fbpx

Parola di Pink: la maratona di NY, il mio riscatto sul cancro

11 Febbraio, 2015

Sono partite in 38, si sono allenate per sei mesi e in 10 sono arrivate a correre la maratona di New York. Alcune di loro erano principianti, altre avevano un po’ di pratica nelle gambe, tutte condividevano lo stesso passato segnato dal tumore al seno.

Sono tornate dalla Grande Mela stringendo una medaglia che è l’orgoglioso simbolo di un enorme lavoro fatto su stesse. Per testimoniare che #NothingStopsPink, niente ferma le donne.

Nothing Stops Pink è il progetto firmato da Fondazione Umberto Veronesi e Rosa&Associati per promuovere il movimento e la corsa come forma di prevenzione al tumore.

Su Correre di gennaio abbiamo presentato l’iniziativa, sul numero di febbraio diamo parola alle protagoniste.

Il racconto della Pink Laura Boldrini

Correre la maratona di New York? Proprio io che non ho mai fatto sport?
No, ma figurati, intanto comincio ad allenarmi e poi si vedrà. Mi sono appassionata al progetto Nothing stops Pink e ci ho creduto.

Quando sono arrivata a New York mi è venuta la febbre. In molti, io per prima, pensavano che non ce l’avrei fatta. Invece no, ci sono riuscita, ho tagliato quel traguardo!

Sono partita tra gli ultimi con Manuela e Natalina. Iniziamo a correre, ma sul ponte di Verrazzano tira un vento fortissimo e rallentiamo, quando arriviamo a Brooklyn la folla inizia ad incitarci e sarà così per tutto il percorso.
“Go ladies” “Nothing stops pink” che emozione lasciarsi trasportare dalle urla di tante persone!

Corri tra la gente e nello stesso tempo all’interno di te stessa attraversando tutta la gamma dei sentimenti umani: la paura, l’entusiasmo, la rabbia, la gioia, l’allegria, il ricordo di persone che non ci sono più, lo scoramento, l’autostima, la grinta, il dolore fisico.

Ho affrontato la gara senza mai pensare ai tempi perché sapevo che per me non era quello l’importante, mi sono vissuta intensamente ogni attimo, ho ballato, cantato, scattato fotografie, stretto mani.
Dovevo però riuscire a finirla e più macinavo i km e più mi convincevo che sarei arrivata fino in fondo.

Quando entriamo in Central Park è buio, ma abbiamo la consapevolezza di essere ormai alla meta, intravedo il traguardo: un ultimo sforzo, passo la linea del finish, alzo le braccia al cielo e mi sciolgo in un pianto liberatorio.

Era il mio riscatto sul cancro, voltare pagina di un capitolo doloroso e faticoso della mia vita che mi auguro chiuso per sempre. Ci sono riuscita, sono contenta e orgogliosa di me!

Articoli correlati

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]

Dita a martello

Si tratta di una condizione che, nel tempo, può portare a problemi e dolori ai metatarsi. Le dita a martello sono il risultato di una posizione anomala in flessione. Una situazione che all’inizio può essere solo un atteggiamento, ma che rischia di trasformarsi in una postura cronica e dolorosa. Questo anche perché l’articolazione deformata sfrega […]

Salute nella corsa

13 Novembre, 2020

Uno dei più attuali, completi e innovativi manuali dedicati alla nostra disciplina, La salute nella corsa è un’opera ricchissima, scritta da Blaise Dubois in collaborazione con altri 50 specialisti del settore. Dall’allenamento, alla prevenzione, fino al recupero degli infortuni, in queste quasi 500 pagine si trova tutto quello che bisogna sapere per diventare runner migliori […]