fbpx

Notte pirotecnica di atletica nella prima tappa della Diamond League a Doha

Notte pirotecnica di atletica nella prima tappa della Diamond League a Doha

06 Maggio, 2018

Inizio straordinario per la IAAF Diamond League allo Sports Club di Doha in un meeting pirotecnico che regala otto migliori prestazioni mondiali dell’anno, due record della Diamond League e cinque record del meeting.

Il mezzofondo ha risentito del grande caldo con una temperatura di 30°C ma non è mancato lo spettacolo. Su tutti spicca la due volte campionessa olimpica degli 800 metri Caster Semenya, che è scesa sotto i 4 minuti sui 1500 metri stabilendo per la seconda volta in questa stagione il record sudafricano con 3’59”92 con una grande progressione finale ai 250 metri. Ottima anche la keniana Nelly Jepkosgei, seconda con il personale di 4’00”99.

Caroline Chepkoech Kipkirui ha stabilito il mondiale stagionale sui 3000 metri femminili con 8’29”05 precedendo la connazionale Agnes Tirop di soli quattro centesimi di secondo. Ottime prestazioni anche per la specialista dei 3000 siepi Hyvin Kyeng (8’30”51) e la statunitense Jenny Simpson (8’30”83). Emmanuel Korir ha vinto la seconda gara di Diamond League della sua carriera (dopo Montecarlo nel 2017) in 1’45”21 battendo l’iridato dei 1500 metri Elijah Manangoi (1’45”60). George Manangoi, fratellino di Elijah e iridato under 18 sui 1500 metri, ha debuttato in Diamond League con un secondo posto in 3’35”53 (record personale) alle spalle dell’altro giovane Taresa Tolosa (3’35”07). Il campione africano Chala Beyo si è imposto a sorpresa nei 3000 siepi in 8’13”71.

Il meeting ha fatto registrare una pioggia di risultati sensazionali in una notte da ricordare per il pubblico di casa per i successi di Mutaz Barshim nel salto in alto con 2.40m (con tre prove sbagliate a 2.42m) e di Abderrahmane Samba sui 400 ostacoli con il record della Diamond League e del meeting di 47”57. Marie Josée Ta Lou ha vinto gli attesissimi 100 metri femminili in 10”85 battendo Blessing Okagbare (10”90) e Elaine Thompson (10”93). Steven Gardiner ha battuto il record del meeting sui 400 metri con un fantastico 43”87. Noah Lyles ha stabilito il record del meeting sui 200 metri con 19”83. Kendra Harrison si è imposta sui 100 ostacoli in 12”53. Pedro Pichardo ha vinto una fenomenale gara di triplo su Christian Taylor con 17.95m a 17.81m. Sandi Morris ha battuto il record del meeting nel salto con l’asta con 4.84m. Per la prima volta tre uomini hanno superato i 90 metri nella stessa gara nel giavellotto dove Thomas Rohler si è imposto con 91.78m davanti al connazionale Johannes Vetter (91.56m). Sandra Perkovic ha realizzato la seconda migliore prestazione degli ultimi 25 anni nel lancio del disco con 71.38m.

Articoli correlati

L’Italia della maratona agli Europei

05 Agosto, 2022

Oltre al campionato europeo individuale si gareggia anche per la Coppa Europa. Dopo il forfait di Faniel, Aouani e Meucci potranno essere gli uomini-squadra per difendere la grande storia della maratona italiana agli Europei.  Ferragosto di lavoro per gli azzurri della maratona. Alle ore 11:30 di lunedì 15 agosto, infatti, i maratoneti convocati dal direttore […]

Bravo Meslek! 3’36”04 nei 1.500 metri

31 Luglio, 2022

Di Marta Zenoni sui 1.500 m e Sintayehu Vissa sugli 800 m le altre vittorie del mezzofondo azzurro al meeting “Sport e Solidarietà” di Lignano Sabbiadoro La trentatreesima edizione del Meeting Sport e Solidarietà di Lignano Sabbiadoro ha regalato tre vittorie italiane nel mezzofondo: Ossama Meslek e Marta Zenoni sui 1.500 m, e Sintayehu Vissa […]

Eugene 2022: che “master” ai Mondiali

27 Luglio, 2022

Dai 36 anni in dicembre del fenomeno Shelly-Ann Fraser-Pryce ai 49 anni della marciatrice australiana Kelly Riddicknon sono mancati atleti “in età da Master (35 anni e oltre)” tra i protagonisti dei Campionati mondiali di atletica 2022 La rivista Correre si occupa anche dell’attività atletica del settore Master. Per questo conserviamo la tradizione di analizzare […]

News Allenamento Equipment Salute Correre