, l’azione degli atleti. Un intervento innovativo introdotto dagli organizzatori in base al quale si percorrerà un tratto più lungo (circa 800 m) all’interno del quartiere Eur. Lo start è posizionato come nelle scorse edizioni vicino al Palaeur mentre l’arrivo direttamente sulla rotonda, tutto da godere per attori e spettatori.
Si annuncia come di consueto di livello assoluto il gruppo di atleti élite. Tra gli uomini, il keniano Vincent Kipchumba vincitore nel 2019 delle maratone di Vienna e Amsterdam nel 2019 e con un pb di 2h05’09”, dovrà vedersela con il connazionale Morris Gachaga, che si presenta un un pb di 59’22” sulla mezza e con il norvegese Sondre Nordstad Moen, già detentore del primato europeo di maratona con 2h05’48’’ e accreditato di 59’48’’ sulla mezza.
Tra le donne duelli in casa per le keniane Magdalyne Masai, vincitrice della Maratona di Toronto nel 2020 on 2h22’16” e con un personale di 67’31’’ ottenuto nella RomaOstia del 2016, Angela Tanui, due volte seconda al traguardo di Ostia nel 2016 e nel 2017 con un pb di 67’16’’, Rodah Chekorir Tanui, seconda nella Mumbai marathon lo scorso 19 gennaio e Stacy Ndiwa, pb di 67’16’’ anche per lei sulla mezza maratona.

La nuova maglia

Non è mancata la presentazione della nuova maglia tecnica, da sempre protagonista di questa giornata, già svelata a dicembre sui canali di comunicazione social. Un modello ideato e prodotto da Joma, technical partner della Huawei RomaOstia Half Marathon, rientrato ad affiancare gli organizzatori dopo un anno di pausa. E a raccontarne i particolari Mirko Annibale, rappresentate della filiale in Italia di Joma Sport: “Il colore e la grafica scelte per questo modello rappresentano una novità rispetto al passato. Oltre al grigio, colore di fondo, risaltano non solo i triangoli rossi, utilizzati anche per la comunicazione dell’evento, ma la particolare texture scelta, dalla tonalità più chiara e riportante una parte della pianta di Roma”.

Donne al centro

Cadendo la data della partenza di quest’anno proprio nella giornata internazionale dei diritti della donna non mancheranno anche iniziative specifiche dedicate alle atlete donne. Oltre all’omaggio fatto da Luciano Duchi verso il pubblico ricordando in sala le grandi donne protagoniste della RomaOstia nel corso delle varie edizioni, il valore dello sport al femminile è stato ripreso dalla stessa Salis, la quale ha sottolineato l’importanza che ha lo sport nella nostra società come vero elemento di emancipazione per la donna.

Rispetto dell’ambiente

Maggiore sarà, inoltre, l’attenzione alla preservazione del nostro pianeta. Tutti gli allestimenti di Casa RomaOstia saranno, infatti, prodotti con materiale totalmente biodegradabile, novità di grande impatto nell’ambito degli eventi sportivi italiani. Così come la Huawei RomaOstia BAG plastic free, realizzata in tela 100% a base di acqua mediante l’utilizzo di tinte e inchiostri certificati.

Le iscrizioni

Il trend registra una crescita a oggi rispetto alle cinque edizioni precedenti. Già 7.000 i runner che hanno prenotato un pettorale per l’8 marzo provenienti da tutte le regioni italiane e da 133 paesi del mondo. Le iscrizioni sono aperte sul sito ufficiale della gara www.romaostia.it fino al 26 febbraio.
E fino a domani 31 gennaio la quota rimane pari a 33 euro.

I partner

I Partner del 2020 – Roma Capitale – Regione Lazio – FIDAL e CONI.
Top Sponsor: Huawei (Title Partner) – Enervit (Sport Nutrition Partner) – Joma Sport (Technical Partner) – Yakult (Official Partner) – Omnia Hotels (Hospitality Partner) – Nuncas (Official Supplier).
Media Partner La Gazzetta dello Sport e Rai Radio2.

Rai Radio 2

Ancora una volta Rai Radio2 sceglie di scendere in campo come radio ufficiale della mezza maratona a sostegno di un’iniziativa che mette al centro la passione per lo sport. A rappresentare il TEAM Diletta Parlangeli, istrionica giornalista alla conduzione di “Prendila Così”, programma di successo del week-end della radio, in squadra Silvia Boschero, che oltre a essere conduttrice de “La Versione delle Due” è anche grande sportiva, nonché Mauro Casciari, infiltrato d’eccezione nonché brillante conduttore di “Numeri Uni”, il programma che accende il sorriso nel pomeriggio di Rai Radio2.

Le dichiarazioni

Luciano Duchi, Presidente RomaOstia Half Marathon
«Personalmente riflettere sulla mia vita, dal 1974 a oggi, è nella maggior parte delle volte rappresentato dal ripensare e magari veder scorrere davanti agli occhi, le quarantacinque edizioni della RomaOstia. Ognuna ha un particolare ricordo al quale sono affezionato. Alcune mi appaiono con speciali o curiosi aneddoti che spesso racconto sui social e che le hanno caratterizzate. Sintetizzando, la parte più importante della mia vita è stata sicuramente la RomaOstia e per questo quando scrissi un volumetto sulle prime trenta edizioni lo intitolai “Una corsa…una vita”. Da quel titolo-dedica sono passati altri lunghi e intensi quindici anni, che hanno se possibile ancora di più rafforzato quel concetto. Per questo oggi ho voluto che fossero presenti a questa presentazione le persone più importanti collegate all’esperienza più esaltante della mia vita. Amici con i quali ho condiviso i primi progetti, le prime idee, le prime edizioni, i primi successi, le prime delusioni, in definitiva la storia della gara».
«Per il resto: i nuovi progetti, l’expo, la partenza, il percorso, gli élite runners, la promozione della gara, gli sponsor… tutti i segmenti della complessa organizzazione hanno attualmente persone professionalmente valide e difficilmente sostituibili. All’ancora entusiasta, ma datato, Presidente, che questa cosa bella l’ha inventata quasi mezzo secolo fa, rimane il compito di ricordarne la splendida storia, popolata di vecchi e nuovi protagonisti».

Andrea Trabuio, RCS Sports & Events, Responsabile Area Mass Events e Direttore Milano Marathon
«Questa con GS Bancari Romani GSBRun rappresenta una partnership importante per RCS Sports & Events nata oltre tre anni fa. Un evento che dà prestigio a tutto il Gruppo per le sue particolari caratteristiche, quali l’elevato standard organizzativo, i molteplici risultati sportivi, il numero dei partecipanti coinvolti e la grande passione dedicata da tutto lo staff a una gara qualificata come la prima mezza maratona italiana. Il nostro portfolio si arricchisce ulteriormente di appuntamenti sportivi di livello internazionale, come l’Abu Dhabi Marathon organizzata lo scorso dicembre per il secondo anno consecutivo e la Ras Al Khaimah Half Marathon in programma il prossimo 21 febbraio. Questi insieme creano un vero sistema integrato di eventi grazie al quale è possibile crescere e migliorare ulteriormente le prestazioni tecnico sportive raggiunte».