Otto gare (da guardare) per innamorarsi del trail

Otto gare (da guardare) per innamorarsi del trail

15 Aprile, 2015

Panoramica sulle più entusiasmanti competizioni della corsa off road, per iniziare a seguire una disciplina che vi condurrà in scenari mozzafiato… e “spacca-gambe”.
Nel numero di Correre di aprile Luca Revelli analizza per noi il calendario trail scegliendo le 8 gare che un neofita della specialità possa segui“Un neofita segue, si interessa e si appassiona solamente se uno sport riesce a emozionarlo… Vi garantisco che in questo elenco la pelle d’oca è garantita dalla prima all’ultima gara!”.

Domenica 17 maggio: Maratona alpina Zegama Aizkorri (42,195 km, 2.736 m D+). Zegama (Spagna)
Il livello di partecipazione a questa gara è pazzesco, sotto ogni punto di vista. Commovente il coinvolgimento del pubblico che sa trasformare la salita del Sancti Spiritu in uno stadio della corsa, un po’ come lo Zoncolan per il ciclismo.

Sabato 30 maggio: Campionati del mondo trail IAU (85 km, 5.211 m D+). Annecy (Francia)
Saranno tantissimi gli atleti di primissimo livello, provenienti da trenta nazioni, a darsi battaglia per conquistare il titolo di campione del mondo.

Venerdì 26 giugno: The North Face Lavaredo Ultra Trail (119 km, 5.850 m D+). Cortina d’Ampezzo (Italia).
E’ l’ultratrail italiano più famoso all’estero. Tutti i punti di ristoro sono raggiungibili in auto, pertanto, anche senza l’ausilio della tecnologia, in molti potranno seguire la gara dal vivo.

Domenica 19 luglio: Dolomites Ski Race (22 km, 1.800 m D+). Canazei (Italia)
Sicuramente la gara italiana con la più alta partecipazione di atleti internazionali. Salire al Piz Boè, 3.152 m di altitudine anche solo per ammirare i primi della classe, è un’esperienza che emoziona e fa capire tante cose.

Domenica 26 luglio: Giir di Mont (30 km, 2.400 m D+). Premana (Italia)
Un intero paese si trasforma e si dedica interamente al Giir di Mont. Possiamo definirla, senza paura di essere smentiti, la Zegama italiana.

Cervinia: Cervinia-Breithorn (4.164 m s.l.m.)
Riproposizione di un’antica gara degli anni 90’, che dal centro del paese si arrampica fino a raggiungere una delle vette sopra i 4.000 m del massiccio del Monte Rosa.

Venerdì 28 agosto: Ultra Trail du Mont Blanc (168 km, 9.800 m D+). Chamonix (Francia).
Senza dubbio l’ultra trail più famoso al mondo. Per tutta la settimana Chamonix vestirà i panni del festival del trail, con esposizioni di tutti i brand outdoor.

Domenica 25 ottobre: KM vertical de Fully (1.920 m, 1.000 m D+). Fully (Svizzera).
Una gara folle, come il nome del comune che la organizza. Salire lungo i binari di un vecchio trenino a cremagliera utilizzato per il trasporto dell’uva è qualcosa che spezza davvero le gambe.

Maggiori dettagli nel numero di Correre in edicola.

Articoli correlati

Terra Raetica Trails, il tour festival in cinque tappe

17 Maggio, 2024

La formula del Terra Raetica Trails è quella di una manifestazione a tappe, ma è possibile partecipare anche alle singole gare: dal 2 al 6 luglio sul confine tra Italia, Austria e Svizzera. Mancano 50 giorni al Terra Raetica Trails, il tour festival in programma dal 2 al 6 luglio che si svolge sul triangolo […]

Provate per voi: La Sportiva Prodigio

15 Aprile, 2024

La Sportiva Prodigio: è la nuova proposta dell’azienda di Ziano di Fiemme ed è pensata per rispondere alle specifiche esigenze dei corridori di ultra trail. L’ha collaudata per noi Giacomo Galliani “Triangolo Lariano” è il nome del territorio compreso tra i due rami del lago di Como, uno dei quali, quello che “volge a mezzogiorno” […]

Sognando Minorca

11 Aprile, 2024

Da scoprire, sia l’isola delle Baleari sia il Trail Menorca Camí de Cavalls, la gara di corsa off road che, grazie ai diversi chilometraggi proposti, può essere corsa da runner di tutti i livelli. Si corre, ma non solo. Ci si gode anche incantevoli paesaggi, si conoscono nuovi sapori e cibi a tavola, ci si […]

Il piede dell’ultratrailer: quello che devi sapere

Parlare di piede e biomeccanica nell’ ultratrailer vuol dire prendere in considerazione molti degli aspetti che caratterizzano la corsa in situazioni estreme. Queste condizioni impegnano oltremodo il piede da un punto di vista articolare e legamentoso e possono creare facilmente traumi distorsivi in relazione ai terreni accidentati o a situazioni di sovraccarico funzionale nella corsa […]