fbpx
Eliud Kipchoge

Eliud Kipchoge campione (anche) di lettura

Di: Diego Sampaolo

Il primatista del mondo di maratona, Eliud Kipchoge, scopre la passione per la lettura durante il periodo del coronavirus.

Eliud Kipchoge sta raccontando la sua vita in questi giorni di auto-isolamento in un diario online pubblicato sul sito internet della BBC.
Il campione olimpico di maratona ha raccontato dei suoi allenamenti in solitaria e della sua vita durante il periodo di lock-down per l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia del coronavirus.

“Il training camp di Kaptagat è stato chiuso. I primi giorni di allenamento sono stati molto faticosi. Mi sveglio alle 6 del mattino e vado a correre per mantenere la condizione. Non sono abituato ad allenarmi da solo senza i miei compagni di allenamento Geoffrey Kamworor e Abel Kirui, la loro compagnia è una grande motivazione. Mi sento con il mio allenatore Patrick Sang, anche se soltanto al telefono. Ho preso sul serio i divieti del governo keniano. Tengo molto alla mia salute e a quella di mia moglie e dei miei tre figli. Per questo evito contatti con le altre persone. Ora ho imparato a godermi di più la famiglia e i miei cari”, ha detto Kipchoge.

Kipchoge avrebbe dovuto gareggiare alla maratona di Londra contro Kenenisa Bekele, ma il grande evento britannico è stato posticipato al prossimo 4 ottobre. Il duello tra Kipchoge e Bekele era particolarmente atteso soprattutto dopo la maratona di Berlino dello scorso settembre, dove l’etiope si è imposto in 2h01’41” mancando il record del mondo del keniano per appena due secondi.

“E’ un peccato che la maratona di Londra sia stata posticipata ma rispetto la decisione degli organizzatori perché la priorità è salvaguardare la salute del mondo. Il mio motto è un traguardo alla volta. La maratona di Londra è il mio prossimo obiettivo. Poi penserò poi alle Olimpiadi di Tokyo 2021”.

In aggiunta agli allenamenti, Kipchoge sta scoprendo anche la passione per la lettura dei libri.

“In questo periodo di quarantena sto cercando di ingannare il tempo dedicandomi alla lettura dei libri. Mi sto rilassando cercando di trascorrere serenamente le mie giornate. Il mio libro preferito è Talking to strangers.di Malcolm Gladwell. Inoltre ho letto per la terza volta I sette pilastri del successo di Stephan Covey. La corsa mi ha fatto scoprire la lettura. Amo in particolare le letture che esaltano gli aspetti motivazionali, come affrontare la pressione ed evitare quel senso di frustrazione che ti prende nei momenti più negativi”.

Kipchoge ha lanciato un messaggio pieno di speranza ai corridori in questo periodo difficile per l’intera umanità.

“Alle migliaia di corridori che hanno dedicato gli ultimi mesi delle nostre vite per il raggiungimento di un obiettivo, dico: Siate orgogliosi del lavoro che avete svolto, continuate a sorridere e cercate di porvi un nuovo obiettivo per continuare a correre in modo positivo e tranquillo”.

Clicca qui per leggere le prime reazioni di Kipchoge alle misure restrittive del governo keniano.