Joma presenta la sua prima scarpa con piastra in carbonio

Joma presenta la sua prima scarpa con piastra in carbonio

12 Settembre, 2022

Arriva sul mercato la R.3000, la prima scarpa da running del brand che incorpora la piastra in fibra di carbonio.

La R.3000 è il risultato di un intenso lavoro di collaborazione tra il team di ricerca e sviluppo del marchio, l’esperienza degli atleti che collaborano con Joma e la ricerca svolta dall’Università di Castilla-La Mancha.

La grande novità della collezione di scarpe running Primavera Estate 2022 di Joma è già sul mercato da qualche settimana. La R.3000 è primo modello del catalogo Joma che dispone di piastra in carbonio. Questo progresso rappresenta la riaffermazione di Joma come uno degli specialisti delle calzature tecniche nel mercato del running.

La R.3000 è pensata per i runner che corrono le medie e lunghe distanze ad alto ritmo e che vogliono sfruttare la reattività extra fornita dalla piastra in fibra di carbonio ENDOPLATE. Questo materiale semirigido comprime la schiuma dell’intersuola e sfrutta il peso corporeo per fornire l’80% di reattività in più.

Il peso della scarpa è di 258 gr. e il drop è di 8 mm.

Il laboratorio di biomeccanica dell’Università di Castilla-La Mancha ha certificato, attraverso uno studio sul campo, che il grande vantaggio apportato dalla R.3000 è l’aumento dell’efficienza nella corsa, che si traduce in risparmio di ossigeno ed energia. Lo studio ha certificato ufficialmente un miglioramento del 4% delle prestazioni, dovuto all’aumento della lunghezza del passo che riduce la frequenza: un corridore ha bisogno di meno passi per completare la stessa distanza che farebbe con altre scarpe. Pertanto, aiuta a ridurre l’affaticamento, mantenere un ritmo costante per tutta la gara e facilita il recupero.

Una delle grandi differenze della R3000 rispetto ad altre scarpe del suo segmento è l’arco della suola. Produce infatti un effetto “molla” che contribuisce in modo significativo all’impulso e all’allungamento del passo.

La tomaia è realizzata in un tessuto altamente traspirante a cui viene applicato il VTS SYSTEM per massimizzare ulteriormente la traspirazione. Inoltre, il finissimo nylon dona comfort e libertà di movimento al piede, grazie anche alla tecnologia JOMASPORTECH SYSTEM, che prevede l’adattamento al piede senza resistenza. Per aggiungere comfort, la linguetta dispone di una schiuma interna e di una doppia chiusura elastica, che assicura che rimanga sempre in posizione.

La suola dispone di una geometria esclusiva studiata per il tipo di runner a cui si rivolge la R.3000. Sono runner con una tecnica raffinata che atterrano sulla parte anteriore del piede, motivo per cui la gomma è stata rinforzata sulla punta, soprattutto sulla parte del pollice e sulle linee di transizione del piede. La riduzione del materiale permette di ottenere una scarpa più leggera pur consentendo il rilascio dell’energia richiesta dalla reattività della R.3000

Un altro punto di forza di questa calzatura è la trazione garantita dalla suola sull’asfalto: consideranti i ritmi di corsa veloci per i quali è stata progettata, il design è esclusivo e altamente performante. La gomma DURABILITY aumenta inoltre la vita della scarpa.

Articoli correlati

Verso Venicemarathon: le tabelle della seconda settimana

Benvenuto al programma in 15 settimane, gratuito e rivolto a tutti, ideato dagli organizzatori della Maratona di Venezia in collaborazione con la nostra rivista. Qui di settimana in settimana, troverai le tabelle in preparazione dell’appuntamento di domenica 27 ottobre. Training to Wizz Air Venicemarathon è il programma che ti accompagna passo dopo passo verso il […]

Il ritorno di Alex Schwazer

18 Luglio, 2024

Un ritorno-addio, quello del marciatore altoatesino che domenica 7 luglio ha concluso gli 8 anni di squalifica. Ad Arco (TN), in una gara omologata Fidal sui 20 km di marcia. Gli 8 anni di squalifica sono finiti domenica 7 luglio. Troppo tardi per provare a ottenere lo standard di partecipazione per i Giochi olimpici di […]

Tamberi: “Ho pianto, ma il sogno non finisce”

10 Luglio, 2024

Il portabandiera azzurro accusa un problema al bicipite femorale e dovrà seguire una settimana di terapie e allenamenti differenziati saltando le gare di avvicinamento ai Giochi,. “Non mi vergogno a dirlo, ho pianto 3 volte nelle ultime 24 ore… probabilmente per la tensione, probabilmente per la paura e forse anche perché in parte tutto questo […]

Lucio Gigliotti compie 90 anni: auguri “Proffe”

09 Luglio, 2024

Luciano “Lucio” Gigliotti è nato ad Aurisina (TS), il 9 luglio 1934. Anche Correre festeggia i 90 anni dell’allenatore che in maratona ha costruito le carriere di Gelindo Bordin, Stefano Baldini e Maria Guida. Ecco una sintesi della lunga intervista pubblicata nel numero di luglio. Il 9 luglio sono 90 anni. Superfluo ribadire che non […]