fbpx

Gli infortuni del runner: impara a gestirli

Gli infortuni del runner: impara a gestirli

Foto 123rf
Riorganizzare l’alimentazione per non ingrassare

Gli infortuni del runner sono spesso collegati all’ingrassamento. Un po’ per l’inattività improvvisa, un po’ per lo stress generato dall’interruzione della preparazione, che ci porta ad aprire il frigorifero con più frequenza del solito, in cerca di dolci, bibite o cibi che appaghino comunque il maggior bisogno di zucchero e di sale generato dallo stress.

Con il programma di allenamento fermo, concentrarsi a seguire un regime alimentare corretto deve diventare l’obiettivo principale. Un vero “secondo programma di allenamento” o “programma alternativo”, da seguire con lo stesso rispetto che riserviamo alle terapie prescritte per la guarigione.

Il runner “in officina”, fermo per stop, deve continuare a mangiare da runner.

«Nel periodo di attesa concentratevi su quello che potrà non solo aiutarvi a guarire, ma anche a diventare atleti migliori. Il riposo notturno e l’alimentazione sono due semplici suggerimenti alla portata di tutti» suggerisce Julia Jones, allenatrice, inventrice dei “corsi di corsa” e collaboratrice di Correre.

Non buttarsi giù di morale

Un altro effetto collaterale è il calo del tono dell’umore, effetto della delusione per la gara sfumata e dell’astinenza del nostro cervello dalle endorfine prodotte con la corsa. Nervosismo e cattivo umore fanno spesso compagnia al runner fermo per infortunio. In più di un caso, il calo della motivazione ha fatto sì che, anche una volta guarito, il runner non sia più riuscito a ripartire con gli allenamenti. Lo stop per infortunio diventa così stop definitivo della carriera sportiva.

Occorre reagire subito alla delusione per l’interruzione. La crisi di motivazione, ad esempio, può essere superata spostando subito in avanti l’obiettivo-gara. A livello motivazionale, inoltre, è utile tornare appena possibile a svolgere attività outdoor non in conflitto con il trauma e la riabilitazione. In molti casi, durante un infortunio è possibile, ad esempio, praticare nuoto, bici o camminata.

LEGGI ANCHE: Evitare gli infortuni e ricominciare (Luca De Ponti)

Indietro
Pagina 2 di 2
Avanti

Articoli correlati

Infortuni running: i dieci errori da evitare

Table of Contents Scarpe, autodiagnosi, consigli discutibili: sei incappato in una di queste situazioni? 1. Infortuni running: l’autodiagnosi 2. Corriamoci sopra 3. La terapia di grido 4. Colpa delle scarpe 5. Il passo più lungo della gamba 6. I consigli del compagno 7. Non ho mai avuto problemi 8. Infortuni running: un antinfiammatorio e via […]

Fondamentali per correre bene

Da tempo Daniele Vecchioni, ideatore del metodo Correre naturale, sulle pagine della nostra rivista insiste sulla necessità di imparare i fondamentali per correre bene mantenendosi in salute. Anche e soprattutto grazie a un corpo che si possa permettere di praticare il running nel modo corretto, evitando gli infortuni. “Correre e correre bene – scrive Vecchioni […]

Ricominciare a correre dopo un infortunio

Soprattutto dopo i 30-35 anni, bastano 10 giorni di stop e il muscolo perde in fretta la capacità di sostenere il lavoro eccentrico tipico della corsa ovvero quella caratteristica che lo porta a sopportare uno stiramento molto rapido. Gradualità ed esercizi, cammino e stretching, eviteranno gli stop da ripresa, che le statistiche indicano come molto […]

Corsa lenta e infortuni: attenzione a correre troppo piano

Chi corre piano non sempre va lontano… La corsa lenta non è sempre una buona idea. Il nostro corpo funziona un po’ come le macchine di grossa cilindrata, se le facciamo circolare solo in città a 30 km orari tendono ad ingolfarsi. Lo stesso succede a chi corre: modificare il gesto tecnico rallentandolo eccessivamente può […]

News Allenamento Equipment Salute Correre