fbpx

Pechino 2015: Libania Grenot fuori dalla finale

Libania Grenot ha corso una delle migliori gare della stagione ottenendo un buon terzo posto nella prima semifinale in 51”14 ma non è bastato per accedere in finale. La campionessa europea di Zurigo 2014 ha preceduto avversarie di ottimo livello come la francese Floria Guey (51”30) e Natasha Hastings (51”33) battendosi al massimo delle sue possibilità. Il primo posto è andato al talento di Bahamas Shaunae Miller in 50”12 davanti alla giamaicana Christine Day (50”82). Christine Ohruoghu, campionessa olimpica sulla pista del Bird’s Nest sette anni fa, ha vinto la seconda semifinale in 50”16, mentre Allyson Felix ha fatto segnare l’unico tempo sotto i 50 secondi con 49”89 precededno la giamaicana Sherika Jackson (50”03)

Mi dispiace molto non aver passato il turno perché penso di valere tempi migliori. Pensavo di essere scesa sotto i 51 secondi. Purtroppo ho fatto un anno di sacrifici senza raggiungere l’obiettivo”, ha detto la Grenot

Batterie 200 metri maschili: Primo round per Bolt e Gatlin:

Sono tornati in pista Usain Bolt e Justin Gatlin per le batterie dei 200 metri. Nela sfida a distanza il più veloce dei due fuoriclasse è stato Gatlin che si è imposto in 20”19, mentre il giamaicano ha passeggiato in 20”29 precedendo il cubano Roberto Skyers di un centesimo. Hanno destato un’ottima impressione il turco di origine azera Ramil Gulyev, autore del miglior tempo con 20”01, Alonso Edward di Panama (20”11), il britannico Zharnell Hughes (20”13) e il greco Stefanos Tsakonas (20”14). 

Articoli Correlati

Yomif Kejelcha
Quarta giornata dei Mondiali Indoor di Birmingham: Bis di Kejelcha e Nyonsaba 
Seconda giornata Mondiali Indoor di Birmingham: Bouih in finale sui 3000 metri 
Genzebe Dibaba
Mondiali Indoor: quarto oro per Dibaba, Trost vince il bronzo 
Successi azzurri: trent’anni fa, ai Mondiali di Roma, l’oro di Francesco Panetta sui 3.000 siepi
Filippo Tortu
Londra 2017: dalla finale dei 1500 donne alla qualificazione di Tortu, le emozioni della quarta giornata
Londra 2017: il programma della quinta giornata