fbpx
Foto Omegafotocronahe

Ottant’anni fa la vittoria di Ondina Valla a Berlino

La prima medaglia d’oro olimpica di tutto lo sport femminile italiano arrivò ottant’anni fa. Esattamente il 6 agosto 1936, quando Trebisonda “Ondina” Valla vinse la gara degli 80 a ostacoli dei Giochi olimpici di Berlino.

Una corsa risolta in un serratissimo finale, decifrato grazie a tempi rilevati al millesimo, che richiesero ai giudici mezz’ora di consultazione: 1ª Valla 11”748; 2ª Anni Steuer (Germania), 11”809; 3ª Elizabeth Taylor (Canada), 11”811, 4ª Claudia Testoni (bolognese come la Valla), 11”818; 5ª Catharina ter Braake (Olanda), 11”832; 6ª Doris Eckert (Germania), 12”190.

Nella semifinale del giorno prima, il 5 agosto, Ondina Valla era riuscita a ottenere il record del mondo: 11”6. In seguito, del primato mondiale si impossesserà proprio Claudia Testoni, quarta e grande sconfitta della finale di Berlino, che il limite umano porterà a 11”3 a Garmisch Partenkirchen, il 23 luglio 1939, tempo che poi eguaglierà a Dresda, il 13 agosto di quello stesso anno, dopo aver conquistato anche il primo titolo europeo, nel 1938, a Vienna.

Le due erano rivali fin da piccole, quando mossero i primi passi nell’atletica con gli insegnanti della scuola “Regina Margherita” di Bologna (poi rinominata “Edmondo De Amicis”), che entrambe frequentavano (la Testoni era più vecchia di un anno). “Sul podio – ricorda Augusto Frasca su Correre di agosto – Ondina ringraziò Iddio, la madre e il padre, gli invisibili incroci di vita e di sangue, la Patria Italia, il luogo, l’evento, le coincidenze astrali, le condizioni fisiche, i primi insegnamenti atletici, le grazie imperscrutabili che l’avevano di colpo trasformata da donna in regina, facendo della cronaca di un momento un inno all’eternità”.

Nata a Bologna cent’anni fa, il 20 maggio 1916, Ondina Valla completò la propria esistenza a novant’anni, il 16 ottobre 2006, a L’Aquila, dove il marito medico, Guglielmo De Lucchi, aveva aperto una casa di cura, che la campionessa olimpica aveva continuato a portare avanti anche dopo la morte del coniuge, avvenuta nel 1964.

Nota: la vittoria di Ondina Valla è raccontata da Augusto Frasca su Correre n. 382, agosto 2016 (ora in edicola), alle pagine 90-95, nell’articolo intitolato “Quel momento che si fece storia”. Si parla della Valla anche nell’intervista a Federico Buffa, curata in quelle stesse pagine da Andrea Schiavon.

Articoli Correlati

Nadia Battocletti
Nadia Battocletti batte il record italiano under 20 nei 3000 metri
Tripletta dei fratelli Ingebrigtsen ai Campionati norvegesi
Sifan Hassan
Sifan Hassan batte il record mondiale del miglio a Montecarlo 
Yeman Crippa
Londra, Crippa vince la Coppa Europa dei 10.000 e trascina l’Italia al titolo
Sifan Hassan
Sifan Hassan batte il record europeo sui 3000 metri al Prefontaine Classic di Stanford
Vito Melito
Atletica in lutto: è morto Vito Melito