I migliori anni della nostra atletica

Franco Fava (Foto: Michele Tusino)
Di: La redazione

L’incontro è poi proseguito dando spazio ai ricordi dei tanti protagonisti dello sport di quegli anni: dai velocisti Livio Berruti (Oro nei 200 m a Roma ’60) e Sergio Ottolina ai marciatori Abdom Pamich (Oro nella 50 km a Tokyo ‘64) e Maurizio Damilano (Oro nella 20 km a Mosca ’80 e Seul ‘88), dai “triplisti” Giuseppe Gentile e Fabrizio Donato (bronzi olimpici, rispettivamente a Messico ’68 e Londra 2012) all’uomo simbolo dell’asta italiana, Renato Dionisi.
Per tutti i corridori venuti dopo, Franco Arese non è stato solo un campione di riferimento per i successi e i record. Nelle parole degli invitati è apparsa chiara la gratitudine di ognuno per quel suo aver aperto strade nuove, nell’allenamento come nel modo di essere atleta: «Non ci sarebbero stati i nostri titoli senza il suo coraggio e la generosità della sua generazione» ha ammesso Francesco Panetta, campione del mondo 1987 dei 3.000 a siepi.

Trattandosi della festa di un campione del mezzofondo, capace di detenere tutti i titoli, dagli 800 ai 10.000 m, il “partito di maggioranza” degli invitati non poteva che essere quello dei grandi protagonisti azzurri della corsa prolungata: Gianfranco Baraldi, Giuseppe Cindolo, Gianni Del Buono, Marcello Fiasconaro (nella foto), Renzo Finelli, Laura Fogli, Carlo Grippo, Stefano Mei, Venanzio Ortis e Alfredo Rizzo oltre ai già ricordati Fava, Fiasconaro e Panetta.

DIVIETO DI SOSTA: Info e Acquisti www.storesportivi.it

Articoli Correlati

Lorenzo Dini
Mattuzzi e Dini campioni italiani dei 10000 metri 
L’atletica piange Roberto Quercetani, maestro di storia e fondatore della statistica 
Sifan Hassan
Buone prestazioni cronometriche di Hassan e Kejelcha a Palo Alto
IAAF Diamond League: Obiri, Amos e Semenya illuminano il mezzofondo di Doha
Atletica e bambini
Pizzolato: atletica, miti d’altri tempi e giovani di oggi
Tamberi
Tamberi d’oro agli Europei di Glasgow, bene Lukudo nei 400m