fbpx

Più felici e in forma se l'intestino è in salute

18 Agosto, 2016

Un intestino in salute regala serenità e felicità, due armi fondamentali per un’ottima prestazione atletica. Da anni si conosce lo stretto rapporto che intercorre tra cervello e intestino cosa che fa parte anche del linguaggio comune: sentiamo le farfalle nello stomaco quando siamo innamorati, mandiamo giù bocconi amari, digeriamo novità…

Nell’ultimo decennio in questo rapporto intestinocervello si è inserito un terzo protagonista, il microbiota intestinale. Il numero di cellule microbiche che albergano nell’intestino supera di 10 volte il quello delle cellule che compongono il corpo umano. I geni, 150 volte più numerosi rispetto a quelli presenti nel corpo umano, consentono alle cellule dell’intestino di svolgere un’enorme attività metabolica.

Il rapporto tra ciò che mangiamo, i livelli di attività fisica e la ricchezza dei microbiota è essenziale per mantenersi in buona salute.

Il microbiota influenza i livelli di un potente neurotrasmettitore, la serotonina, l’ormone della felicità, che influisce moltissimo sulla nostra vita regolando umore, sonno, sessualità e appetito. Deficit di serotonina causano depressione, disturbi del comportamento alimentare, manie e ansia.

Di intestino e microbiota intestinale ne parliamo ampiamente su Correre di agosto, ecco qui qualche strategia da adottare:

– la nascita per via naturale, l’allattamento al seno e un corretto svezzamento sono la base per la costruzione di un buon microbiota.

– Consumare quotidianamente prodotti probiotici (kefir, yogurt, verdure latto-fermentate, crauti) e prebiotici come frutta, verdura, tuberi come cipolle e topinambur e cereali integrali.

– Evitare usi impropri di antibiotici o altri farmaci.

– Fare attività fisica quotidiana (il movimento favorisce la crescita di tante specie batteriche diverse nel nostro intestino)

Articoli correlati

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

13 Aprile, 2021

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]

Dita a martello

19 Novembre, 2020

Si tratta di una condizione che, nel tempo, può portare a problemi e dolori ai metatarsi. Le dita a martello sono il risultato di una posizione anomala in flessione. Una situazione che all’inizio può essere solo un atteggiamento, ma che rischia di trasformarsi in una postura cronica e dolorosa. Questo anche perché l’articolazione deformata sfrega […]

Salute nella corsa

13 Novembre, 2020

Uno dei più attuali, completi e innovativi manuali dedicati alla nostra disciplina, La salute nella corsa è un’opera ricchissima, scritta da Blaise Dubois in collaborazione con altri 50 specialisti del settore. Dall’allenamento, alla prevenzione, fino al recupero degli infortuni, in queste quasi 500 pagine si trova tutto quello che bisogna sapere per diventare runner migliori […]

Salute del runner: gli infortuni più frequenti. Terzo (e ultimo): fratture da fatica

27 Luglio, 2020

I segni di una frattura da fatica cominciano a intravedersi almeno quindici giorni dopo i primi segnali di dolore. Il riscontro diagnostico più immediato è quello fornito dalla risonanza magnetica, che può indicare con precisione la sede e l’entità della lesione.  Nella vita del runner possono intervenire patologie particolarmente insidiose, perché spesso non vengono riconosciute […]