fbpx

Domenico Quirico è libero

Domenico Quirico è un uomo libero. L’inviato de La Stampa, ostaggio in Siria da oltre cinque mesi, è tornato ieri notte in Italia, accolto dal ministro degli esteri Emma Bonino all’aeroporto di Ciampino. In buone condizioni di salute, alla stampa ha dichiarato di non essere stato trattato bene dai suoi rapitori. Quirico era stato rapito insieme al professore belga Pier Piccinin, anch’egli rilasciato.

«È come se fossi stato cinque mesi su Marte. E ho scoperto che i marziani sono molto cattivi». Sono le sue prime parole dopo l’atterraggio secondo quanto riferisce La Stampa.

«Domenico #Quirico libero: Erano esattamente 5 mesi che aspettavamo questa notizia, commovente telefonata di Emma #Bonino». Cosi’ il tweet del direttore della Stampa Mario Calabresi dopo aver annunciato la liberazione di Quirico.

Noi di Correre abbiamo seguito questa lunga vicenda con apprensione e siamo felici che questa odissea sia volta al termine nel miglior modo possibile. Non possiamo che condividere le parole del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ha espresso «vivissimo apprezzamento per l’impegno dispiegato dal ministro Emma Bonino, dal ministero degli Esteri e dai Servizi per il successo di tutti i delicatissimi passi volti a garantire la libertà di Domenico Quirico».