Sondre Nordstad Moen

Mezza maratona: in sei sotto l’ora a Lisbona e il ritorno di Moen in Polonia

Sondre Nordstad Moen (Foto: Giancarlo Colombo)
Di: Diego Sampaolo
Lisbona

La mezza maratona IAAF Gold Label di Lisbona ha fatto registrare come da tradizione risultati di ottimo livello. In campo femminile la campionessa olimpica dei 5000 metri di Rio de Janeiro 2016 Vivian Cheruyot si è imposta con il record personale e il primato del percorso di 1h06’34” precedendo l’etiope Zayneba Yimer (1h08’07”) e la keniana Sandra Tuei (1h08’14), l’ex campionessa del mondo dei 10000 metri di Berlino 2009 Linet Masai (1h08’51”) e la debuttante sulla mezza maratona Caroline Chepkemoi (1h09’13”). Cheruiyot aveva un record personale di 1h07’34” realizzato alla Great North Run di Newcastle dello scorso Settembre. Rose Chelimo deteneva il precedente record del percorso dal 2015 con 1h08’22”.

La svedese di origini eritree Meraf Bahta ha preceduto la portoghese Sara Moreira in 1h12’09”. 

Sei atleti africani hanno infranto la barriera dei 60 minuti. L’etiope Mosinet Geremew si è aggiudicato il primo posto in 59’37” superando con un allungo decisivo negli ultimi 3 km il connazionale Berehanu Tsegu per cinque secondi. Seguono nell’ordine il keniano Isaac Temoi (59’44”), l’eritreo Abrar Osman (59’47”) e i keniani Kelvin Cheruiyot (59’54”) e Edwin Kiptoo (59’58”). La gara maschile ha fatto registrare ben 14 atleti sotto la barriera dei 61 minuti.

Gdynia

Il norvegese Sondre Nordstad Moen (ex primatista europeo della maratona con il 2h05’48” realizzato a Fukuoka) è tornato alla vittoria aggiudicandosi la mezza maratona polacca in 1h01’18” precedendo il polacco Krisztian Zalewski (1h02’36”) e l’etiope Shumet Akalnew (1h02’54”).

New York

La primatista mondiale della mezza maratona e vice campionessa iridata della distanza Joyciline Jepkosgei e il poco conosciuto etiope Belay Tilahun si sono aggiudicati la vittoria nella mezza maratona di New York su un percorso difficile e poco favorevole per le grandi prestazioni cronometriche. Jepkosgei si è imposta con una gara in solitaria in 1h10’07” davanti alla connazionale Mary Ngugi (1h11’07) e all’etiope Buze Diriba (1h11’23”) in una gara di avvicinamento al debutto sulla maratona. Il ventiquattrenne Tilahun ha tagliato il traguardo per primo nella gara maschile in 1h02’10 precedendo l’eritreo Daniel Mesfun di sei secondi e il vice campione olimpico dei 5000 metri Paul Chelimo di nove secondi con uno sprint nelle ultime 2 miglia. 

Barhein

La vincitrice dell’ultima maratona di Chicago Brigid Kosgei ha vinto la prima edizione della Barhein Night Half Marathon con l’eccellente tempo di 1h05’58” salendo al decimo posto delle liste mondiali di sempre. Kosgei ha preceduto la vincitrice dell’ultima maratona di Dubai Ruth Chepngetich (1h06’09”), la campionessa mondiale della mezza maratona di Valencia 2018 Netsanet Gudeta (1h06’49”), la keniana Caroline Kipkirui (quarta in 1h07’51”) e l’etiope Senbere Teferi (1h08’32”). Ababi Hadis  ha vinto la gara maschile in 59’42”. Il connazionale Jemal Yimer ha tagliato il traguardo tre secondi più tardi in 59’45”. Al di sotto dell’ora sono scesi Bernard Ngeno (59’47”) e Fikadu Haftu (59’49”). Seguono nell’ordine Dawit Fikadu del Barhein (1h00’01”), il keniano Morris Gachaga (1h00’09”) e l’etiope  Getaneh Molla (1h00’26”).

Parigi

La keniana Nancy Kiprop ha rispettato il ruolo di favorita vincendo la mezza maratona di Parigi in 1h09’12” precedendo di 13 secondo Lidya Mathati. Hizkel Tewelde si è aggiudicato la gara maschile in 1h04’20” con 28 secondi di vantaggio su Derara Hurisa. 

 

Articoli Correlati

Mengesha trionfa al Grand Prix Media Blenio davanti a Bekele e Edris
Maratona di Boston che volata! Vincono Cherono e Degefa
Said El Otmani
Grande prestazione di El Otmani nella Lago Maggiore Half Marathon
Mezza maratona di Praga: Kipkirui batte Salpeter nella gara femminile, tre uomini sotto l’ora
Ruth Chepngetich
Ruth Chepngetich vola in 1h05’30” alla mezza maratona di Istanbul
Lorenzo Dini
Jeptoo e Raimoi conquistano il successo alla Stramilano, Lorenzo Dini è quinto