fbpx

Mo Farah e i 10.000 metri: piano per Tokyo 2021 confermato

Di: Diego Sampaolo

Mo Farah ha parlato dei suoi allenamenti e dei piani agonistici ai tempi del coronavirus in un’intervista con il settimanale britannico Athletics Weekly.

Mo Farah, quattro volte campione olimpico dei 5.000 e dei 10.000 metri, ha confermato l’obiettivo di tornare a correre i 10.000 metri alle Olimpiadi di Tokyo 2021 quando avrà 38 anni.

“Anche se le Olimpiadi sono state rinviate, l’obiettivo rimane lo stesso. Ho parlato con il mio allenatore Gary Lough (marito di Paula Radcliffe). La cosa più importante al momento è continuare a lavorare anche se non ci sono certezze su quello che potrebbe succedere. Se dovessi staccare la spina, sarebbe difficile ritrovare la forma alla ripresa degli allenamenti. Non posso correre 100 miglia alla settimana. Mi alleno facendo quello che posso. In alcuni giorni vado a correre alla sera, in altri sono contento se corro 10 o 12 miglia al mattino. Mi alleno con il tapis roulant quando sono a casa. Naturalmente mi manca l’atmosfera dei training camp, gli allenamenti con i miei amici, che rendono il lavoro più semplice”, ha detto Farah dalla sua casa nel Surrey.

Il richiamo della pista

Mo Farah ha stabilito il record europeo della maratona a Chicago con 2h05’11” nel 2018 e si è classificato terzo alla London Virgin Marathon in 2h06’21” nel 2018, ma nell’ultimo anno ha sentito nuovamente il richiamo della pista.

“Quando vincevo sempre, a volte mancava la motivazione perché avevo già ottenuto tanti successi. Quando mi sono allontanato dalla pista, ne ho sentito la mancanza. La chiave dei miei successi era conoscere la strategia giusta per vincere le gare in pista. Non andavo a caccia dei record, ma ero un agonista in grado di esaltarsi nelle sfide uomo contro uomo. Nelle maratone ho stabilito il primato europeo e quello britannico e ho corso la mia gara migliore a Chicago, ma non ho più ritrovato le stesse sensazioni che provavo in pista. Mi manca la possibilità di avere un sorriso, di guardare alla telecamera. Tutto questo manca durante le maratone, dove raggiungi il limite fisico”.

Il periodo difficile che tutti stanno vivendo a causa della pandemia da coronavirus ha permesso al grande campione britannico di pianificare meglio la prossima stagione e godersi un periodo di tranquillità in famiglia.

Mo Farah e il coronavirus

“Il rinvio delle Olimpiadi non è stato un aspetto negativo per me perché mi permette di avere più tempo per allenarmi, correre più gare in pista. Inoltre ho la possibilità di stare a casa con mia moglie e i miei figli. In passato non ho mai avuto molto tempo per stare con loro. La situazione del coronavirus è brutta ma cerchiamo di vivere tutto con il sorriso. Siamo fortunati ad avere un grande giardino dove possiamo giocare con i nostri figli. Avevo in mente di gareggiare al Prefontaine Classic di Eugene ma i piani sono stati cambiati. Forse correrò la Great North Run che ho vinto per la sesta volta. Il piano è correre alcune gare e usare le competizioni in pista per preparare Tokyo 2021. Non ho in mente di correre una maratona autunnale. Sto pensando solo a Tokyo”.

Articoli Correlati

Coronavirus – Dalla Norvegia un esempio di gara con le norme anti Covid-19
Wanda Diamond League
Wanda Diamond League – Ecco le nuove date: Golden Gala 17 settembre. Niente finale per il 2020
Coronavirus – Arriva Community Mask, la mascherina ergonomica e sostenibile di UYN
Aziende vs Coronavirus: 90.000 mascherine da Salomon per l’emergenza in Francia
Matteo Villani
Medici-runner: Matteo Villani in prima linea a Piacenza contro il coronavirus
Brooks Running dà il via al programma #RunHappyAtHome