fbpx

Running e ciclismo: la maratona dei professionisti del pedale

Ivan Basso e Davide Cassani (Foto: Colombo)
Di: Daniele Menarini

Riflettori accesi sui big delle due ruote. Da sabato 11 maggio (Bologna) a domenica 2 giugno (Verona), il 102° Giro d’Italia terrà gli appassionati incollati alla TV e lungo i 3.518,5 km delle 21 tappe. Una passione, quella per il ciclismo, che oggi, ormai, non è più così distante come un tempo da quella per il podismo. Prova ne sia l’esperienza fatta da alcuni tra i più famosi big del pedale sulla più classica delle distanze della corsa a piedi: la maratona.

Lo show di Armstrong a New York

La più nota di tutte queste esperienze resta quella dell’oggi innominabile Lance Armstrong, che nel 2006 corse la maratona di New York in 2:59’36” scortato dai bodyguard e seguito da una telecamera dedicata. Ricordava Andrea Schiavon sul numero di Correre di ottobre 2016 che “Il texano dagli occhi di ghiaccio è sbarcato nel pianeta maratona come una star, nel 2006, quando la confessione di fronte a Oprah Winfrey non era ancora in scaletta e la Nike gli metteva a disposizione Alberto Salazar (il coach di Mo Farah e Galen Rupp) per debuttare a New York. Del resto Armstrong, con il suo passato da triathleta, non era certo un principiante in fatto di corsa, senza contare che a fargli da pacer in quell’esordio sulle 26,2 miglia c’erano due campioni olimpici come Joan Benoit (vincitrice della prima maratona olimpica femminile, Los Angeles 1984) e Hicham El Guerrouj (doppio oro ad Atene 2004, 1.500 e 5.000 m). Risultato? Voleva finire sotto le 3 ore e fece 2:59’36”. Da agonista senza freni, non si è fermato lì: quasi 13 minuti di miglioramento l’anno seguente (2:46’43”), ripresentandosi sul ponte di Verrazano, per poi concedersi una partecipazione alla maratona più antica, a Boston (2:50’58” nel 2008).”

Fatiche da dopo carriera

Di solito, però, i “Pro” della bici tendono a infilare le scarpette da running a fine carriera o nel limbo delle ultime stagioni sui pedali. È stato così, ad esempio, per Laurent Jalabert, che dopo un titolo mondiale a cronometro e vittorie care agli italiani come quelle nella Milano-Sanremo e nel Giro di Lombardia, nel 2007 chiuse i 42,195 km a Barcellona in 2:45’52”. Un anno prima, lo spagnolo bi-campione mondiale (prova in linea e a cronometro), Abraham Olano, aveva fermato il cronometro a 2:39’19” nella maratona iberica di San Sebastian. Più lento, ma pur sempre autore di un più che apprezzabile 3:19’27” alla London marathon, risultò il recordman dell’ora, Chris Boardman. Ma le finalità della partecipazione del britannico campione olimpico di Barcellona (inseguimento) erano diverse da quelle dei colleghi. Ricorda ancora Schiavon: “L’uomo che si è spinto oltre Eddy Merckx, pedalando per 49,441 km, nel 2009 ha portato i suoi 40 anni (quasi 41) a spasso per Londra con lo scopo di raccogliere fondi a favore della National Autistic Society. Nessuna fretta di arrivare al traguardo e un pizzico di autoironia, come la scommessa fatta con Chris Hoy: il campione olimpico della pista si è impegnato a donare a Boardman una sterlina per ogni volta che, durante la maratona, qualche spettatore gli avesse gridato: “Dove hai lasciato la bicicletta?”

Jalabert si sarebbe poi tolto soddisfazioni anche da triatleta: in occasione dell’Ironman di Kona (Isole Hawaii, USA) ha coperto la conclusiva frazione di maratona in 3:11’.

Più brillanti le seconde linee

Quando si tirano le somme di questa carrellata di ciclisti-maratoneti, si scopre che i tempi migliori appartengono a professionisti di seconda schiera. Leonardo Calzavara aveva chiuso le proprie tre stagioni tra i Pro con pochi piazzamenti e nessuna vittoria. Ebbene, alla Venicemarathon del 2007 si è classificato undicesimo assoluto e secondo degli italiani in 2:26’26”. Giù il cappello! È lui il capofila della breve e provvisoria lista elaborata grazie ai contributi dello speaker Paolo Mutton e dello stesso Schiavon, e che trovate in fondo al testo. In questo ranking in evoluzione, l’unico altro ex-ciclista capace di rimanere sotto il limite delle 2:30’ è lo spagnolo Daniel Atienza, che nel 2014, a Zurigo, ha concluso la maratona in 2:29’27”.

Il “passator Cassani”

Chi, invece, è andato oltre, facendo della maratona e della corsa in generale una vera e propria passione, è l’attuale Cittì della nazionale di ciclismo, Davide Cassani (nella foto con Ivan Basso): maratoneta dal 2002, vanta un personale di 2:45’25” ottenuto alla Pisa marathon del 2013.

Non pago di questa dimestichezza con i 42 chilometri, nel 2015 ha portato a termine la 100 km del Passatore, da Firenze alla sua Faenza. Tempo finale: 9:28’12”. «Per fortuna che il traguardo era molto vicino a casa mia – ha poi commentato l’ex ciclista faentino, che ha ammesso: – ho partecipato a 12 Giri d’Italia, 9 Tour de France e 9 campionati del mondo, ma raramente ho sentito dentro di me il senso di fatica che mi ha assalito negli ultimi 20 km del “Passatore”.» 

Ecco i migliori ciclisti-maratoneti

Leonardo Calzavara 2:26:26 Venezia 2007

Daniel Atienza 2:29’27 Zurigo 2014

Abraham Olano 2:39:19 S.Sebastian 2006

Paolo Lanfranchi 2:39:52 Brescia 2015

Rolf Aldag 2:42:54 Amburgo 2006

Davide Cassani 2:45:25 Pisa 2013

Laurent Jalabert 2:45:52 Barcellona 2007

Lance Armstrong 2:46:43 New York 2007

Paolo Valoti 2:55:45 Firenze 2016

Chris Boardman 3:19:27 Londra 2009

Ivan Basso 3:19:43 Venezia 2016 

Paolo Bettini 4:04:59 R. Emilia 2011

Articoli Correlati

La maratona di Ravenna entra nel calendario Abbott WMM Wanda Age Group
Record giapponese di Hitomi Niiya e successo di Yimer alla mezza maratona di Houston
Leonard Barsoton
Barsoton batte il record del percorso di Kenenisa Bekele nella 25 km di Calcutta
Sara Dossena vince la maratona di Cittadella
Dossena vince la Mezza maratona di Cittadella
Run Rome The Marathon
Run Rome The Marathon: iscrizioni aperte per il 29 marzo
Peres Jepchirchir
Jepchirchir batte il personale alla Maratona di Saitama