fbpx

Il potenziamento per il runner

14 Ottobre, 2015

Dall’età dello sviluppo a quella adulta e avanzata, tutti i modi per correre e fare attività in modo corretto, programmandola al meglio. Per evitare di eccedere e incappare in danni come i distacchi ossei e, specie con il passare del tempo, in infortuni.
Ne parla ampiamente nel numero di Correre di ottobre il dott. Luca De Ponti, esperto in ortopedia.

Cominciamo dai muscoli e dal loro legame con la crescita. La formazione atletico-sportiva di un giovane può infatti trarre beneficio da attività molteplici, soprattutto negli anni dello sviluppo, quando l’attivazione e l’affinamento dei meccanismi motori risultano particolarmente sensibili agli stimoli proposti. L’esercizio può sollecitare la componente muscolare, che gioca un ruolo fondamentale per armonizzare lo sviluppo dello scheletro e delle articolazioni.

Nell’età della crescita sono sufficienti stimoli naturali, che possono anzi arrivare a costituire delle forme di sovraccarico dove la ripetitività del gesto risulti particolarmente esasperata. Dobbiamo infatti fare i conti con uno scheletro particolarmente sensibile nei distretti dove i nuclei di ossificazione stanno ultimando il loro sviluppo e un allenamento esagerato può non essere compatibile con una fase evolutiva dove osso e muscolo non hanno ancora raggiunto l’equilibrio ideale.

Nel periodo puberale e post puberale non sono rari episodi di distacchi ossei in corrispondenza delle inserzioni tendinee (vedi ginocchia, piede, anca), che sono tanto più possibili quanto maggiore risulta essere il livello di stress sia da un punto di vista qualitativo sia quantitativo.
Di qui nasce l’esigenza di una programmazione dell’allenamento su più fronti, come può essere quello multidisciplinare del triathlon, dove ad attività prettamente aerobiche possono essere associate anche esercitazioni di forza o prestazioni anaerobiche, in modo tale che la miscellanea degli stimoli non arrivi mai a costituire un impegno troppo gravoso per i potenziali punti deboli del sistema. Anche l’inserimento di attività sportive stagionali può essere di giovamento per l’affinamento delle capacità neuromotorie, pensiamo ad esempio allo sci in inverno e al surf in estate.

Venendo quindi al tema centrale riferibile all’argomento corsa, il miglior potenziamento per il giovane che si dedica già a quella prolungata è quella veloce, dove è la stessa energia cinetica in più a costituire un buon carico allenante. Alcune differenziazioni più specifiche, come la corsa in salita, la corsa balzata e la corsa sulle scale o scaloni sono anch’esse uno stimolo muscolare di non poco conto: tali esercitazioni vanno opportunamente dosate, concedendo alle strutture ancora in fase evolutiva ampi tempi di recupero.

Vi sono poi alcuni stimoli che non costituiscono un potenziamento specifico, ma esercitazioni muscolari selettive. Pensiamo ad esempio alla corsa su terreni sterrati irregolari, dove il piede ha raramente un appoggio eguale all’altro: in questo caso sono i muscoli tibiali a essere impegnati non poco con una esercitazione eccentrica specifica.

Cosa succede se si esagera? E gli over 40 come si devono comportare?
Di questo e altro si parla nell’approfondimento di Luca De Ponti sul numero di Correre in edicola.

Articoli correlati

Corsa e mal di schiena: quali strategie di prevenzione?

Il mal di schiena è uno dei problemi più frequenti sia per i sedentari che per gli sportivi amatoriali e agonistici. Anche chi corre è spesso soggetto a dolori lombari invalidanti. Ma qual è il legame tra corsa e mal di schiena? E quando i sintomi devono iniziare a preoccupare? Scopriamolo insieme all’ortopedico degli sportivi […]

Gli infortuni del runner: impara a gestirli

Un periodo di stop può diventare un’occasione per diventare un runner migliore. Ecco i consigli dei nostri esperti su come si gestiscono gli infortuni del runner. Dobbiamo farcene una ragione: l’infortunio può far parte della vita del runner. Escludere che possa accadere è impossibile, ignorarne l’esistenza è inutile. Tutti i consigli degli allenatori sono impostati […]

Ricominciare a correre dopo un infortunio

Non solo cominciare a correre. La pausa d’agosto è utilizzata anche da molti appassionati che desiderano ricominciare a correre dopo un infortunio. Soprattutto dopo i 30-35 anni, bastano 10 giorni di stop e il muscolo perde in fretta la capacità di sostenere il lavoro eccentrico tipico della corsa ovvero quella caratteristica che lo porta a […]

Angelini: quanti danni in un anno senza sport

Il Prof. Fabrizio Angelini lancia il grido d’allarme in particolar modo sui giovani, in questo lunghissimo anno di pandemia da Covid19 privati dell’aspetto socializzante e preventivo dello sport “Ci svegliamo al mattino credendo di aver fatto un brutto sogno, invece siamo costretti a trascorrere quasi tutta la giornata seduti. Siamo diventati delle “sedie animate”: non […]