Novità: ecco la Mizuno Wave Rider 24

Novità: ecco la Mizuno Wave Rider 24

15 Luglio, 2020
La nuova versione di uno dei modelli più utilizzati al mondo, presenta un’inedita combinazione di tecnologie: la nuova Mizuno Enerzy, caratterizzata da elevata morbidezza, che garantisce comfort, e la rinnovata Mizuno Wave.

In una prima parte di luglio caratterizzata dai lanci in anteprima dei più importanti modelli della collezione autunno 2020, la Mizuno presenta la ventiquattresima edizione della Wave Rider.

Combinazione di Enerzy e Wave 

Uno dei modelli più utilizzati dai runner di tutto il mondo si presenta così in una versione ridisegnata, in cui spicca una nuova costruzione dell’intersuola che combina due tecnologie: la nuova Mizuno Enerzy, caratterizzata da elevata morbidezza, che garantisce comfort, e la consolidata Mizuno Wave, qui innovata, ma sempre nel solco della sua tradizione di stabilità e reattività e che contribuisce a far esprimere al corridore un’azione di corsa più fluida ed efficiente.

Dal punto di vista dell’energia, quindi, la combinazione proposta da Mizuno è composta di un elemento per la conservazione dell’energia (Mizuno Enerzy, appunto) e di uno incaricato di favorire il ritorno dell’energia (Mizuno Wave).

Per runner in cerca di propulsione

“Questa nuova Wave Rider – fanno sapere inoltre da Mizuno – offre il 17% di ammortizzazione e il 15% di ritorno di energia in più rispetto al modello precedente.” 

Nel lancio di presentazione avvenuto in Italia a mezzogiorno di mercoledì 15 luglio, l’azienda giapponese ha dichiarato che: “La Wave Rider 24 è il modello adatto a runner con appoggio neutro, che desiderano una scarpa adatta a ogni utilizzo e che offra una sensazione propulsiva a ogni passo”. 

Conservazione dell’energia

Se l’identità tecnologica di Mizuno Wave è da tempo radicata nei runner di tutto il mondo, occorre invece soffermarsi sulla novità rappresentata dalla tecnologia Enerzy (leggi: Arriva “Mizuno Enerzy”, la tecnologia ad alta resa nel ritorno di energia e nella morbidezza).

“Mizuno Enerzy – scrive l’azienda nella nota di lancio – offre maggiore ammortizzazione ed elevata reattività, perché è stata sviluppata con l’obiettivo di migliorare la capacità prestazionale e garantire agli atleti una maggior conservazione dell’energia in fase di appoggio, in modo da poterla esprimere nella fase di spinta fornendo una sensazione complessivamente più confortevole.” 

La Wave Rider 24 pesa 290 g nella taglia 42 Europe da uomo.

Articoli correlati

LightSpray, la tomaia “spruzzata” di On

21 Luglio, 2024

Con le Cloudboom Strike LS di On fa la sua prima comparsa la tecnologia LightSpray™, che permette di realizzare tomaie spruzzate a caldo con un processo di produzione in un unico passaggio. Alla vigilia delle gare olimpiche l’attenzione dei runner si concentra anche sulle scarpe ultraleggere e ultraveloci. Tra queste spicca la Cloudboom Strike LS […]

Appoggio del piede nella corsa: qual è il migliore?

Quello dell’appoggio del piede nella corsa è un argomento che non passa mai di moda. In genere sono presenti tre grandi gruppi di appartenenza legati alla prima zona del piede che tocca il suolo durante la stance phase (fase di appoggio a terra durante il ciclo della corsa): rearfoot striker: sono i runner in cui […]

Mizuno presenta Wave Skyrise 5

06 Marzo, 2024

Il nuovo modello delle Wave Skyrise appena lanciato da Mizuno è ideale per l’allenamento quotidiano del runner che cerca supporto, ammortizzazione e sostenibilità. La quinta edizione di Wave Skyrise si affaccia sul panorama delle calzature da running segnando un nuovo capitolo nel settore con una combinazione unica di performance e comfort.Mizuno Wave Skyrise 5 è […]

Provate per voi: Mizuno Wave Rebellion Pro 2

16 Febbraio, 2024

Mizuno ha appena lanciato sul mercato le nuove Wave Rebellion Pro 2. Correre le ha testate in anteprima per voi. Nel mondo del running, la ricerca dell’innovazione e delle prestazioni ottimali è in continua evoluzione. In questo contesto si inseriscono le nuove Wave Rebellion Pro 2 appena lanciate da Mizuno, incarnazione di eccellenza tecnologica e […]