fbpx

IAAF World Challenge: Margherita Magnani settima a Kawasaki

Margherita Magnani (Foto: Giancarlo Colombo)
Di: Diego Sampaolo

La “globetrotter” azzurra Margherita Magnani si è classificata settima sui 1500 metri in 4’14”65 nella tappa inaugurale del circuito IAAF World Challenge a Kawasaki denominata Seiko Grand Prix in una gara condizionata dal grande caldo con una temperatura di 30°C. La trentenne romagnola ha disputato la terza gara stagionale dopo il record personale sui 5000m a Palo Alto in California e il 4’09”65 nella tappa inaugurale di Shanghai. Il successo è andato alla keniana Nelly Jepkosgei in 4’06”86 davanti alla statunitense Lauren Johnson (4’07”65).

Il bronzo olimpico di Londra 2012 Timothy Kitum si è aggiudicato gli 800m maschili in 1’47”03. Facile successo di Jairus Birch sui 3000 siepi in 8’19”54 davanti a Nicholas Bett (8’21”71). Il meeting giapponese è stato nobilitato dall’ottimo 86.55m del campione olimpico del lancio del giavellotto Thomas Rohler (autore del favoloso 93.90m ottenuto a Doha due settimane fa).

Ivet Lalova Collio (moglie dell’ex sprinter azzurro Simone Collio) ha centrato la doppietta nello sprint vincendo i 100m in 11”40 e i 200m in 22”98. La campionessa olimpica del salto in lungo e della staffetta 4×100 Tianna Bartoletta si è imposta nel lungo con 6.79m e si è classificata terza sui 100m in 11”47. Justin Gatlin non è andato oltre un 10”28 non straordinario sui 100m precedendo il nipponico Aska Cambidge di tre centesimi di secondo ma è stato frenato dal vento contrario di 1.2 m/s. Buon 12”65 della statunitense Queen Harrison sui 100 ostacoli femminili davanti alle sorelle britanniche Tiffany Porter (13”00) e Cindy Ofili (13”08).

Il canadese Michael Mason ha superato l’asticella a 2.30m nel salto in alto. La cinese Shiying Liu ha conquistato il giavellotto femminile con un buon 66.47m. Ottima gara nella prova valevole per il Challenge IAAF del lancio del martello femminile dove la statunitense Gwen Berry si è imposta con 74.13m davanti alla britannica Sophie Hitchon (73.97m).

 

Articoli Correlati

Selwa Naser terza donna di sempre sui 400 metri
Brazier primo statunitense a vincere il titolo mondiale degli 800 metri, Re vince la batteria dei 400 metri
Sara Dossena
Dossena, ecco cosa è successo a Doha
Shelly Ann Fraser Pryce vince il quarto oro iridato sui 100 metri
Filippo Tortu
Doha 2019: Crippa eliminato nelle batterie dei 5000 metri 
Livigno: la nuova pista hi-tech pronta ad affrontare il futuro dell’atletica