Tre record italiani ai Tricolori giovanili di Ancona

Tre record italiani ai Tricolori giovanili di Ancona

06 Febbraio, 2023
Foto FIDAL/FIDAL

I tre record italiani di Simone Bertelli nel salto con l’asta juniores, di Lorenzo Simonelli e di Veronica Besana sui 60 metri ostacoli promesse sono stati i risultati clou dell’edizione 2023 dei Campionati Italiani Juniores e Promesse di questo fine settimana al Palaindoor di Ancona. 

Bertelli batte il record italiano under 20 nel salto con l’asta

Simone Bertelli ha stabilito il primato italiano under 20 di salto con l’asta superando 5.51m, misura migliore rispetto al record di categoria outdoor riscritto dopo 28 anni. 

Il diciottenne torinese della Safatletica Piemonte ha migliorato tre volte il record italiano under 20 indoor in un pomeriggio esaltante superando in precedenza anche le misure di 5.32m e 5.40m. Bertelli ha battuto il precedente primato nazionale di categoria outdoor stabilito dal grossetano Andrea Giannini con 5.50m il 29 Settembre 1995 a Cannes, dopo aver fatto cadere la migliore prestazione all-time indoor di categoria stabilita da Claudio Michel Stecchi l’8 Febbraio 2010 a Firenze. Bertelli ha incrementato di 16 centimetri il precedente record personale di 5.35m stabilito nel corso della stagione outdoor 2022. 

Il ventenne Matteo Olivieri, amico compagno di allenamenti di Bertelli, ha migliorato il record personale nell’asta promesse di tre centimetri con 5.40m prima di superare l’asticella alla quota di 5.52m. Olivieri diventa il terzo italiano under 23 di sempre dopo Giuseppe Gibilisco (5.62) e Stecchi (5.60m). Successivamente ha tentato tre prove senza successo alla misura del primato italiano di categoria di 5.63m.

Doppietta di Great Nnachi sui 60 metri e nel salto con l’asta

La portacolori del Battaglio Cus Torino Great Nnachi ha messo a segno una nuova doppietta vincendo i 60 metri in 7”50 e il salto con l’asta con 4.20m a livello under 20. La piemontese ha tentato successivamente l’assalto alla misura di 4.40m. 

Giulia Valletti Borgnini ha fatto suo il titolo italiano promesse del salto con l’asta femminile migliorando il primato personale indoor con 4.25m diventando la sesta italiana di sempre nella sua categoria.  

Simonelli e Besana battono i record italiani promesse sui 60 metri ostacoli

Lorenzo Simonelli ha centrato l’obiettivo di migliorare il primato italiano under 23 sui 60 metri ostacoli con 7”67 avvicinando di tre soli centesimi di secondo lo standard diretto per i prossimi Campionati Europei assoluti di Istanbul fissato a 7”64. L’ostacolista romano nato da madre di origini tanzaniane ha tolto tre centesimi di secondo al precedente record italiano stabilito dal lombardo Frank Brice Koua dal 2021 entrando nella top ten italiana di sempre a livello assoluto. 

La lombarda Veronica Besana ha eguagliato il record italiano under 23 sui 60 metri ostacoli femminili con 8”10, stesso tempo realizzato poche settimane fa da Giulia Guarriello. Elena Carraro si è piazzata al secondo posto con 8”17precedendo di un centesimo di secondo Guarriello. 

Tra gli juniores i titoli tricolori dei 60 metri ostacoli sono andati al portacolori della Studentesca Rieti Damiano Dentato in 7”83 e alla lombarda della Bracco Atletica Milano Celeste Polzonetti con 8”60. 

Furlani vince il salto in lungo con 7.74m 

Mattia Furlani ha vinto il titolo italiano under 20 di salto in lungo con 7.74m una settimana dopo aver migliorato il record italiano di categoria al coperto con 7.99m al meeting di Stoccolma. La misura realizzata in Svezia è stata ratificata da European Athletics come record europeo under 20 indoor Il campione europeo under 18 di salto in lungo e salto in alto di Gerusalemme 2022 ha messo a referto anche due misure valide da 7.57m e 7.62m, due salti nulli e un salto soltanto abbozzato nell’ultimo tentativo a sua disposizione. 

Meli migliora il personale di mezzo secondo sui 400 metri 

Riccardo Meli ha demolito di quasi mezzo secondo il primato personale portandolo da 47”02 a 46”58 sui 400 metri promesse. Il siciliano delle Fiamme Gialle diventa il quattrocentista italiano più veloce di quest’anno a livello assoluto superando anche Vladimir Aceti e Edoardo Scotti. La prestazione di Meli si inserisce al quarto posto nelle liste italiane all-time under 23 alle spalle di Matteo Galvan, Edoardo Scotti e Claudio Licciardello. Matteo Raimondi della Pro Sesto Atletica si è messo in luce scendendo sotto i 47 secondi con 46”86. 

Amani eguaglia il primato personale indoor nel salto in lungo

La medaglia di bronzo dei Mondiali Under 20 di Cali 2022 Marta Amani ha vinto l’ottavo titolo italiano giovanile nel salto in lungo comprendendo le gare indoor e outdoor eguagliando il record personale indoor con 6.32m al sesto tentativo. A questi successi va aggiunto anche il titolo italiano assoluto indoor vinto lo scorso anno sempre al Palaindoor di Ancona. La portacolori del Cus Pro Patria Milano ha fatto registrare anche 6.18m e 6.20m rispettivamente al secondo e al terzo tentativo. 

Nella seconda giornata Amani ha centrato la seconda doppietta consecutiva in questa rassegna tricolore vincendo i 200 metri juniores in 24”04. Con questa prestazione l’allieva di Fiorella Colombo diventa la quinta italiana di sempre a meno di due decimi di secondo dal record italiano di categoria di Dalia Kaddari. 

Arianna Battistella si è messa in luce battendo il record personale di sei centimetri nel salto in lungo promesse con l’ottima misura di 6.35m, settima misura italiana di sempre a livello under 23. 

Guerra vince i 3000 metri in avvicinamento alla mezza maratona di Napoli 

Il mezzofondista dei Carabinieri Francesco Guerra ha vinto il titolo italiano under 23 sui 3000 metri migliorando il record personale di otto secondi con il tempo 7’59”56 in una tappa di avvicinamento verso il debutto sulla mezza maratona di Napoli del prossimo 26 Febbraio. 

La portacolori della Corradini Calcestruzzi Rubiera Sara Nestola ha conquistato il titolo italiano under 23 sui 3000 metri migliorando il record personale con 9’31”46 al termine di un arrivo in volata con Giulia Cordazzo (9’31”96). 

Pernici vince gli 800 metri al debutto nella categoria prome

Il lombardodella Free Zone Francesco Pernici ha vinto il titolo italiano under 20 sugli 800 metri in 1’50”20 al debutto nella categoria under 23 pochi mesi dopo aver battuto lo storico record nazionale under 20 outdoor di Davide Cadoni con 1’46”87 a Conegliano. 

Il portacolori dell’Assindustria Sport Padova Giovanni Lazzaro si è aggiudicato il titolo italiano under 20 sugli 800 metri in 1’52”77 battendo con un allungo decisivo nell’ultimo giro il vice campione europeo under 20 Davide De Rosa (1’53”16). 

L’Atletica Roma Acquacetosa ha fatto doppietta vincendo entrambi i titoli italiani degli 800 metri femminili con Sofia Di Bella tra le under 23 con 2’08”92 e Flavia Bianchi tra le juniores con 2’10”37. 

I titoli nazionali sui 1500 metri sono andati a Matilde Prati tra le juniores con il primato personale indoor di 4’29”26, ad Andrea Ribatti tra gli junior in 3’53”30 davanti ad Alessandro Morotti e Davide De Rosa, a Masresha Costa tra le promesse a livello maschile in 3’49”21 e a Livia Caldarini tra le promesse in campo femminile in 4’35”59. 

Sorpresa Marek sui 60 metri promesse

Una delle maggiori sorprese della rassegna tricolore giovanile è arrivata dal portacolori dell’Atletica Bergamo 1959 Oriocenter Eric Marek, che ha vinto i 60 metri maschili promesse in 6”74 battendo per un solo centesimo di secondo il favorito Matteo Melluzzo e MarcoRicci, secondo e terzo con lo stesso tempo di 6”75. 

La veneta dell’Assindustria Sport Padova HopeEsekheigbe ha rispettato il ruolo di favorita vincendo la finale dei 60 metri promesse con 7”44 precedendo Ilaria Angelini. Larissa Iapichino, in versione velocista, è finita fuori dal podio in quarta posizione in 7”50 in un test importante in vista dei prossimi impegni nel salto in lungo. 

Yassin Bandaogo si è laureato campione italiano sui 60 metri juniores con 6”80.  

Ferrara per la prima volta oltre i 19 metri al coperto nel getto del peso

Riccardo Ferrara ha superato per la prima volta in carriera la barriera dei 19 metri nel getto del peso a livello indoor eguagliando con 19.81m la terza miglior misura italiana all-time under 23 detenuta dal campione olimpico di Los Angeles 1984 Alessandro Andrei. L’atleta reggino ha migliorato il primato personale con 18.78m al primo tentativo, aggiungendo tre centimetri al precedente personale realizzato in occasione della medaglia d’argento vinta ai Campionati del Mediterraneo Under 23 di Valencia.Dopo due nulli il portacolori dei Carabinieri ha raggiunto la misura vincente alla quarta prova. 

Anna Musci (sorella d’arte dell’azzurro Carmelo Musci) ha vinto il titolo italiano juniores del getto del peso con 15.28m dopo aver rischiato l’eliminazione con due nulli nei primi due tentativi. 

Stronati 2.21 nel salto in alto

Edoardo Stronati ha vinto il salto in alto juniores con l’eccellente misura di 2.21m prima di tentare tre prove alla quota di 2.24m, un cm in più rispetto al record italiano under 20 detenuto da Paolo Borghi con 2.23m dal lontano 1980. Il lombardo della Pro Sesto Atletica si è portato al quinto posto delle liste italiane under 20 di tutti i tempi eguagliando la misura realizzata da Gianmarco Tamberi quando era junior. Stronatiha vinto la medaglia d’oro ai recenti Campionati del Mediterraneo under 23 di Valencia ed era accreditato di un record personale di 2.17m indoor e 2.20m outdoor. 

Nel salto in alto promesse la trentina della Quercia Trentingrana Rovereto Asia Tavernini ha realizzato 1.86m al primo tentativo e 1.88m alla seconda prova diventando attualmente la migliore in Italia in questa stagione a livello assoluto. 

I titoli del salto triplo sono andati a Mifri Vesonella categoria under 20 con il record personale di 12.88m, a Veronica Zanon tra le under 23 con 13.00m in campo femminile, a Federico Bruno tra gli under 23 con 15.86m e a Leandro D’Amore tra gli junior con 15.20m nella categoria juniores a livello maschile. 

L’azzurrina degli Europei under 18 di Gerusalemme 2022 Aurora Vicini ha vinto il titolo italiano juniores del salto in alto migliorando il primato personale di un centimetro con 1.83m al primo anno di categoria. Camilla De Paoli ed  Elisa Muraro si sono piazzate seconda e terza con la stessa misura di 1.71m. 

Abdul Mejeed Omar ha vinto il primo titolo della sua carriera nel salto in lungo promesse con 7.50m dopo essere salito più volte sul podio nel salto triplo. Il ventunenne di origini ghanesi tesserato per l’Atletica Firenze Marathon ha preso il comando con un salto da 7.48m al quarto tentativo superando il 7.46m messo a segno da Jacopo Quarratesi. Omar ha realizzato la misura vincente di 7.50m al sesto tentativo. 

Giampaolo quarto italiano di sempre under 20 nei 5 km di marcia

L’argento under 20 dei Campionati del mondo di marcia a squadre di Muscat 2022 Diego Giampaolo ha esordito nella stagione 2023 con un bel successo nei 5000 metri juniores in 19’52”03 diventando il quarto di sempre in questa categoria a livello indoor. 

Giada Traina e Giulia Gabriele hanno dato vita ad un bel testa a testa nei 3000 metri di marcia femminile. Traina ha guadagnato alcuni metri di vantaggio chiudendo al primo posto in 13’20”97davanti a Gabriele (13’22”14). A livello statistico Traina e Gabriele hanno migliorato il primato personale di circa cinquanta secondi diventando la quinta e la sesta di sempre a livello under 20. 

Il portacolori dell’Atletica Firenze MarathonAndrea Cosi (decimo classificato sulla 20 km agli Europei di Monaco di Baviera) ha migliorato il record personale sui 5000 metri di marcia promesse con il tempo di 19’44”93. L’atleta dell’Atletica Brescia 1950 Alexandrina Mihai ha demolito il record personale di oltre 20 secondi sui 3000 metri con 12’58”25. 

Staffette

L’Atletica Vicentina (Davide Guidolin, Lorenzo Frivoli, Pietro Marangon e Michele Bertoldo) ha trionfato nella staffetta 4×200 promesse con 1’27”80. 

L’Atletica Brescia 1950 (Alessia Seramondi, Noemi Cavalleri, Elena Carraro e Alexandra Almici) ha conquistato il successo nella 4×200 promesse femminile in 1’39”86. 

Il quartetto dell’Atletica Riccardi Milano composto Emanuele Perra, Francesco Inzoli, Matteo Cagliero e Mattia Arnaboldi ha vinto la staffetta 4×200 maschile juniores in 1’29”13. Il titolo juniores della 4×200 femminile è andato al quartetto dell’Assindustria Sport Padova (Arianna Bacelle, Martina Agostini, Azzurra Ballin e Stella Agostini) in 1’42”49.