Grenot vince a Marsiglia, ottimi i mezzofondisti Bussotti e Bellò

Foto Giancarlo Colombo
Di: Diego Sampaolo

La due volte campionessa europea dei 400 metri Libania Grenot ha conquistato il secondo successo consecutivo in questa stagione aggiudicandosi i 400 metri al meeting internazionale di Marsiglia con il personale stagionale di 51”51 davanti alla sei volte campionessa olimpica e undici volte campionessa mondiale dei 200 e dei 400 metri Allyson Felix, che si é dovuta accontentare del terzo posto in 52”01 preceduta anche dalla britannica Perry Shakes Drayton (51”97). In questa stagione Grenot si era già imposta al meeting spagnolo di Huelva in 51”81.

Il marocchino Mostafa Smaili ha vinto gli 800 metri in 1’45”76 precedendo di tre centesimi di secondo il britannico Andrew Osagie. La diciannovenne etiope Fantu Worku ha avuto la meglio sui 5000 metri in 15’30”39.

Il britannico Charlie Grice si é imposto nei 1500 metri in 3’36”48. Bravo anche il livornese Joao Bussotti, sesto in 3’38”37, personale stagionale e quarto miglior tempo della sua carriera. Lo scorso anno il giovane mezzofondista di origini mozambicane realizzò 3’37”12 a Marsiglia.

Conferma su buoni livelli per la ventunenne Elena Bellò, che ha fatto registrare il secondo miglior tempo della sua carriera sugli 800 metri con 2’02”70 (non lontano dal recente personale di 2’02”28 realizzato a Oordegem in Belgio). La vicentina si é classificata quarta nella gara vinta dalla rappresentante del Benin Noelle Yarigo in 2’01”68.

Il meeting di Marsiglia ha fatto registrare l’eccellente 9”92 dello sprinter transalpino Jimmy Vicaut, che si é confermato come uno dei rivali più accreditati di Filippo Tortu agli Europei di Berlino realizzando la seconda migliore prestazione europea dell’anno (ad un centesimo dal 9”91 del britannico Zharnel Hughes al meeting di Kingston di settimana scorsa).

Irene Siragusa seconda sprinter italiana di sempre sui 100 metri con 11”21  

Irene Siragusa ha migliorato il record personale due volte nel giro di un’ora fermando il cronometro in 11”29 nella batteria e in 11”21 nella finale in occasione del Memorial Coscioni di Orvieto. La sprinter senese aveva un personale di 11”31 in occasione della medaglia d’argento vinta alle Universiadi di Taipei 2017. La ventiquattrenne senese allenata da Vanna Radi a Colle Val d’Elsa è diventata la seconda sprinter azzurra della storia a soli 8 centesimi di secondo dal record italiano di Manuela Levorato.

Meeting di Berna: successo della staffetta 4×400 maschile con il miglior crono italiano degli ultimi 13 anni

La staffetta 4×400 composta da Daniele Corsa (secondo classificato ai Campionati del Mediterraneo under 23 di Jesolo in 45”79), da Michele Tricca, da Vladimir Aceti e da Davide Re (vincitore al recente meeting di Ginevra in 45”31) ha fermato il cronometro in un eccellente 3’02”11, miglior crono italiano dal 19 Giugno 2005 quando l’Italia realizzò 3’01”96 in occasione della Coppa Europa di Firenze.

Articoli Correlati

IAAF Diamond League: Dibaba batte Hassan in un fantastico 1500 metri a Rabat
Athletic Club Alperia Bolzano e Atletica Brescia vincono il tricolore 2019 ai Societari di Firenze
Davide Re
Davide Re batte il record italiano sui 400 metri
Filippo Tortu
IAAF Diamond League: Tortu quarto nei 100 metri a Oslo 
Selemon Barega e Telahun Bekele
Telahun Bekele ancora sotto i 13 minuti al meeting di Hengelo
Marta Zenoni
Tricolori giovanili di Rieti: doppietta di Zenoni e vittoria di Battocletti