fbpx

Monster Frozen: Paolo Venturini come mai nessuno prima

21 Gennaio, 2019

Paolo Venturini ce l’ha fatta: è riuscito a compiere quello che mai nessun uomo era riuscito a fare. A 51 anni l’ultramaratoneta e sovrintendente della Polizia di Stato ha percorso la distanza di 39,120 km da Tomtor ad Oymyakon, in Jakutia (Russia) alla temperatura di -52°C, con picco di -52,6°C.

Con il tempo di 3:54’10” ha portato a termine “Monster Frozen”, il primo tentativo di corsa nel luogo più freddo della terra.

A temperature così proibitive, tra i problemi principali da superare c’è quello della respirazione, poiché con l’umidità al 80% si inalano cristalli di ghiaccio, mettendo in pericolo gli alveoli polmonari ma prima ancora i denti. Per questo motivo durante l’impresa il runner della Polizia di Stato è stato accompagnato da due medici del dipartimento di Medicina dello Sport dell’Università di Padova, un traduttore e un accompagnatore, oltre al coinvolgimento di esperti in medicina del freddo dell’Università di Yakutsk.

Oltre alla preparazione atletica e all’abbigliamento, un aspetto fondamentale per la riuscita del progetto è stata l’alimentazione, durante la gara Venturini si è alimentato con Parmigiano Reggiano sia per l’apporto di sali minerali sia per la consistenza: «anche se ghiacciato, si sbriciola e si può mangiare».

Al termine dell’impresa Paolo Venturini, si è inginocchiato commosso nella neve, abbracciando il tricolore.

 

Articoli correlati

L’ultramaratona definitiva di Scott Jurek

06 Febbraio, 2021

In Nord Scott Jurek, uno dei più grandi e amati ultramaratoneti di tutti i tempi, racconta della sua ultramaratona definitiva e più che mai selvaggia dopo un periodo di crisi: quella di stabilire il record di velocità sul sentiero degli Appalachi marciando nella direzione più ardua, ovvero verso nord. Il libro, edito da Sperling Kupfer, […]

Storia dell’ultramaratona italiana

25 Luglio, 2020

L’ultrarunner Enrico Vedilei ha dato alle stampe la sua prima fatica letteraria, Oltre l’arrivo. Una vera e propria storia dell’ultramaratona italiana e uno strumento di consultazione e di analisi di quello che, da più di 20 anni, è il mondo dell’autore. Praticante prima, organizzatore poi, quest’ultimo è infatti anche e soprattutto un esperto di primo […]

L’ultramaratoneta Simone Leo pronto a sfidare il clima polare

24 Gennaio, 2020

Simone Leo, ultramaratoneta conosciuto ai lettori di Correre perché gli venne dedicata un’ampia intervista su Correre gennaio 2019 in cui raccontava la sua esperienza di primo italiano ad aver concluso tutte le “seven sisters”, cioè le sette ultramaratone ritenute le più dure, è pronto a sfidare il clima polare per portare negli Usa il suo […]

Dove trovare il carburante?

Sappiamo che il consumo energetico della corsa su lunghe o lunghissime distanze sia dato (approssimativamente) dal peso dell’atleta (e di ciò che si porta addosso), moltiplicato per il numero di km percorsi, indipendentemente o quasi dalla velocità tenuta. Ma dove trovare le calorie necessarie? Un atleta di 70 kg dunque consumerà circa 7.000 kcal per […]