fbpx

Più forti su strada che su pista

20 Novembre, 2020
Foto: Giancarlo Colombo

Giorgio Rondelli affronta l’argomento sul numero di Correre di novembre partendo da alcuni record stabiliti alla fine dell’estate. In quel periodo sono state realizzate diverse migliori prestazioni mondiali sull’ora in pista, oltre a un record nella mezza maratona femminile. Questi primati hanno paradossalmente evidenziato come gli stessi atleti di alto livello siano più forti su strada che su pista. Cioè il contrario di quanto si è sempre pensato.

Sull’ora di corsa

Lo scorso settembre abbiamo assistito a Bruxelles ai record dei 60 minuti sul tartan di due fuoriclasse della pista: Sifan Hassan (18,930 km) e Mo Farah (21,330 km). Il primato è stato raggiunto con ampio margine dalla Hassan, con oltre 400 m di distacco. Molto più risicato, con un vantaggio di soli 45 m, il raggiungimento del record per Farah.

Mezza maratona, sempre più veloci

Sempre all’inizio di settembre a Praga la keniota Peres Jepchirchir ha stabilito la migliore prestazione mondiale sui 21,097 km per sole donne con 1:05’34”. Un nuovo record che non sarebbe neanche il personale per la campionessa, che in gara mista ha un primato di 1:05’05”. Grande risultato cronometrico poi anche tra gli uomini, con la vittoria del keniota Kibiwott Kandie in 58’38”, cioè il quinto tempo mondiale di sempre. La gara ceca si è tenuta su un mini circuito su strada.

Tempi a confronto

Nel paragonare questi primati sorge dunque la domanda: allora si corre più forti su strada che su pista? Se si confrontano i tempi di Hassan e Farah sul manto sintetico con quelli di Jepchichir e di Kandie su strada la differenza è chiara. La Hassan in 60’ ha percorso 18,930 km. Se avesse voluto completare una mezza con lo stesso ritmo avrebbe chiuso in circa 1:07’. Molto peggio di Jepchirchir. Evidente anche il divario fra i 21,330 km di Mo Farah, passato alla mezza in 59’25”, rispetto ai 58’38” di Kandie che, se avesse voluto completare un’ora di corsa, avrebbe sfiorato i 21,500 m.

L’effetto dei mini circuiti

Nell’articolo a firma di Giorgio Rondelli vengono inoltre riportati i pareri anche di due allenatori di fama mondiale, ovvero Renato Canova e Luciano Gigliotti. Entrambi hanno sottolineato come i grandi top runner di oggi preferiscano appunto essere più forti su strada che su pista, sfidandosi sull’asfalto e non in lunghe galoppate sul manto sintetico. A questo Rondelli affianca poi altre considerazioni sui percorsi delle gare. Anche a causa della pandemia, si va sempre di più verso l’impiego dei mini circuiti. «Un tipo di tracciato che facilita la concentrazione e rende più facile il controllo del ritmo gara», afferma ancora anche Renato Canova.

Leggi anche: Sifan Hassan cancella il primato di Paula Radcliffe sui 10.000 m

Articoli correlati

Record del mondo under 20 di Athing Mu sugli 800 metri

28 Febbraio, 2021

Athing Mu distrugge il record mondiale U20 indoor degli 800 metri. Il precedente primato personale indoor di 2’01”07 risale al 16 gennaio scorso a College Station. La diciottenne Athing Mu ha stabilito il primato del mondo under 20 sugli 800 metri femminili fermando il cronometro in un clamoroso 1’58”40, alle South Eastern Conference di Fayetteville […]

Annullata la mezza maratona di Ras Al Khaimah, niente esordio per Crippa

04 Febbraio, 2021

Cancellata a pochi giorni dal via la RAK Half-Marathon, si correrá nel 2022. Niente da fare per Yeman Crippa che aveva programmato proprio nella mezza maratona degli Emirati Arabi Uniti il suo esordio sulla distanza. Tutto rimandato al 2022. La 15esima edizione della RAK Half-Marathon in programma venerdì 19 febbraio a Ras Al Khaimah, non […]

Crippa debutta nella mezza maratona

27 Gennaio, 2021

L’atleta delle Fiamme Oro esordirà sulla distanza nella RAK Half Marathon di Ras Al Khaimah del prossimo 19 febbraio, in gara contro i migliori atleti al mondo. Al via anche l’altro azzurro del mezzofondo, Eyob Faniel. Yeman Crippa debutta sulla mezza maratona alla RAK Half Marathon di Ras Al Khaimah il prossimo 19 febbraio in una […]

Jim Walmsley a soli 12 secondi dal record del mondo sui 100 km

24 Gennaio, 2021

 Fallisce il tentativo di Jim Walmsley di stabilire la migliore prestazione mondiale sui 100 km. Il trentunenne chiude in 6h09’26”, 12 secondi in più del limite fissato da Nao Kazami nel 2018, prestazione che gli vale comunque il record americano all time sulla distanza. Sull’onda cavalcata da Nike e Salomon, anche Hoka OneOne, il brand nato […]