Orlando Pizzolato: più efficienti e meno stressati

Allenarsi e constatare dei miglioramenti è molto stimolante, oltre che gratificante, soprattutto quando i ritmi diventano sempre più veloci. In questi casi sembra che il nostro corpo non abbia freni e che i muscoli siano in perfetta sintonia con la respirazione. Ogni allenamento è un passo in avanti verso una forma fisica sempre migliore.

Ma sappiamo che non è sempre così, perché c’è una fase in cui il corpo reagisce con meno efficienza agli stimoli: si continua a correre bene, ma non si rilevano progressi cronometrici.
In queste circostanze l’adrenalina cala perché manca l’euforia che deriva dal miglioramento e le sedute non sono più così galvanizzanti: la fatica e gli sforzi non sono sostenuti dai progressi.

Si tratta di una fase delicata della preparazione nella quale si deve fare attenzione a non strafare. Viene spontaneo forzare la situazione, si deve però essere consapevoli che una volta raggiunto il momentaneo apice della forma, andare oltre è davvero molto difficile.

Dalle pagine di Correre di febbraio Orlando Pizzolato ci spiega perché è importante rispettare le fasi di adattamento del corpo adeguandosi alla fase di rigenerazione.
Tecniche e strategie per non perdere la motivazione e migliorare l’efficienza.

Articoli Correlati

Atletica e bambini
Pizzolato: atletica, miti d’altri tempi e giovani di oggi
“Io credo in te”: la borsa di studio di Pizzolato a Francesco Guerra e Rebecca Lonedo
Fondo lento
Come arricchire il fondo lento
Walter Fagnan
100 km a 94 anni: ecco il fenomeno Fagnani
sudore
Pizzolato e l’uso della tecnologia nello sport
Esperienza, intuizioni e coraggio: le abilità del bravo allenatore