Maratona, Eliud Kipchoge sfiora il muro delle due ore a Monza

Di: La redazione

Il muro non è caduto, ma ci è mancato poco.

A Monza Eliud Kipchoge (Kenya) ha corso la maratona in 2:00’25” (record del mondo ufficiale: 2:02’57, Denis Kimetto, Berlino, 2014), epilogo del progetto “Breaking2” della Nike.

Questi i tempi di passaggio di Kipchoge: 14’14” (5 km), 28’21” (10 km), 42’34” (15 km), 56’49” (20 km), 1:11’03” (25 km), 1:25’20” (30 km), 1:39’37” (35 km), 1:54’04” (40 km). L’andatura è stata favorita dall’uso di pacemaker, tra i quali anche il fortissimo mezzofondista USA Bernard Lagat, che si sono disposti in formazione a freccia davanti ai tre top runner dandosi il cambio nel corso dei 17 giri del percorso ricavato all’interno dell’autodromo, con in più l’autovettura in testa alla corsa, su cui è stato montato un mega-tabellone, che contribuiva a creare un “ciclistico” effetto scia.

Attardati gli altri due protagonisti: Zersenay Tadesse (Eritrea) ha chiuso in 2:06’51”, Lelisa Desisa (Etiopia) è andato in crisi prima del ventesimo chilometro e ha terminato in 2:14’.

La corsa è partita poco dopo le 5:45 del mattino di sabato 6 maggio.

PER RIVEDERE LA GARA

E’ possibile rivedere l’entusiasmante gara sulla pagina Facebook di Nike Breaking2 fino ad una settimana dopo la fine dell’evento.

Articoli Correlati

Da oggi ancora più veloci, ecco le nuove Nike
Una maratona in meno di due ore. A Monza potrebbe cadere il muro
Maxi evento Nike in piazza Duomo: una staffetta per celebrare la velocità