fbpx

Natural born runner

11 Agosto, 2015

L’essere umano si è evoluto per correre. Noi siamo nati per correre. Eppure, sempre più corridori vivono il dolore come parte integrante dei loro allenamenti. L’infortunio è talmente scontato da rientrare nei dialoghi quotidiani dei runner a tutti i livelli, limitando le performance e non permettendo di godere appieno del piacere che la corsa può dare.

Pensate sia normale soffrire o infortunarsi a causa della corsa? Avete mai sentito di un uccello che si sia stirato un’ala volando? O di un pesce che si sia infiammato una pinna nuotando? Noi esseri umani siamo l’unica specie per cui è diventato “normale” infortunarsi durante la propria forma di locomozione.
Questo avviene perché lo stile di vita dell’uomo moderno non ha più nulla di “naturale”: viviamo come “esseri umani da zoo” e questo ci ha portato a dimenticare quale sia il modo corretto e originario di utilizzare il nostro corpo, pagando le gravi conseguenze che questo comporta.

La corsa e il movimento devono tornare a essere, invece, sinonimi soltanto di vitalità e benessere, perché ognuno di noi si merita di vivere in salute, senza dolore e sfruttando al massimo le proprie potenzialità.

Il progetto Correre naturale nasce proprio per questo motivo: riportare le persone a muoversi in modo naturale, per rendere la corretta tecnica di corsa alla portata di tutti, eliminando il rischio di infortuni e migliorando le performance. Il tutto riscoprendo il vero piacere della corsa e del movimento “naturale”, senza compromessi. Ne parliamo su Correre di agosto insieme a Daniele Vecchioni, ideatore del progetto.

Per capire chi siamo dobbiamo ricordarci e apprezzare il fatto che i nostri corpi sono antichi, primitivi, aborigeni. Hanno milioni di anni di evoluzione. Muovere il nostro corpo camminando, correndo, gattonando, saltando, non dovrebbe essere considerato atletismo, bensì la naturale espressione della vita quotidiana dell’essere umano. È fondamentale comprendere che, per imparare a correre in modo corretto, bisogna innanzitutto imparare a muoversi come natura vuole.

… e a proposito di postura: ne parliamo con Luca De Ponti

Articoli correlati

Esercitare il controllo posturale

Pietro Trabucchi ha affrontato l’argomento su Correre dopo il lockdown di primavera, con considerazioni che tornano utili sempre, soprattutto per quanto accaduto nell’ultimo anno di pandemia. Quella del controllo posturale è infatti una capacità che può essersi persa dopo un lungo periodo di stop forzato o di allenamenti casalinghi. Questo aspetto incide sulla tecnica di […]

Guarigione da un infortunio, la fretta non paga

Ci troviamo in un momento storico in cui alcuni punti fermi della medicina sembrano vacillare. Diventa allora più che mai importante rifarci ai capisaldi della scienza per curare bene l’atleta. E curare significa anche fare capire quanto sia opportuno a volte saper aspettare. Senza essere impazienti e scalpitare per riprendere a correre anzitempo. Perché la […]

Zanardi trasferito al San Raffaele di Milano: “condizioni instabili”

24 Luglio, 2020

Tornano ad aggravarsi le condizioni di Alex Zanardi. Lo comunica la direzione sanitaria dell’Ospedale Valduce. Alex Zanardi è stato trasferito al San Raffaele di Milano e ricoverato in terapia intensiva. «In data odierna a fronte di intercorsa instabilità delle condizioni cliniche del paziente Alex Zanardi, dopo opportune consultazioni con il Dr. Franco Molteni, Responsabile del Dipartimento di Riabilitazione Specialistica Villa Beretta, […]

Rudisha si frattura la caviglia sinistra camminando: quattro mesi di stop

29 Maggio, 2020

Il due volte campione olimpico e primatista mondiale degli 800 m stava passeggiando attorno alla propria casa, a Kilgoris, in Kenya, quando ha appoggiato il piede in un avvallamento del terreno, probabilmente una buca. Ne avrà per 16 settimane.   “Capita anche ai migliori”, verrebbe da commentare, oppure “anche i ricchi piangono”. Se un appassionato […]