fbpx
Europei Master

Europei Master: ecco il bilancio a metà dei Campionati 

Foto: Foto Castagnoli
Di: Werter Corbelli
A Jesolo, Caorle ed Eraclea le gare sono al “giro di boa”: nel medagliere l’Italia è seconda dietro alla Germania, con un bottino di 48 medaglie d’oro, 40 d’argento e 39 di bronzo. Nel mirino della nostra spedizione c’è il record di titoli continentali di Lubljana 2008 (53). Primato mondiale di Angelo Squadrone nei 10.000 m (M90), europeo per Bruno Baggia nei 1.500 m (M85). 

I campionati Europei Stadia, in corso a Jesolo, Caorle ed Eraclea (5-15 settembre) sono giunti al giro di boa: 5 giorni di gare già mandati in archivio e cinque da disputare, dopo la giornata di pausa, martedì 10 settembre.

È stato consumato in pratica metà del programma-gare e, tranne che per qualche acquazzone, tutto procede al meglio. Gli atleti azzurri hanno già all’attivo un bottino ragguardevole e procedono per superare abbondantemente il miglior risultato di sempre che risale all’edizione del 2008 a Lubljana, quando a fine manifestazione furono contate 53 medaglie d’oro. In questo momento l’Italia è provvisoriamente seconda nel medagliere ufficiale con 48 ori, 40 argenti e 39 bronzi; subito dietro alla Germania (51 ori, 49 argenti e 52 bronzi) e solidamente davanti a Gran Bretagna (40 ori) e Finlandia (24 ori). 

5 titoli nella velocità

Nella velocità pura si sono messi in luce conquistando i relativi titoli continentali: nei 100 m hanno vinto Walter Comper (M50 con 11”88), Enzo Barisciano (M70 con 13”76), Marinella Signori (W55 con 13”76) ed Emma Mazzenga (W85 con 22”14). Sul giro di pista c’è stata la memorabile finale della categoria M70 con quattro azzurri nei primi quattro posti e la vittoria per Vincenzo Felicetti (nella foto) con la super prestazione di 1’00”84.

I primati di Baggia e Squadrone

Nel fondo hanno lasciato il segno due nostri highlander. Bruno Baggia (M85) ha vinto i 1.500 m a tempo di nuovo record europeo con 7’06”03 e successivamente ha conquistato anche il titolo nella prova di cross. Angelo Squadrone (classe 1929), invece, ha concluso i 10.000 m in 1:18’12”96 diventando il primatista mondiale M90.  

4 ori negli ostacoli “lunghi”

Molto azzurro anche degli ostacoli cosiddetti “lunghi”, dove sulla distanza dei 300 m Maria Costanza Moroni ha stracciato letteralmente la concorrenza tra le W50, rifilando tre secondi grazie al suo superbo 47”42. La biellese ha poi aggiunto il titolo del salto in lungo (5,08 m). Sulla distanza dei 400 m altre vittorie molte nette soro arrivate da: l’italo-cubano Aramis Diaz (M40 in 55”15); il franco-svizzero-italiano Frederic Peroni (M55 in 1’02”74); l’italo-tedesca Cassandra Sprenger (W45 in 1’09”00).

Bene nei concorsi, molto bene nella marcia

Altre vittorie ragguardevoli sono state ottenute da: l’ex-olimpionica Barbara Lah nel salto triplo W45 (11,64 m); Sara Colombo nel salto in lungo W45 (5,30 m); Hubert Indra nel decathlon M60; Ingeborg Zorzi nell’eptathlon W70; Giovanni Tubini nel peso M55 (15,92 m).

Dal pianeta “Marcia Azzurra”, poi, le medaglie nella prova dei 5.000 m su pista sono arrivate copiose come al solito e tra uomini e donne hanno sommato: 6 ori, 5 argenti e 4 bronzi.

Ecco tutti i protagonisti delle medaglie conquistate in questa prima metà dei Campionati europei Stadia:

Oro (48)

100 m-M50: Walter Comper 11”82

100 m-M70: Vincenzo Barisciano 13”76

400 m-M70: Vincenzo Felicetti 1’00”84

1.500 m-M85: Bruno Baggia 7’06”03

10.000 m-M75: Nicola Traversa 48’10”59

10.000 m-M90: Angelo Squadrone 1°18’12”96

Cross 4 km-M40: Luigi Del Buono 11’44”

Cross 4 km-M55: Domenico Caporale 13’05”

Cross 4 km-M85: Bruno Baggia 19’46”

400 m hs-M40: Aramis Diaz 55”15

400 m hs-M55: Frederic Peroni 1’02”74

Asta-M60: Hubert Indra 3,70

Triplo-M50: Michele Ticò 12,67

Triplo-M70: Giuliano Costantini 10,50

Peso-M55: Giovanni Tubini 15,92

Martello-M85: Carmelo Rado 33,27

M.M.C.-M85: Carmelo Rado 14,78

Decathlon-M60: Hubert Indra 6.425

Decathlon-M85: Ernesto Minopoli 4.899

Marcia 5.000 m-M65: Alberto Pio 27’33”36

Marcia 5.000 m-M80: Romolo Pelliccia 33’01”31

Marcia 5.000 m-M85: Nazzareno Proietti 39’07”40

100 m-W55: Marinella Signori 13”76

100 m-W85: Emma Mazzenga 22”14

1.500 m-W45: Alessandra Lena 4’45”16

1.500 m-W60: Rosanna Barbi-Lanziner 5’48”38

10.000 m-W50: Claudia Gelsomino 37’23”09

Cross 4 km-W45: Erika Bagatin 14’13”

400 m hs-W45: Cassandra Sprenger 1’09”00

300 m hs-W50: M. Costanza Moroni 47”42

200 m hs-M80: Francesco Paderno 45”43

Lungo-W45: Roberta Colombo 5,30

Lungo-W50: M. Costanza Moroni 5,08

Triplo-W45: Barbara Lah 11,64

Eptathlon-W70: Ingeborg Zorzi 4.966

Marcia 5.000 m-W40: Rosetta La Delfa 24’51”22

Marcia 5.000 m-W45: Elena Cinca 26’27”71

Marcia 5.000 m-W55: Manuela Lucaferro 28’40”88

Team Cross-M35: Benini-El Bouhali-De BIasio

Team Cross-M40: Del Buono-Magagnoli-Borghesi

Team Cross-M45: Duca-Dellabrida-Bagozzi

Team Cross-M55: Caporale-Cacciamani-Baldo

Team Cross-M60: Bertazzoli-Chericoni-Faraoni

Team Cross-M65: Moser-Montini-Giordani

Team Cross-M70: Geiser-Faraguna-Puglisi

Team Cross-W40: Boldrin-Drelicharz-Calaz

Team Cross-W45: Bagatin-Zugnoni-Prunea

Team Cross-W60: Lorenzoni-Polina-Patelli

Argento (40)

100 m-M35: Giovanni Tomasicchio 10”95

100 m-M55: Paolo Mazzocconi 12”34

400 m-M50: Claudio Fausti 53”45

400 m-M70: Livio Bugiardini 1’02”92

1.500 m-M40: Francesco Nadalutti 4’13”66

1.500 m-M45: Manuel Dallabrida 4’13”00

1.500 m-M60: Alfredo Bonetti 4’43”62

1.500 m-M70: Giovanni Melis 5’52”72

10.000 m-M40: Mohamed Hajjy 32’03”20

10.000 m-M50: Mohamed Errami 32’50”87

10.000 m-M55: Franco Torresani 34’26”36

Cross 4 km-M40: Rudy Magagnoli 11’48”

Cross 4 km-M50: Valerio Brignone 12’27”

Cross 4 km-M65: Luciano Moser 14’27”

Cross 4 km-M75: Giovanni Melis 17’02”

Cross 4 km -M85: Mario Lorenzon 26’58”

300 m hs-M70: Rudolf Frei 51”28

Triplo-M40: Salvatore Parrino 13,56

Triplo-M65: Crescenzo Marchetti 10,89w

Triplo-M75: Lamberto Boranga 9,14

Peso-M60: Andrea Meneghin 14,13

Giavellotto-M85: Ernesto Minopoli 19,38

Marcia 5.000 m-M35: Ruggero D’ascanio 23’04”70

Marcia 5.000 m-M60: Edoardo Alfieri 25’01”10

Marcia 5.000 m-M70: Ettorino Formentin 27’33”11

Marcia 5.000 m-M75: Amatore Michieletto 36’07”44

400 m-W50: Yolanda Clant 1’04”02

400 m-W60: Angela Pachioli 1’11”28

1.500 m-W50: Enrica Carrara 4’57”24

10.000 m-W35: Denise Tappatà 37’33”15

10.000 m-W40: Francesca Battacchi 40’32”03

Triplo-W45: Roberta Colombo 10,85

Triplo-W65: M. Grazia Rafti 8,25

Peso-W45: Pasqualina Proietti-Pannunzi 11,00

Disco-W75: M. Luisa Fancello 25,12

M.M.C.-W45: Patrizia Aletta 12,55

M.M.C.-W75: Brunella Del Giudice 13,18

Marcia 5.000 m-W70: Rita Del Pinto 36’30”13

Team Cross-M50: Brignone-Biglione-Piermatteo

Team Cross-W55: Fustella-Piani-Passerini

Bronzo (39)

100 m-M60: Alberto Piovani 13”35

400 m-M45: Giovambattista Pollicino 52”80

400 m-M60: Angelo Mauri 59”48

400 m-M70: Roberto Paesani 1’05”06

1.500 m-M45: Francesco Duca 4’15”58

10.000 m-M40: Roberto Melis 32’26”71

10.000 m-M60: Giorgio Costa 38’05”17

Cross 4 km-M40: Gian Luca Borghesi 11’55”

Cross 4 km-M45: Francesco Duca 12’17”

Cross 4 km-M55: Marco Cacciamani 13’13”

Cross 4 km-M60: Paolo Bertazzoli 13’53”

Cross 4 km-M65: Adriano Montini 14’29”

Cross 4 km-M80: Osca Iacoboni 21’17”

400 m hs-M35: Angelo Lella 55”41

200 m hs-M80: Alberto Dafarra 1’03”62

Alto-M55: Marco Mastrolorenzi 1,70

Asta-M75: Mario Gaspari 2,40

Triplo-M65: Ignazio Manfré 10,55w

Triplo-M75: Natale Scaringi 8,32w

Decathlon-M60: Stefano Venier 6.160

Marcia 5.000 m-M40: Luca Latorre 23’18”95

Marcia 5.000 m-M50: Giuseppe Saponaro 25’20”62

Marcia 5.000 m-M75: Amatore Michieletto 36’07”44

100 m-W45: Cristina Sanulli 13”13

100 m-W50: Miriam Di Iorio 13”53

100 m-W65: Mariuccia Quilleri 15”93

400 m-W45: Cassandra Sprenger 1’02”76

400 m-W50: Barbara Martinelli 1’04”03

1.500 m-W45: Erika Bagatin 5’01”92

1.500 m-W60: Francesca Barone 5’56”37

1.500 m-W80: M. Cristina Fragiacomo 8’27”58

10.000 m-W40: Elena Neri 41’06”55

10.000 m-W45: Cinzia Zugnoni 39’48”39

Cross km 4-W45: Cinzia Zugnoni 14’25”

Cross km 4-W60: Maria Lorenzoni 16’24”

Martello-W60: Barbara Bettella 36,55

Martello-W75: M. Luisa Fancello 28,92

Marcia 5.000 m-W35: Lucia Battaglia 27’26”82

Team Cross-W50: Gelsomino-Sportelli-Liverini

Record italiani stabiliti nel corso dei Campionati Europei Stadia 2019

(lista aggiornata a martedì 10 settembre)

400 m-M70: Vincenzo Felicetti 1’00”84

1.500 m-M85: Bruno Baggia 7’06”03

10.000 m-M90: Angelo Squadrone 1°18’12”96

300 m hs-M70: Rudolf Frei 51”28

100 m-W85: Emma Mazzenga 22”14

1.500 m-W80: M. Cristina Fragiacomo 8’27”58

10.000 m-W50: Claudia Gelsomino 37’23”09

M.M.C.-W75: Brunella Del Giudice 13,18

Articoli Correlati

Selwa Naser terza donna di sempre sui 400 metri
Brazier primo statunitense a vincere il titolo mondiale degli 800 metri, Re vince la batteria dei 400 metri
Sara Dossena
Dossena, ecco cosa è successo a Doha
Shelly Ann Fraser Pryce vince il quarto oro iridato sui 100 metri
Filippo Tortu
Doha 2019: Crippa eliminato nelle batterie dei 5000 metri 
Livigno: la nuova pista hi-tech pronta ad affrontare il futuro dell’atletica