fbpx

Indoor: Crippa e Zenoni, ad Ancona è festival dei giovani

07 Marzo, 2016

Marta Zenoni ha nobilitato la seconda giornata del mezzofondo ai Campionati Italiani di Ancona vincendo gli 800 metri in un formidabile 2’03”88, che migliora il record italiano sia allieve che juniores da lei stesso detenuto con 2’05”19 e sfiora di appena 48 centesimi di secondo il record personale all’aperto stabilito al Golden Gala di Roma dello scorso Giugno. La  17enne bergamasca ha vinto con una bella volata sul rettilineo finale precedendo Irene Baldessari e Eleonora Vandi. Bello l’abbraccio al traguardo con la compagna di allenamento e amica Marta Milani, che pochi minuti si era aggiudicata il terzo posto sui 400 metri.

Il festival dei giovani è proseguito con Yeman Crippa che ha vinto il primo titolo italiano sui 3000 indoor della sua giovane carriera e il secondo considerando il successo ai Campionati Italiani di cross di Gubbio. Il due volte campione europeo di cross e bronzo continentale under 20 dei 5000 metri ha vinto in 7’57”25 al termine di una fantastica volata sul rettilineo finale con Yassin Bouih, che ha stabilito a sua volta il record personale con 7’57”45. Soufiane El Kabbouri ha completato un podio molto giovane e promettente con il terzo posto in 8’01”74.

In una giornata dalle mille emozioni per il giovane mezzofondo italiano è caduto un altro limite grazie al napoletano Andrea Romani che ha migliorato il precedente primato nazionale under 18 sugli 800 metri con 1’51”81 nella seconda serie che gli vale il terzo posto assoluto. Romani ha abbassato di due secondi la sua precedente migliore prestazione italiana stabilita quest’anno con 1’53”43. Il titolo italiano è andato a Gabriele Bizzotto che si è aggiudicato la terza serie in 1’51”14 precedendo Sheik Ali Abdikadar (1’51”58).

Valentina Costanza si è aggiudicata il successo sui 3000 metri femminili in 9’24”12 battendo Gloria Tessaro (9’29”16). Ayomide Folorunso si è confermata anche nell’atletica dei grandi vincendo il primo titolo italiano assoluto sui 400 metri con un eccellente 53”16, ottavo miglior tempo italiano di sempre. Matteo Galvan si è confermato campione italiano dei 400 metri con 47”29 precedendo il vice campione italiano dei 400 ostacoli Mario Lambrughi, che ha stabilito il record personale con 47”78. Ilenia Draisci ha vinto la finale dei 60 metri femminili in 7”40 precedendo al photo-finish la quattro volte campionessa italiana Audrey Alloh per un centesimo di secondo. Ancora brillante l’allieva Zaynab Dosso che ha ottenuto il quarto posto per il secondo anno consecutivo con il tempo di 7”48. Michael Tumi si è confermato “re” della velocità italiana imponendosi nella finale dei 60 metri in 6”68 davanti a Fabio Cerutti (6”73).