Mezza di Ras Al Khaimah: record europeo dello svizzero Wanders

Foto Giancarlo Colombo
Di: Diego Sampaolo

Il diciannovenne keniano Stephen Kiprop e l’etiope Senbere Teferi hanno vinto la mezza maratona araba di Ras Al Khaimah, che ha confermato la sua reputazione di gara velocissima.
Nella gara maschile il ventenne Stephen Kiprop ha recuperato un piccolo svantaggio negli ultimi 200 metri nei confronti dell’etiope Abadi Hadis aggiudicandosi la vittoria in un eccellente record personale di 58’42”, tempo con il quale ha eguagliato il record del percorso stabilito l’anno scorso dal keniano Bedan Karoki. La prestazione di Kiprop si colloca al sesto posto delle liste mondiali all-time. Il tempo finale rappresenta la prestazione più veloce di sempre per un atleta al di sotto dei 20 anni.
Abadi Hadis, atleta accreditato di un personale di 12’56”27 realizzato a Bruxelles lo scorso anno e medaglia di bronzo ai Mondiali di cross 2017, ha perso di due soli secondi ma ha eguagliato il suo miglior tempo di 58’44” fatto già registrare lo scorso Dicembre a Valencia.
L’etiope Fikadu Haftu ha vinto lo sprint per il terzo posto in 59’08” precedendo nella volata degli ultimi 100 metri il ventiduenne svizzero Julien Wanders, che con l’eccellente tempo di 59’13” ha battuto di 21 secondi il record europeo detenuto da Mo Farah. Il tempo di Wanders non rappresenta soltanto il record continentale ma migliora anche il  tempo più veloce di sempre per un atleta nato al di fuori del continente africano detenuto dal brasiliano Marilson Dos Santos con 59’33”. In precedenza il miglior tempo di un atleta europeo nato nel Vecchio Continente era stato realizzato dal portoghese Antonio Pinto con 59’43”.
Dietro Gachanga e altri sei atleti che hanno infranto la barriera dell’ora per un totale di 11 prestazioni al di sotto di questo muro. Questo dato statistico rappresenta un record che migliora il precedente primato di dieci atleti sotto i 60 minuti realizzato lo scorso dicembre a Valencia.

La gara femminile

Tra le donne Senberi Teferi si è imposta allo sprint sulla campionessa mondiale di mezza maratona Netsanet Gudeta con lo stesso tempo di 1:05’45”. Zeineba Yimer (quinta agli ultimi Mondiali di mezza maratona di Valencia) ha completato il podio tutto etiope classificandosi terza ad un secondo dalle prime tre in 1h05’46”.

Teferi ha concluso la gara con un ultimo 400 metri in 63 secondi, che le ha permesso di vincere la gara alla seconda competizione della sua carriera sulla distanza dopo il ritiro alla mezza maratona di New Dehli. Teferi ha alle spalle una brillante carriera in pista nella quale ha ottenuto personali di grande livello con 4’01”86 sui 1500 metri, 8’23”49 sui 3000 metri e 14’23’33” sui 5000 metri.

Gudeta ha superato Yimer di un secondo nel finale e ha tagliato il traguardo con lo stesso tempo della vincitrice. Degitu Azimeraw ha completato il trionfo etiope classificandosi quarta in 1h06’07” davanti alla keniana Valary Aiyabei (1h06’14”). Per la prima volta cinque donne sono scese sotto l’1h06’30” nella stessa gara.
La keniana Peres Jepchirchir, che realizzò il record del mondo sulla mezza maratona a Ras Al Khaimah nel 2017, è tornata alle gare dopo un anno di pausa per maternità chiudendo sesta in 1h07’36”.

Articoli Correlati

Athletic Club Alperia Bolzano e Atletica Brescia vincono il tricolore 2019 ai Societari di Firenze
Davide Re
Davide Re batte il record italiano sui 400 metri
Filippo Tortu
IAAF Diamond League: Tortu quarto nei 100 metri a Oslo 
Selemon Barega e Telahun Bekele
Telahun Bekele ancora sotto i 13 minuti al meeting di Hengelo
Marta Zenoni
Tricolori giovanili di Rieti: doppietta di Zenoni e vittoria di Battocletti
Rhonex Kipruto
Diamond League, grande prestazione di Kipruto sui 1000 metri