fbpx
Giancarlo Colombo

Maratona di Dubai – Mekonnen, 2:04’32” a diciotto anni

Straordinaria prestazione cronometrica dell’etiope Tsegaye Mekonnen che al debutto sulla distanza dei 42,195 km ha realizzato un fantastico 2:04’32”. L’Etiopia ha dominato come da previsioni la quindicesima edizione della Dubai Marathon piazzando ben nove atleti ai primi dieci posti. Anche in campo femminile è stata l’Etiopia a trionfare con la sorprendente Mula Seboka, che ha fermato il cronometro in 2:25’01″ in una sorta di campionato etiope, con nove atlete di questo paese nella top ten.

Mekonnen, nato nel 1995, ha stabilito la migliore prestazione mondiale juniores all-time. Il precedente miglior tempo all-time under 20 era detenuto dall’etiope Berhanu Shiferaw che corse in 2:04’48” nella passata edizione della maratona di Dubai, quando furono in cinque a scendere sotto la barriera delle 2h05’.

Il giovane talento etiope, allenato da Gemedu Dedefu, é stato quinto ai Mondiali Juniores di Barcellona 2012 nei 5.000 m in 13’44”43 e ha corso la mezza maratona di Oporto, in Portogallo, in 1:00’41”.

La gara maschile è  partita a un ritmo vertiginoso, con un passaggio ai 10 km in 29’04”, più lento soltanto rispetto al 28’39” ai 10 km di Haile Gebrselassie nel 2008. Il ritmo si è mantenuto su livelli elevatissimi fino al 21 km, quando il gruppo di testa, composto da 14 atleti, è transitato in un clamoroso 61’37”, un ritmo da record mondiale. L’ultima lepre, Edwin Koech, ha terminato il suo compito al passaggio dei 30 km, dopo che il gruppo di testa formato da nove atleti era passato in 1:28’16”.

Dopo un rallentamento tra il 31° e il 33° km, Mekkonen ha cambiato decisamente marcia piazzando un parziale di 3 km in 8’37”, tra il 35° e il 38° km, chiudendo in 2:04’32”, solo nove secondi più lento rispetto al record del percorso stabilito da Ayele Abshero, che si impose nel 2012 in 2:04’23”. Si è così confermata la tradizione degli ultimi anni a Dubai, dove le ultime tre edizioni, dal 2012 al 2014, sono state vinte da atleti al debutto in maratona.

Sul piano statistico Mekonnen ha stabilito il miglior tempo di sempre per un diciottenne facendo meglio rispetto a Erick Ndiema che corse in 2h06’07” ad Amsterdam nel 2011. Soltanto Dennis Kimetto (2h04’16” a Berlino nel 2012) e Ayele Abshero (2h04’23” nel 2012 a Dubai) hanno corso più forte di Mekkonen al debutto sulla distanza.

Di ottimo livello anche il secondo posto di Markos Geneti che ha tagliato il traguardo in seconda posizione con il tempo di 2h05’13”. Terzo posto per Girmay Birhanu con 2h05’49”.

Nella gara femminile Mula Seboka ha conquistato il successo compiendo il suo capolavoro con una seconda metà gara molto più veloce rispetto alla prima. Dopo un passaggio alla mezza maratona in 1:14’05”, Seboka ha piazzato una seconda metà gara in 1:10’56”. Meselesh Melkamu, ex specialista di grande livello sui 10.000 m e nel cross, si è classificata al secondo posto in 2:25’23”, tempo distante dal suo personale di 2:21’01” stabilito a Francoforte nel 2011. Meseret Hailu, campionessa del mondo della mezza maratona a Kavarna nel 2012, ha completato il podio tutto etiope chiudendo la prova in terza posizione in 2:26’20”.