fbpx
Foto Giancarlo Colombo

Mondiali indoor Portland: tutte le sfide più attese

Si alza il sipario sulla pista verde dell’Oregon Convention Centre di Portland dove dal 17 al 20 marzo saranno in gara 547 atleti (299 uomini e 248 donne) provenienti da 148 paesi per i Mondiali Indoor.

Grande mezzofondo

3000 femminili: Le stelle del mezzofondo saranno Genzebe Dibaba e Meseret Defar che si affronteranno sui 3000 metri. Dibaba nseguirà il terzo titolo mondiale indoor dopo i successi sui 1500m a Istanbul 2012 e sui 3000m e a Sopot 2014. In questa stagione ha battuto il record mondiale del miglio detenuto da Doina Melinte correndo in 4’13”31 a Stoccolma e ha stabilito il secondo miglior tempo di sempre sui 3000m a Sabadell con 8’22”50. Defar ha vinto quattro ori sui 3000 in questa manifestazione (2004, 2006,2008 e 2010). E’ tornata quest’anno alle gare con un eccellente 8’30”83 a Boston dopo una pausa per maternità.

3000 maschili: Augustine Choge, vincitore nei meeting di Dusseldorf e Karlsruhe, cercherà di vincere il primo oro in questa rassegna l’argento di Istanbul 2012. Principali avversari il campione uscente Caleb Ndiku e gli etiopi Yomif Kejelcha (quarto sui 5000 ai Mondiali di Pechino e vincitore della Diamond League 2015 a 18 anni) e Dejan Gebremeskel (bronzo ai mondiali indoor di Sopot 2014).

1500 maschili: A livello maschile tutta da seguire la sfida sui 1500m tra il marocchino Abdelati Iguider e il gibutiano Ayanleh Souleiman, campione mondiale in carica di Sopot 2014. Iguider, bronzo olimpico e campione del mondo indoor 2012 a Istanbul, detiene la migliore prestazione mondiale dell’anno con 3’34”94 a Glasgow. Souleiman, compagno di allenamenti di Genzebe Dibaba, ha migliorato il primato mondiale indoor dei 1000 detenuto da Wilson Kipketer correndo in 2’14”20 a Stoccolma. Da seguire anche il figlio d’arte Matthew Centrowitz, salito al quarto posto delle liste all-time sul miglio con 3’50”63 a New York.

1500 femminili: L’olandese Sifan Hassan cercherà il bis dopo il successo agli Europei di Praga 2015. In questa stagione ha corso in 4’01”40 a Glasgow ma dovrà vedersela con la campionessa mondiale juniores Dawit Seyaum (4’00”28 a Boston nel 2016) e l’altra etiope Gudaf Tsegay, primatista mondiale juniores con 4’01”81.

800 metri maschili e femminili: Mohamed Aman cercherà il tris dopo gli ori di Istanbul e Sopot ma dovrà vedersela con Musaeb Balla, accreditato del miglior tempo tra gli iscritti grazie al 1’45”93 ottenuto ai Campionati asiatici Indoor di Doha, e con il campione statunitense Boris Berian. Nella gara femminile lotta per l’oro tra la giovane Ajée Wilson, leader mondiale stagionale con 2’00”09, e la campionessa europea 2012 Linsey Sharp (seconda nelle liste mondiali 2016 con 2’00”30).

Le speranze azzurre

Solo cinque italiani in gara. Le maggiori speranze saranno riposte sui big del salto in alto Gianmarco Tamberi, leader mondiale stagionale con 2.38 a Hustopece e Marco Fassinotti, quarto tra gli iscritti con 2.35m a Banska Bystrika. Gli azzurri lotteranno per le medaglie insieme al campione mondiale indoor in carica Mutaz Barshim, secondo nelle liste mondiali stagionali con 2.36m, con i britannici Chris Baker (salito a 2.36 nel 2016) e Robbie Grabarz (2.33) e l’estroso cinese Zhang Guowei (2.30m in stagione ma 2.38 di personale).

Alessia Trost cercherà di aggiungere un’altra medaglia da senior dopo l’argento europeo di Praga 2015. La friulana dovrà vedersela con la diciottenne statunitense Vashti Cunningham, leader mondiale stagionale e fresca primatista mondiale dell’anno con 1.99m stabilito ai Campionati nazionali di Portland. Cunningham è la figlia dell’ex leggenda di football americano NFL Randall Cunningham, uno dei primi quarterback di colore con i Philadelphia Eagles. Altra pretendente al podio sarà la veterana spagnola Ruth Beitia, seconda al mondo con 1.98m ai Campionati Spagnoli e bronzo a Sopot due anni fa.

Completeranno la piccola pattuglia italiana la pesista padovana Chiara Rosa e la velocista veronese di stanza negli Stati Uniti Gloria Hooper (7”32 sui 60 metri in questa stagione).

Parata di stelle

Tutta da seguire la sfida sui 60 femminili tra l’olandese Dafne Schippers e la statunitense Barbara Pierre che guidano a pari merito le liste mondiali dell’anno con 7”00. In campo maschile i favori del pronostico vanno al veterano giamaicano Asafa Powell (6”49 nel 2016) e agli statunitensi Marvin Bracy e Trayvon Bromell, primo e secondo ai Campionati Nazionali di Portland con 6”51.

La coppia d’oro Ashton Eaton e Brianne Theisen Eaton inseguirà un doppio oro nell’eptathlon maschile e nel pentathlon femminile nella città dell’Oregon non molto distante da Eugene, dove si allenano quotidianemente. Eaton inseguirà il terzo oro mondiale indoor dopo aver vinto a Istanbul (con record mondiale 6645 punti) e a Sopot da aggiungere all’oro olimpico e ai due titoli iridati all’aperto. La moglie canadese Theisen Eaton cercherà di vincere il primo titolo mondiale della carriera dopo gli argenti all’aperto di Mosca e Pechino e indoor di Sopot.

Renaud Lavillenie andrà a caccia del secondo oro mondiale indoor e di un altro salto oltre i 6 metri dopo il 6.02 di Clermont Ferrand e il 6.03 di Jablonec. Tutta da gustare la sfida con il canadese Shawn Barber, campione del mondo a Pechino.

Articoli Correlati

Tamberi
Tamberi d’oro agli Europei di Glasgow, bene Lukudo nei 400m
Assoluti indoor: ad Ancona tris di Simone Barontini, padrone degli 800 metri
Marta Zenoni ai Campionati Italiani
Il primo titolo indoor di Nadia Battocletti
Mo Farah
Mo Farah e Tirunesh Dibaba vincono la Great Manchester Run 
Tamberi e PUMA
PUMA salta in alto con Gianmarco Tamberi
Yomif Kejelcha
Quarta giornata dei Mondiali Indoor di Birmingham: Bis di Kejelcha e Nyonsaba